CulturaManfredonia

Sulle orme di un latitante in fuga tra la nebbia

Di:

Sull’orma di un latitante in fuga tra la nebbia (archivio, melusina@)

IL canale era rigido, di un’acqua tesa dal fastidioso freddo umido che intollerante evaporava di fumo tra gli alberi che dormivano, con il suono che veniva dal vapore del porto meraviglioso di Manfredonia, in mezzo al mare avvertiva la pericolosità alle barche a non uscire per la pesca. Le campagne vicino alla Basilica regolarizzavano lo scorrere del tempo che lento odorava di frasche secche,dove il latitante si camuffava come un invero dall’inizio di una presenza invisibile.

La casa del cantoniere era fuori dal paese, rossa di spalle alle montagne, tagliava il vuoto della statale per Foggia e lo svincolo per le zone Salinari che portano fino a Bari. Mentre la Polizia e il Questore sonnecchiavano nelle mattine di un orologio che faceva tardi l’ora con un suo spostarsi a linea rotatoria inconclusa tra le sigarette della Questura marittima,proprio quando i poliziotti tracciavano segni e misure del nulla appassionati nella loro ricerca, ormai da mesi. I passeri di petto bianco con piume color saio da monaco erano tra i rami bassi di foglie,e sui muri di tufo.

Bardonetta, eccolo, venire fuori da una macchia accanto alla cava..questo era il suo soprannome,con la mano nella tasca di un pantalone con aria insignificante,ma temuto come assassino malavitoso attrezzato a nascondigli più impensati di tane anche sotterranee. Le distese di natura si univano al torbido cielo che raccoglieva pezzi di rifiuti accesi, in faccia al suo respiro amaro,sputava tosse,di fronte al precipizio col piede alto e di testa tra le canne molto alte e dorate da ingiallire un campo, in particolare mentre lui fumava nel sospetto della sua intersoggettività squallida,annusava dei cani messi al piscio tra automobili abbandonate in scarrucolio continuo degli anni settantaquattro . Dove le strade erano sporche di ruote nere e copertoni squartati accantonati tra i marciapiedi.

Ma suonava ancora il vapore che alterava l’umore già preoccupante come un alito sulla città impaurita. Fu un giorno a mezzogiorno in punto, in un luogo opposto, quando alcune casalinghe videro in un rione che portava su in via Elvio Giustino,dove c’erano case contadine popolari..uscire Bardonetta, da una pattumiera sparando in aria come un forsennato,correndo verso macchie di fichi d’india. Pensare che a suo carico aveva come imputazione condanne per lo sfruttamento della prostituzione, furti vari,sparatorie su persone che ferì in modo feroce, forse si parlava anche di qualche omicidio ..sicuramente . Datosi alla macchia era ormai diventato una bestia allo sbando, un maiale, cadavere d’aspetto, ossuto vomitava l’anima correndo questa volta verso grotta Scaloria Occhiopinto. Quando cadde a un certo punto ancora di più la nebbia così fitta da non riuscire a intravedere neanche i suoi passi di latitante rabbioso, per la via che portava su alle nostre due frazioni della montagna.

Ma poi una tormentosa sera, si era accanito contro un altro delinquente fino a sfidarlo a un appuntamento in una sfida a morte, sull’asfalto nero, sotto una luna che illuminava la tarda notte,vicino al campo dei Scalabriniani, avevano deciso di spararsi per motivi personali..mentre l’ uno era distante dall’altro a ventitrè metri! Proprio mentre stavano per afferrare la pistola e mirare ad uccidersi … ecco che successe qualcosa di inaspettato ! Arrivarono tre colpi da sparo da dietro un muretto da uno sconosciuto coperto da una luce di ombra che uccise Bardonetta in una pozza di sangue, con la testa rivolta per terra. Solo così la Polizia mise fine al suo caso,arrestando poi il suo assassino! Con la sua voce stanca e pacata,un commissario nel suo modo dal carattere serioso ,rispose:– In un solo colpo si è messo fine a queste due storie parallele, così proprio come le onde del mare quando cambiano spesso colore nell’inverno, e che, inumidisce i metalli delle ringhiere che si coprono di ruggine.

(A cura del poeta e cantautore Claudio Castriotta)



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Barto

    Che storia ragazzi del Castriotta
    vai Claudio,ci fai rivere immagini di un tempo in un momento al ritorno dell’ora.


  • Rita

    Storia di mistero e di giallo,di una descrizione straordinaria..non conosco per niente questa vicenda accaduta nel 1974.. grazie ci fai conoscere le cose che appartengono al passato,ma riportate al presente fanno capire tante forme di vita paesana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi