Controlli svolti dalla Squadra Mobile di Foggia e dalla Guardia di Finanza di Bari

Miucci, Pettinicchio e Lombani fermati su A14: all’interno auto pistole e cartucce

Dopo le formalità di rito, le tre persone fermate sono state condotte presso la locale Casa Circondariale a disposizione dell’Autorità Giudiziaria

Di:

Manfredonia. Nelle prime ore di sabato 5 novembre 2016, nell’ambito di un servizio congiunto mirato a prevenire eventuali rapine in ambito stradale, svolto dalla Squadra Mobile di Foggia e dalla Guardia di Finanza di Bari, è stata sottoposta a controllo, all’altezza dell’autostrada direttrice stradale A 14 nei pressi di San Severo, un’autovettura modello Ford Fiesta a bordo della quale vi erano i noti pregiudicati Enzo Miucci, nato a San Giovanni Rotondo (FG) classe 1983, Matteo Pettinicchio, nato a S. Giovanni Rotondo (FG) classe 1985 e Libero Lombani, nato a San Giovanni Rotondo (FG) classe 1987.

armi sequestrate

armi sequestrate

I primi due con precedenti per reati associativi di stampo mafioso. Nel corso della perquisizione all’interno dell’autovettura, occultati nel vano airbag sono state rinvenute tre pistole, in particolare, una pistola semi-automatica di marca BERETTA, calibro 7.65, completa di caricatore, con nr. 5 cartucce dello stesso calibro; una pistola semi-automatica di marca BROWNING cal. 6.35, con canna appositamente modificata allo scopo di poter inserire un congegno di silenziamento; una pistola semi-automatica di marca WALTHER calibro 9 mm. completa di caricatore con all’interno nr. 7 cartucce. Inoltre è stato rinvenuto un silenziatore della lunghezza di cm. 20, oltre a ventidue proiettili cal. 7.65 e due proiettili cal. 6.35.

Dopo le formalità di rito, le tre persone fermate sono state condotte presso la locale Casa Circondariale a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

FOTOGALLERY

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
7

Commenti


  • mentalist

    Pure i- mo con le pistole in mano? ? È finito proprio il mondo…


  • P.

    Tre signori di Monte Sant’Angelo. (quarto commento,ndr)

  • (Buongiorno, la invitiamo alla moderazione ricordandole che in caso di ulteriori insinuazioni affideremo i suoi commenti al nostro ufficio legale; si tratta di un click sulla categoria e la notizia è stata diramata da Bari,ndr)

  • speriamo buttino le kiavi!!!!!! ma tanto non cambia mai niente!!!!!


  • demonforum

    Era presumibile. A Monte c’è solo calma apparente. Si respira un clima strano: quasi la calma prima della tempesta. Invitiamo le autorità a vigilare. E’ ancora il fulcro della mafia garganica.


  • Giuseppe

    Due di questi galantuomini sono citati nella relazione sullo scioglimento del Comune di Monte per intrecci con l’amministrazione comunale. Basta leggere la relazione pubblicata in gazzetta ufficiale. Poi secondo gli ex amministratori la mafia non esiste a Monte….. Noooooooo non esiste….


  • Mimmo

    Il cerchio comincia a stringersi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati