Economia

Rossi: “Ricerca, Puglia indietro”. Capone e Fratoianni: “Non conosce la Puglia”


Di:

Nicola Rossi (fonte: legnostorto)

Bari – “Sorprende che un economista attento come Nicola Rossi citi dati così vecchi e così ampiamente superati non da statistiche regionali bensì da dati della Banca d’Italia e dell’Istat”, ha replicato la vicepresidente della Regione Puglia e assessore allo Sviluppo economico Loredana Capone a quanto affermato oggi da Nicola Rossi durante il convegno di Italia Futura. “Oggi la Puglia è una regione molto diversa da quella descritta da Rossi. A proposito di ricerca e innovazione, ribadisco che la Regione ha destinato a questo tema 1,763miliardi di euro nella programmazione 2007-2013, una delle quote più alte in Italia, in controtendenza rispetto al la programmazione precedente che aveva investito solo 80milioni di euro. Oggi la Puglia è la prima regione del Sud per numero di imprese innovative (ha il 5,8% di tutte le spin-off italiane), ma addirittura tra le prime a livello nazionale, con una prestazione superiore a quella del Trentino Alto Adige (2%), del Veneto (4,6%) e della Liguria (3,2%), e al primo posto con Toscana e Trentino per fatturato.

Secondo l’ultimo rapporto della Banca d’Italia, dopo anni di ritardi, l’attività di ricerca e sviluppo in Puglia ha registrato un enorme recupero. La spesa in R&S in regione è cresciuta più rapidamente che in Italia e nel Mezzogiorno. Anche sotto il profilo degli addetti alla ricerca, la Regione ha registrato un incremento significativo, più rapido che nel resto del Mezzogiorno: se nel 2002 gli addetti erano 1,3 ogni mille abitanti, nel 2008 erano diventati 2,0 ogni mille abitanti. L’output dell’attività innovativa, inoltre, misurato col numero di brevetti per milione di abitanti depositati presso l’European Patent Office, è più che raddoppiato tra il 2002 e il 2007. Non è un caso che la Puglia abbia trionfato al PNI 2010 (Premio Nazionale per L’Innovazione) ottenendo il primo, il quarto e il quinto posto per tre progetti selezionati dalla Regione. La Puglia descritta da Nicola Rossi oggi non esiste più”.

Sulla stessa lunghezza d’onda l’assessore alle Politiche giovanili e all’attuazione del Programma Nicola Fratoianni. “Anche sull’occupazione Rossi diffonde un prodotto preconfezionato sudati ampiamente smentiti da quanto ci ha detto l’Istat solo due giorni fa”, ha detto. ”La Puglia è la prima regione in Italia per incremento occupazionale con 49mila occupati in più nel secondo trimestre del 2011, un dato che in percentuale (+3,89%) supera quello italiano (+0,95%) e di tutte le ripartizioni geografiche. Abbiamo il tasso di occupazione che sale di 2 punti percentuali dal primo al secondo trimestre di quest’anno e in proporzione il tasso di disoccupazione che scende di 2,2 punti percentuali (dal 13,8% all’11,6%). È in discesa persino il tasso di inattività. Per ottenere questo risultato stiamo lavorando dalla fine del 2008 con mirate politiche anticicliche e dal 2011 con il Piano straordinario per il lavoro. Oggi la fotografia della Puglia è quella appena descritta. Non l’ha scattata il governo Vendola, ma l’Istituto nazionale di statistica. Demolirla a parole, non può scalfire questo quadro. Peccato che a farlo sia un pugliese”.

Redazione Stato

Rossi: “Ricerca, Puglia indietro”. Capone e Fratoianni: “Non conosce la Puglia” ultima modifica: 2011-10-07T09:17:05+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This