Manfredonia

Manfredonia, Donato u Sciabcaiul (1978)

Di:

Pescatori, sciabica (Ph: Comune Manfredonia image@)

Manfredonia – ERA gennaio, il bagnasciuga indurito dal freddo, le onde agitate dal maltempo. Di giorno Donato visitava Manfredonia, con il suo camminare a piedi scalzi ed il pantalone aggrovigliato all’altezza della caviglia. Giacca grigia, grande in avanti sopra una maglia di lana bianca. La sua meta fissa: dall’acqua di Cristo alle Case Marinare, in solitudine.

Non aveva nessuno che l’aspettava: abitava in una piccola casa con pochi mobili, senza mezzi, non so neanche se a volte mangiava. Ricordo che al pantalone, invece di tenere la cinghia, portava un pezzo di rete di sciabica lungo i passanti con un nodo che faceva da fibbia. Una mattina lo vidi con un paio di mocassini neri un po’ malandati, ma finalmente aveva un paio di scarpe.

Manfredonia, 1978. Donato dimorava quasi tutto il giorno tra la spiaggia e il mare; quel mare che era stato la sua vita, la sua unica famiglia. L’unica cosa che non gli mancava mai era il sorriso eterno, stampato sul viso quasi da bambino, eterno come il suo animo di nobile pescatore.

Siponto e Manfredonia erano stati i luoghi della sua vita lavorativa, quando all’alba – con altri pescatori – tirava le reti della sciabica. Dunet parlava poco e anche male, in realtà non lo si riusciva a capire bene quelle poche volte che pronunciava qualche frase. Una cosa incredibile mi viene in mente, mai nessuno è riuscito a staccarlo da quel suo mare e da quella sua spiaggia che lo ha ritirato in un giorno qualunque dalla terra.

(A cura di Claudio Castriotta – Redazione Stato)



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • CapitanHarlock79

    Bravo!! Bellissima descrizione Claudio!


  • logico 2013

    Grande Claudio hai descritto in maniera veritiera il personaggio di “DUNETE'” facendo rivivere la storia è importante ricordare questi personaggi che vivevano lungo le case dei marinai cioè l’ex villaggio dei pescatori attuale pantano per le anguille del porto turistico.


  • semprevigile

    Lo ricordo anch’io, quando tirava la “scibica” sulla spiaggia di Siponto… ricordi memorabili… da lì a poco l’alba, prima che la spiaggia si affollasse si assisteva a questa scena, una dippia fila di uomini di tutte le fattezze, con a tracolla una sorta di cintura larga che veniva agganciata alla alla rete e tirata a forza “umana” sino a che il sacco arrivava alla riva, per poi essere sollevato e scaricato “a braccia” sulla sabbia. Qui con fare quasi ladresco, i marinai con le loro leste mani “capavano” i vari tipi di pesci, che venivano venduti ai bagnanti che da li a poco incominciavano ad arrivare sulla spiaggia…. non erano pesci di grande taglia… ottimi per una bella e buona frittura…. dicevano i foggiani residenti ai villini, che con grande lena acquistavano.
    Ricordi che purtroppo non si potranno più rivedere come l’indimendicabile Dunet… che scalzo e con passo lesto non gira più lungo il lungomare…. di questa nostra cittadina, ormai non più marinara….


  • fabia Juan Armero

    bravo bella descrizione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi