Manfredonia

Scomparsa prof.ssa Spada, il cordoglio dell’ex sindaco Campo

Di:

La prof ssa Spada con il prof Di Biase (St)

Foggia – “LA scomparsa di Valeria Spada ci priva della sua garbata determinazione a costruire un’università sempre più radicata e ramificata nel territorio che la ospita. Quand’ero sindaco di Manfredonia, ho avuto il piacere di conoscerla ed il privilegio di condividere con lei la sperimentazione del decentramento dei corsi universitari: impresa a cui si dedicò con entusiasmo contagioso nulla immaginando dei devastanti effetti che avrebbero avuto le scelte governative orientate alla destrutturazione del sistema dell’istruzione pubblica”. Lo dice in una nota l’attuale segretario provinciale del Pd Paolo Campo.

“Sono sinceramente rattristato dalla sua dipartita e, anche a nome dell’intera comunità del Partito Democratico, esprimo il più sentito cordoglio ai suoi familiari e amici”.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • luis

    una domanda, ma campo è il responsabile unico dei contratti d’area di manfredonia\gargano? se è si allora è responsabile del futuro dei nostri figli, perchè i contratti se gestiti bene dovrebbero creare lavoro e benessere, è stato promosso come poitico perchè è riuscito a gestire bene i contratti o per il contrario? se gestiti bene i contratti dovrebbero arricchire l’intero circondario, cosa è avvenuto a manfredonia e d’intorni? un disastro tanti giovani illusi e rovinati e i politici fanno carriera, io mi sarei vergognato.

    (già responsabile, subentrante al passato sindaco e sostituito da quello successivo, NDR)


  • Grazie Stato Quotidiano

    L’avv.Campo è stato anche Sindaco della città x un decennio e si è specializzato diventando anno dopo anno il supremo ———–della spesa pubblica,
    sull’altare del ———–, per un periodo gli stava accanto anche l’attuale sindaco della città, all’epoca ritenuta vera punta di diamente per la squadra di Campo, un lancio di una serie di opere pubbliche ideate anche per ricevere consenso popolare, ma qualcuna in meno si poteva fare, anche perchè ora il Comune parrebbe pagare un milione di euro di interessi sul debito pubblico (quasi duemiliardi di vecchie lire) immaginando solo la metà di spese x interessi, voi lettori potrete immaginare quante case popolari si potevano costruire e donare alle giovani coppie o a coloro che sono più svantaggiati economicamente.
    infatti in quel decennio sono stati accumulati decine e decine di milioni di euro di debiti. Un fardello davvero colossale che si riversa sui contribuenti e che si riverserà sulle future generazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi