Manfredonia
Venerdi 11 alle ore 09.00 in Via Barletta

Collettivo InApnea “Energas, corteo pubblico. Il NO invada tutta la città”

"Ci trovate nei mercatini, davanti ai supermercati, nelle strade e nelle piazze per informare e mobilitare i cittadini e le cittadine verso il referendum del 13 novembre"

Di:

Manfredonia. ”Chi siamo? Lo sapete benissimo. Siamo i giovani che negli ultimi due anni hanno costruito il movimento cittadino #noenergas attraverso manifestazioni, assemblee, dibattiti e azioni di protesta. In due anni abbiamo messo sotto critica un progetto che mira a devastare il nostro territorio senza offrire nulla in cambio alla nostra città. Abbiamo analizzato e studiato a fondo un progetto che non condividiamo. Abbiamo riannodato i fili delle memoria con l’incidente dello stabilimento Enichem del 1976 e con una storia di lotte che passa dalle quattro giornate del 1988 e arriva ai cancelli della ManfredoniaVetro presidiata: sappiamo che la nostra città non è il deserto di partecipazione e democrazia che molte lobby vorrebbero. Proprio perché abbiamo conosciuto una città diversa sappiamo che è possibile rimetterla in moto, cominciare a costruire, a partire dalla difesa della nostra terra, una stagione di dissenso e democrazia: costruire una dibattito cittadino ed una grande protesta per uno sviluppo diverso, uno sviluppo che porti lavoro, salute e dignità.

Ci trovate nei mercatini, davanti ai supermercati, nelle strade e nelle piazze per informare e mobilitare i cittadini e le cittadine verso il referendum del 13 novembre: abbiamo scelto di metterci in gioco senza sponsor e senza padrini per provare a scrivere una straordinaria pagina di democrazia, una incredibile giornata di dissenso.

Vi invitiamo a coinvolgere gli indecisi ed i rassegnati, a trascinare al voto gli scettici ed i giustamente delusi dalla politica: questa non è una elezione, è la lotta di un popolo. Vi chiediamo di impiegare venerdi 11 novembre per una giornata intera a supporto del NO al referendum cittadino: dai balconi alle maglie, dalle auto alle vetrine dei negozi facciamo in modo che il NO invada la città e contagi tutti e tutte, ognuno con i suoi mezzi di espressione e le sue convinzioni. L’appuntamento per far partire questa grande giornata di contestazione è venerdi 11 alle ore 09.00 in Via Barletta, nei pressi dell’istituto “ITE Toniolo” per dare vita ad un corteo cittadino che possa partire dagli studenti e coinvolgere tutta la città”.

NO ENERGAS

NO ENERGAS



Vota questo articolo:
23

Commenti


  • Cico

    Invece di stare ai mercatini, ai supermercati, e nelle piazze, perché non andate a lavorare?


  • Cittadino indignato


  • "2NO"

    Si ma non potete coinvolgere sempre i ragazzi delle scuole,cosa centrano loro? Siamo noi che dobbiamo andare in piazza no i nostri ragazzi,lasciateli studiare, altrimenti diventano comunisti come voi.


  • Mister x

    Giusto, se voi non avete niente da fare, fate voi la manifestazione, lasciate perdere i ragazzi delle scuole, che quest’anno hanno fatto abbastanza scioperi per i vostri pruriti di c….


  • cin cin

    Attendismo un comizio di Campo. Abbiamo ordinato 6 quintali di pomodori.


  • Menaldonialik

    Non riuscirete mai a mettere il bavaglio a questi meravigliosi ragazzi che sono molto sensibili.


  • La politica disastro della città ed ora anche dei giovani

    Fa veramente male vedere come sia facile per gente senza scrupoli manipolare i giovani.


  • dino giordano

    Quelli che vogliono Energas perchè crea posti di lavoro,siete liberi di fare quello che vi pare ma 70/100 posti di lavoro con un super impianto che potrebbe(dico potrebbe) saltare in aria come la mettiamo?
    sicuramente avrà tutte le garanzie e sicurezze perchè impianti di ultima generazione e allora? Non era un impianto moderno quello dell’Anic che scoppio nel 1976?
    Diciamo no all’Energas perchè non vogliamo vivere nella paura che possa succedere di nuovo il peggio in cambio di 4 rajanell!
    I ragazzi fanno troppi scioperi? Magari li facessimo tutte/i staremmo sicuramente meglio e chi ci s/governa non dormirebbe sonni tranquilli.
    Saluti


  • Enercamp

    Domenica prossima si va a votare. Domanda? La sinistra locale non ha organizzato un comizio in Piazza con esponenti politici locali e nazionali. Chiedetevi il perché.


  • Antonio

    Per avere un buon riscontro di presenze partono dalla scuola che ha più iscritti a Manfredonia.

    I ragazzi ovviamente sono ben contenti di prendersi un giorno di vacanza.

    Vergogna!!!


  • Mister x

    Bisognerebbe mandare a quella scuola un paio di pattuglie dei carabinieri per far si che non obbligano i ragazzi a fare sciopero, specialmente se si tratta di minorenni.


  • Cico

    BASTA. CI AVETE ROTTO LE SCATOLE VOI E L`ENERGAS.NON LO CAPITE CHE VI STANNO STRUMENDALIZZANDO. SIETE COSI COCCIUTI CHE NON RIUSCITE AD APRIRE GLI OCCHI. I GIOCHI ORMAI SONO FATTI. IMPIEGATE IL VOSTRO TEMPO PER ANDARVI A TROVARE UN LAVORO.

  • Ma porca miseria, non vi chiedete come mai non si fa nessun comizio politico? Avete le bende davanti agli occhi?


  • Sciambrgnol

    Questa gentaglia anonima serva credeva che noi sipontini fossimo tutti scemi..lasciate perdere ormai MAnfredonia si e’ svegliata se ne sono accorti persino i burattinai -! E mo so -vostri l!


  • A cena e a letto con il nemico

    I politici sipontini di SN e DX sono stati tutti citati..sono loro i traditori di Manfredonia.


  • Antonio Trotta

    @dino giordano il tuo intervento è retorico.
    La Manfredonia Vetro da sicuramente più posti di lavoro però aveva un altoforno ed immetteva nel’aria e scaricava in mare sostanze cancerogene e nessuno ha detto nulla.
    Continuate a comprare le mele con le cipolle. Dall’Anic ad oggi sai quante cose sono cambiate. Quante leggi sono state emanate in materia (visto che non la di cita più la famosa legge Seveso).
    Resta sempre una mia osservazione. Si continua a dire no all’Energas. Una città che sta facendo solo questo perché il suo problema è un’azienda che vuole investire sul territorio e nessuno o ci parla di:
    – Ospedale;
    – Tasso di disoccupazione;
    – Bonifica zona Enichem;
    – Situasione ambientale post Manfredonia Vetro;
    – Stato dell’arte di possibili investimenti dell’Eni in zona Enichem (da capire di cosa sia tratta);
    – se l’impianto GPL lo installasse l’Eni a macchia?


  • Francisk U Malandrine

    A cico dico solamente va sciuppe i cico-rie alla muntagne e minete da sopa a muntagne ABBASCHE possibilmente de chepe………..a mister x ji penze ca i carabbenire hannà venì a castete e purtarte inda nu manecomie cremenele … site duje pisciature quaqquaraccuà…. x2 no menu mele ca esistene sti giovene ca cumbattene pi strunze accume e te……minete fore e cumbatte cacasotte…….IO VOTO NO E FARO’ VOTARE NO


  • Canna del Gas

    Bravi ragazzi continuate così. Chi ve lo fa fare.


  • No all'Energas

    I giovani fanno bene a manifestare e protestare contro un mostruoso megadeposito (in una zona sismica) che, oltre a non dare lavoro, compromette seriamente la pesca, il turismo e l’ambiente.


  • dino giordano

    Vogliamo Energas e basta,vero antiretorico? Credi veramente che ci serva questo maledetto impianto? Inquinamento, disoccupazione, area depressa economicamente con nuove industrie tutte (naturalmente) fallite(anni 90).
    Gli imprenditori che vogliono investire a Manfredonia non hanno altri progetti
    diciamo meno impattanti?
    Per quale motivo dovremmo dire di Si? E se l’impianto si fa a Macchia?
    Sei libero di pensare che energas sia un buon investimento? Beato te


  • Sveglia !!!

    Dino Giordano mi dici chi è pronto ad investire a manfredonia ?
    Mi fai nome e cognome e mi dici che tipo di vestimento vogliono realizzare e con quali soldi ?
    Parlate di vocazioni , ma senza cose concrete !
    Mi dici chi investe e su cosa ? Su alberghi ? GLI ALBERGHI CHE HANNO APERTO SE NE STANNO CADENDO MARCI A PEZZI DOPO ESSERE FALLITI !
    Hai qualche imprenditore che con soldi propri è pronto a fare un investimento ?
    La risposta è sempre la stessa : NO !
    Non c’è nessuno e nessuno vuole metterci un solo euro , ma in compenso ci concediamo anche il lusso di rifiutare chi di euro suoi c’è ne mette 100 milioni di cui 5 vanno a riparte un pontile del porto abbandonato da anni perché non ci sono soldi.
    Poi ci lamentiamo che abbiamo la disoccupazione !
    A manfredonia non si vuole nulla ! Siamo stati capaci di litigare perfino con il circo !
    Manfredonia una città morta è vecchia dove chi ha la pensione o un po’ di soldi , vuole svegliarsi alle 10 del mattino , passeggiare per il corso , andare più a pranzo con relativa pennichella pomeridiana e poi nuovamente struscio per corso Manfredi a spettegolare magri gustandoci un gelatinoso di Tommasino !
    Vergogna !!


  • dino giordano

    Sveglia!!! non devo farti i nomi e cognomi di imprenditori che vogliono investire a Manfredonia. Non capisco perchè siccome c’è il”deserto economico” ad un megaimpianto bisogna dire di si. Impatto ambientale? nessun problema. Rischi incidenti? nessun problema. Danni per i pescatori e la loro attività?nessun problema. Turismo lasciamo perdere.
    Non dovremmo neanche stare a discutere e scannarci sul Si ed il No se avessimo una classe politica ed un popolo sveglio(perchè dormiamo troppo)
    Dovremmo dichiarare il nostro territorio LIBERO da produzioni nocive, inquinanti e pericolose. Sulle abitudini dei manfredoniani, il gelato, lo struscio,la chiacchiere , i pettegolezzi, conosci posti in Italia dove ciò non avviene?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati