Manfredonia
Nota stampa

F35 ad Amendola “Le macchine della morte in una terra di pace”

"L’Ambasciata di Pace di Foggia"

Di:

Foggia. ”Arrivano gli F35 predisposti per le bombe nucleari degli USA all’aeroporto militare di Amendola, nel silenzio omertoso delle istituzioni e nell’apparente indifferenza della cittadinanza, male informata dalla stampa locale. L’Ambasciata di Pace di Foggia, Forum delle associazioni per la pace istituito presso Palazzo Dogana (Provincia di Foggia) intende denunciare questa ennesima prevaricazione della Costituzione (“L’Italia RIPUDIA la guerra…”, articolo 11) da parte dello stesso governo che ha recentemente votato contro la risoluzione dell’ONU sulla messa al bando delle armi nucleari, un governo che conferma la stretta alleanza con la Turchia avviata verso una deriva autoritaria, e che continua a consentire e promuovere la vendita di armi all’Arabia Saudita, comprese le bombe sganciate dall’aviazione saudita sulla popolazione civile dello Yemen. Questi atti sono già sotto inchiesta ONU come crimini di guerra. Il consueto “muro di gomma” alzato dalla classe politica e dai media allineati, non ha consentito una mobilitazione della cittadinanza attiva.

Foggia ripudia la guerra e, mantenendo viva la memoria dei bombardamenti dell’ultima Guerra Mondiale, rifiuta con forza il coinvolgimento nelle logiche di guerra che stanno funestando il mondo, e rivendica la sovranità democratica calpestata dalle decisioni prese a Washington, con l’aggravante di spese enormi effettuate in un periodo di grave crisi sociale”.

L’Ambasciata di Pace di Foggia



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • appunto

    Facciamo come per l energas diciamo tutti in coro no
    Al gas che non inquina diciamo no ma diciamo si al nucleare


  • SATANELLO DOC

    NO ENERGAS
    NO BOMBE NUCLEARI
    NO FERROCISTERNE SOTTO I BALCONI DI FOGGIA
    NO AUTOBOTTI NELLA STATALE 89

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati