Cultura
Riprende e approfondisce una serie di articoli pubblicati da Carlo Rovelli sul supplemento “Domenica” de “Il Sole 24 Ore”

Sette brevi lezioni di fisica – C.Rovelli, 2014

Si comincia dalla “più bella delle teorie”, ovvero la Teoria della Relatività di Albert Einstein

Di:

Bologna/Manfredonia. “Sette brevi lezioni di fisica” riprende e approfondisce una serie di articoli pubblicati da Carlo Rovelli sul supplemento “Domenica” de “Il Sole 24 Ore”.

SETTE BREVI LEZIONI DI FISICA. “Ci sono frontiere, dove stiamo imparando, e brucia il nostro desiderio di sapere. Sono nelle profondità più minute del tessuto dello spazio, nelle origini del cosmo, nella natura del tempo, nel fato dei buchi neri, e nel funzionamento del nostro stesso pensiero. Qui, sul bordo di quello che sappiamo, a contatto con l’oceano di quanto non sappiamo, brillano il mistero del mondo, la bellezza del mondo, e ci lasciano senza fiato”. Tale è il presupposto di queste “brevi lezioni”, che ci guidano, con ammirevole trasparenza, attraverso alcune tappe inevitabili della rivoluzione che ha scosso la fisica nel secolo XX e la scuote tuttora.

ANALISI. Si comincia dalla “più bella delle teorie”, ovvero la Teoria della Relatività di Albert Einstein, e si prosegue con le lezioni sulla meccanica quantistica, sull’architettura del mondo, sulle particelle, sulla gravità quantistica, su probabilità, tempo e buchi neri, per finire con una lezione dedicata all’uomo. La maggior parte delle persone considera la fisica una materia ostica, i concetti che esprime di difficile intuizione, le sue leggi praticamente incomprensibili. Alcuni bravi divulgatori hanno provato ad accorciare questa distanza tra gli studiosi e la gente comune interessata all’argomento, si pensi ad esempio a Roger Penrose, Paul Davies o Isaac Asimov. Anche Carlo Rovelli si cimenta in questa impresa, e il risultato è un libretto agile, semplice, divertente e comprensibile, che introduce ad argomenti complessi, eventualmente da approfondire in altra sede. Anche per questo il libro ha ottenuto nei mesi scorsi un inaspettato (forse) successo di pubblico, a testimonianza del fatto che c’è un rinnovato e crescente interesse per gli argomenti trattati.

L’AUTORE. Fisico teorico, membro dell’Institut universitaire de France e dell’Académie internationale de philosophie des sciences, Carlo Rovelli è responsabile dell’Équipe de gravité quantique del Centre de physique théorique dell’Università di Aix-Marseille. Ha pubblicato, fra l’altro, Che cos’è la scienza. La rivoluzione di Anassimandro (2011) e La realtrà non è come ci appare. La struttura elementare delle cose (2014).

Il giudizio di Carmine
Carlo Rovelli
SETTE BREVI LEZIONI DI FISICA
2014, Adelphi
Valutazione: 3/5

(A cura di Carmine Totaro,



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi