ManfredoniaMonte S. Angelo
Con la Società cooperativa Gli Angeli arl

Monte. “Interdittiva antimafia”, risolto contratto per gestione “Bagni pubblici” zona Castello

"L"L’informazione antimafia consiste, ai sensi del comma 3 dell’art. 84 del D.Lgs 159/2011, nell’attestazione della sussistenza o meno di una della cause di decadenza, di sospensione o di divieto di cui all’art. 67 del medesimo D.Lgs."


Di:

Monte Sant’Angelo. CON recente determina a firma del responsabile del Settore Gestione del territorio del Comune di Monte Sant’Angelo, Arch. Giampiero Bisceglia, è stata dichiarata la risoluzione del contratto per il “Servizio di Gestione Bagni Pubblici”, sottoscritto con la Società cooperativa Gli Angeli arl di Monte Sant’Angelo, “in quanto nei suoi confronti è stata emessa dalla Prefettura di Foggia interdittiva antimafia” (vedi articolo Monte. “Interdittiva antimafia”, risolto contratto con Coop “Gli Angeli” arl, “Servizio di ‘gestione servizio di parcheggio autoveicoli e autobus in zona Castello ex campo sportivo'”,ndr).

Come emerge dall’atto, il Comune di Monte Sant’Angelo è proprietario di immobili siti nel centro urbano, destinati a bagni pubblici, siti in Via Carlo d’Angiò; Via d’Angelantonio; Zona Castello nei pressi del parcheggio ex campo sportivo; Via Zuppetta (Zona Mercatale) in fase di recupero.

Con determinazione del Responsabile del Settore Gestione del Territorio n° 513 del 22/06/2017, a valle delle verifiche dei requisiti ai sensi dell’art. 11, comma 8, del D.Lgs. 163/2006, e ss. mm.ii era stata aggiudicato definitivamente il servizio per la gestione definitiva del “ Servizio di Gestione Bagni Pubblici” alla Soc. Coop. Gli Angeli arl di Monte Sant’Angelo.

Si fa riferimento ad un servizio relativo ad una durata 5 anni con importo di € 18.000,00 complessivo, corrispondente ad un canone annuo del servizio di € 3.600,00.

Come già anticipato, con nota acquisita agli atti del Comune di Monte Sant’Angelo, la Prefettura di Foggia ha trasmesso l’informazione antimafia interdittiva adottata con provvedimento del 17/10/2017 nei confronti della citata Soc.Coop. Gli Angeli arl “in quanto gli elementi oggettivi raccolti nel corso dell’istruttoria, avviata, ai sensi dell’art. 91 Codice Antimafia, suffragano il quadro indiziario della presenza di possibili situazioni di infiltrazioni mafiose, tendenti a condizionare le scelte e gli indirizzi di codesta impresa”;.

“L’informazione antimafia consiste, ai sensi del comma 3 dell’art. 84 del D.Lgs 159/2011, nell’attestazione della sussistenza o meno di una della cause di decadenza, di sospensione o di divieto di cui all’art. 67 del medesimo D.Lgs.”.

atto in allegato
det_00755_03-11-2017

Redazione StatoQuotidiano.it

Monte. “Interdittiva antimafia”, risolto contratto per gestione “Bagni pubblici” zona Castello ultima modifica: 2017-11-07T19:27:01+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi