Cronaca

Caserta, scavi abusivi in aree sottoposte a vincolo paesaggistico (VD)

Di:

Militari della Guardia di Finanza (STATO@)

Caserta – I militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Piedimonte Matese, in collaborazione con il Reparto Operativo Aereonavale di Napoli, hanno scoperto scavi abusivi in una vasta area limitrofa al Fiume Volturno nel Comune di Ruviano (CE). Due i soggetti denunciati all’Autorità Giudiziaria e 35.000 i mq. di terreno sottoposti a sequestro.


L’operazione di servizio è scaturita dall’attività info-investigativa e di controllo del territorio eseguita nei giorni precedenti all’intervento, che ha consentito alle Fiamme Gialle di acquisire informazioni concernenti possibili sbancamenti delle rive del fiume Volturno da parte di imprenditori locali operanti nel settore dell’edilizia.

Mirati appostamenti hanno consentito ai finanzieri di individuare un consistente traffico di camion che, inoltrandosi nelle strade poderali di accesso al fiume, facevano perdere le loro tracce. Per questo motivo, e in considerazione delle difficoltà operative dovute al particolare contesto morfologico del territorio, veniva richiesta la collaborazione della Sezione Aerea di Napoli per il sorvolo delle rive del Volturno, mediante il quale è stato possibile individuare diversi siti nei Comuni di Ruviano (CE) e Puglianello (BN), da dove veniva abusivamente prelevato composito vario come sabbia, ghiaia e pietrisco.

L’intervento congiunto tra la componente aerea e quella terrestre ha consentito di sorprendere, nel tenimento del Comune di Ruviano (CE), due persone che, servendosi di un camion e di un escavatore, stavano sterrando gli argini del fiume Volturno, estraendo e caricando materiale inerte cd. “misto di fiume”. Le ulteriori attività di indagine hanno permesso di individuare altre aree nella Provincia di Benevento, precisamente nel Comune di Puglianello, che venivano analogamente utilizzate da ulteriori due responsabili.

I successivi accertamenti, esperiti anche con la collaborazione del personale dell’ARPAC di Caserta, hanno consentito di accertare che le aree utilizzate per l’estrazione del materiale, per mascherare l’illecita attività, venivano successivamente ripianate con materiale proveniente da demolizioni e scarti di costruzioni edili.
Gli scavi abusivi hanno causato ingenti danni ambientali all’eco sistema del fiume Volturno, con alterazione delle sponde fluviali e abbassamento dell’alveo, mettendo in pericolo le zone circostanti da possibili inondazioni.

I quattro responsabili sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per i reati di furto aggravato, estrazione abusiva di inerti fluviali e opere abusive su aree tutelate per legge. Le indagini sono tuttora in corso per accertare la destinazione del materiale estratto, identificare gli acquirenti e ricostruire il volume d’affari dell’illecita attività.

VIDEO



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi