Lavoro

Assostampa: “bandi sospetti Regione per selezioni pubbliche”

Di:

Il presidente di Assostampa Puglia, raffaele Lorusso (lucerabynight.it)

Bari – “CON l’approssimarsi delle festività natalizie, la Regione Puglia rispolvera (…) bandi per addetti alla comunicazione, cavallo di Troia per reclutare giornalisti, aggirando qualsiasi tavolo di confronto sindacale”.

“Il riferimento è a un incarico di collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co.) biennale per complessivi 50mila euro di supporto all’assessorato al federalismo, il cui bando è stato pubblicato sul Bollettino ufficiale regionale numero 176 del 6 dicembre scorso”.

«Oltre a spacciare per comunicazione ciò che in realtà è attività di informazione, quindi giornalistica, la partecipazione alla selezione – scrive in una nota Raffaele Lorusso, presidente Assostampa Puglia – viene riservata ai soli giornalisti pubblicisti, escludendo i giornalisti professionisti, in palese violazione della legge 150/2000». «Ancor più curioso – continua Lorusso – è poi il possesso da parte dei partecipanti del requisito esclusivo della laurea specialistica in Lettere classe LM-65, che corrisponde alla laurea specialistica in Scienze dello spettacolo e cultura teatrale. Che cosa c’entrino lo spettacolo e il teatro con il federalismo, il sistema degli enti locali e la conferenza Stato-Regioni, per le cui attività di informazione si intende conferire l’incarico, non è dato sapere. Oltre alla chiara illegittimità, che potrà facilmente essere fatta valere in giudizio dai concorrenti esclusi, quel che risalta – conclude il presidente di Assostampa Puglia – è l’assoluta singolarità di questo bando, che come altri del recente passato alimenta il sospetto di trovarsi in presenza dell’ennesimo vestito cucito addosso a persone individuate in precedenza o comunque contigue a qualche esponente politico.”

Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi