Stato newsStato prima
Attività coordinata dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Trani

Fermati pusher andriesi: 10 arresti

Di:

Bari. Nelle prime ore della mattinata, la Polizia di Stato ha dato esecuzione ad un provvedimento cautelare, in carcere e ai domiciliari, emesso, nei confronti di 10 persone, dal GIP presso il Tribunale di Trani, nell’ambito di un’attività investigativa coordinata dalla locale Procura della Repubblica che ha consentito di appurare l’esistenza una fiorente attività di spaccio gestita da persone collegabili a gruppi criminali locali nella zona prossima a Largo Grotte, piccola Piazza del centro storico di Andria.

L’attività investigativa nasce da una più articolata attività d’indagine scaturita a seguito della consumazione di una rapina a mano armata effettuata nel mese di agosto 2014 ai danni di una ditta della zona.

Dalle attività svolte, emerse contestualmente, che alcuni degli autori di tale reato predatorio erano assuntori di sostanze stupefacenti; gli agenti, a seguito di un’intensa attività d’indagine, grazie ai numerosi pedinamenti e alle perquisizioni eseguite, hanno dimostrato la presenza di un gruppo criminale che operava mediante contatti sia telefonici che diretti, che si svolgevano per lo più nell’anzidetta piazza. L’indagine svolta ha evidenziato la presenza di ben tre squadre dedite alla cessione di hashish, marijuana eroina e cocaina, di cui facevano parte gli odierni arrestati.

Nel corso delle indagini sono stati anche identificati e controllati numerosissimi acquirenti provenienti da tutto l’hinterland barese, finanche da Potenza, attesa l’alta qualità dello stupefacente venduto; alcuni di questi, a causa delle condotte poste in essere, sono stati denunciati per favoreggiamento personale, avendo tentato di fuorviare l’operato degli agenti nel vano tentativo di agevolare i loro fornitori. Di particolare interesse, in costanza delle operazioni in argomento, appare anche il sequestro effettuato in località Palo del Colle di oltre 1 kg di marijuana, per cui già è stato arrestato un altro pregiudicato, del sud barese.

L’operato degli agenti ha consentito di sequestrare circa 2 kg di stupefacenti tra cui circa 800 gr. di cocaina. Dall’indagine svolta è emerso altresì l’allarmante dato per cui gli spacciatori, attraverso un vero e proprio servizio di marketing, trattenevano a sè i tossicodipendenti desiderosi di uscire dal giro. Infatti dalla attività svolta è stato riscontrato che, notata l’assenza di un acquirente per lungo tempo, era lo stesso spacciatore a rintracciarlo, pubblicizzando la buona qualità del prodotto venduto al momento.

In tal modo si è consacrato il dato più allarmante atteso che il gruppo, percepita la volontà del tossicodipendente di disintossicarsi, non solo lo riagganciava d’iniziativa, ma arrivava addirittura ad offrirgli “ roba di qualità ” gratis, con il solo intento di trattenerlo ancora nella diabolica tela della tossicodipendenza.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati