Foggia
Sala gremita e "applausi da star" da colei che è stata definita a più riprese, durante la serata, come "la madre della Politica"

Bonino a Foggia “Integrazione: lavorare più di testa e meno di pancia”

Il Presidente della Regione Puglia: << L’ altro visto sempre come risorsa da cui attingere qualcosa


Di:

Foggia. APiù integrazione, più partecipazione, più Condivisione Responsabilmente. Guarda l’altro come Risorsa e l’altro “ti ripagherà” in voglia di fare, lavorando fianco a fianco. Formazione, informazione, conoscenza, per guardare oltre “la copertina patinata di un libro o di un schermo full HD”.

Obbiettivo: raccogliere firme e adesioni al fine di promuovere nuove politiche sull’ immigrazione.

Queste alcune delle idee svisceratesi durante l’incontro tenutosi presso la Sala del Tribunale di Palazzo Dogana, in Piazza XX Settembre a Foggia, a partire dalle ore 18.00 c.a., lo scorso 6 ottobre 2017, dal titolo: “Ero Straniero: l’umanità che fa bene”, davanti a un pubblico di studenti e appassionati del settore.

Nel corridoio adiacente, allestito per l’occasione, banchetto per raccolta firme, copiosa l’adesione. L’iniziativa è stata realizzata sinergicamente e operosamente, ha sottolineato “a cappello introduttivo” il moderatore, da Associazione Radicale Maria Teresa Di Lascia, A.C.L.I. (Associazioni cristiane dei lavoratori italiani), A.R.C.I. (Associazione Ricreativa e Culturale Italiana), A.S.G.I. (Associazione Studi Giuridici sull’ Immigrazione).

Presenti alla Tavola Rotonda, punto di partenza e non di arrivo, come il moderatore Umberto De Giovannangeli non ha smesso mai di “sottolineare quasi con matita blu”, il Presidente della Provincia di Foggia, dottor Francesco Miglio, il dottor Antonio Russo, responsabile nazionale dipartimento immigrazione della Presidenza nazionale delle A.C.L.I., la dott.ssa Francesca Chiavacci, presidente nazionale A.R.C.I., il dottor Aldo Ligustro, direttore dipartimento Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Foggia e Michele Emiliano, Presidente della Regione Puglia.

“Ospite d’ onore”, Emma Bonino.

Sul vidiwall, durante l’iniziativa, disegni, realizzati per l’occasione, dal vignettista Umberto Romaniello. Tra gli organizzatori, ringraziato “a piene mani” dalla stessa Emma Bonino, presente al tavolo dei relatori, Norberto Guerriero che, oltre ad essere studente dell’Università degli Studi di Foggia è anche uno dei responsabili “Associazione Radicale Maria Teresa Di Lascia”, presente sì nel Capoluogo Dauno, ma con “radici ben piantante” anche e soprattutto su tutto il Territorio del Sub Appennino Dauno.

Il Presidente della Provincia di Foggia dottor Francesco Miglio ha evidenziato l’importanza che l’integrazione, non solo politica ma anche e soprattutto “nel tessuto sociale”, deve avere come strumento di crescita della persona, con diritti e doveri da rispettare e salvaguardare. Il tutto, ha continuato ancora quest’ ultimo, “tenendo ben a mente” i capisaldi di una società civile: Famiglia, Scuola, Lavoro.

Idee rinfrancate dal dottor Antonio Russo, Responsabile dipartimento immigrazione della Presidenza nazionale A.C.L.I., (Associazioni cristiane dei lavoratori italiani) e dalla dott.ssa Francesca Chiavacci, Presidente Nazionale A.R.C.I. (Associazione Ricreativa e Culturale Italiana).

In seguito, il dottor Aldo Ligustro, Direttore dipartimento Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Foggia prima, ha riecheggiato l’importanza che questi incontri hanno, “non come solita passerella di personaggi più o meno noti al grande pubblico, in occasione di chiamate referendarie o di elezione”, ma come momento di formazione e informazione per far crescere consapevolmente la voglia di leggere, approfondire, conoscere, soprattutto “tra i banchi di scuola”.

Idee ribadite anche dalla dott.ssa Francesca Chiavacci, Presidente Nazionale A.R.C.I. (Associazione Ricreativa e Culturale Italiana).

Questa ha voluto rimarcare come tutte le associazioni promotrici della serata, col Patrocinio della Provincia di Foggia e della Regione Puglia, si impegnano “ogni giorno”, fianco a fianco, con dedizione, passione, spirito di abnegazione, sinergicamente, mettendo in campo piccole e grandi competenze al servizio non di pochi ma dell’intera collettività. Parole chiave del suo intervento: “Non rinchiudersi nelle solite mura accademiche, ma scendere in campo, “in Comunione con l’Altro”.

Nella seconda parte dell’iniziativa, “parola e microfono” a Emma Bonino, accolta dal “quasi tifo da stadio” in platea, che ha rincalzato l’importanza che l’integrazione deve avere “non come moda da seguire”, ma come sinonimo di accoglienza, termine semplice ma spesso poco usato e “bistrattato”.

Parola che, ha ridondeggiato quest’ultima, interrotta da “festosi applausi” del pubblico attento e compatto, è divisa in due parti: cogliere (qualcuno), dicendo: “benvenuto a casa mia, nel mio Paese, sono pronto(a) ad ascoltarti e a farsì che anche tu, come me, possa godere degli stessi diritti e doveri che io ho conquistato nel tempo”.

Filo conduttore del suo intervento e dell’intera manifestazione, con la partecipazione anche di “immigrati” ma perfettamente integrati in Italia che, hanno avuto modo di sottolineare un po’ tutti i relatori, si sono ben inseriti nel “tessuto sociale”, formandosi, frequentando gli Istituti superiori, l’Università e acquisendo competenze utili a far crescere l’economia del Territorio: L’ altro visto sempre come Risorsa da cui attingere qualcosa, “strumento di inclusione e non divisione”.

Al termine, foto di rito, strette di mano e applausi a scena aperta.

Marco Bonnì

Bonino a Foggia “Integrazione: lavorare più di testa e meno di pancia” ultima modifica: 2017-10-07T17:47:57+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This