Stato news
"L'allarme della Uil conferma quello che sosteniamo da tempo"

Occupazione, Gatta “Bene sindacati. No demagogia”

"Per non parlare del reddito di dignità"

Di:

Manfredonia. “L’allarme della Uil conferma quello che sosteniamo da tempo: la Puglia versa in uno stato di immobilismo totale e, al di là di interventi puramente demagogici, nulla è stato fatto per tutelare la dignità dei cittadini che può giungere solo e soltanto dal lavoro”. Così il vicepresidente del Consiglio regionale, Giandiego Gatta. “Pensiamo a Garanzia Giovani -prosegue- che in Puglia ha raggiunto i risultati più scadenti d’Italia, con un rapporto tra numero di domande prese in incarico e giovani realmente inseriti tra i più bassi a livello nazionale. Giovani illusi di poter essere inseriti nel mondo del lavoro, ma che si sono tristemente imbattuti in ritardi e disfunzioni di una mastodontica e costosissima macchina organizzativa regionale.

“Per non parlare del reddito di dignità”

Per non parlare del reddito di dignità. Anche qui, la sinistra ha sperperato soldi pubblici per una misura puramente assistenzialista, da cui non scaturisce alcuna chance occupazionale. È evidente che si tratti di visioni diametralmente opposte alle nostre: se Emiliano e la sua Giunta puntano all’assistenzialismo, noi ci battiamo per la produzione di lavoro vero e concreto che si crea riducendo la tassazione alle imprese, semplificando la burocrazia regionale e la legislazione. Purtroppo -conclude Gatta- dopo oltre un anno dall’inizio dell’era Emiliano non è stato portato avanti un solo provvedimento in grado di riformare strutturalmente il nostro sistema e i risultati sono, ahinoi, sotto gli occhi di tutti”.

Redazione stato quotidiano.it – riproduzione riservata



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati