Manfredonia
Il contingente italiano al via della competizione “grade 2” disputata dal 2 al 7 febbraio era composto da quattro ragazze

Tennis, manfredoniana Martina Zerulo a ridosso della top 10 italiana U18

Sui campi in cemento del complesso denominato Cité Nationale Sportive, la tennista tesserata per l'Angiulli Bari ha battuto al primo turno la tunisina Oumeima Charrad

Di:

Manfredonia. Notevole balzo in avanti di Martina Zerulo nella classifica junior ITF. La tennista manfredoniana ha infatti guadagnato 164 posizioni salendo dal 626° al 462° posto e occupa ora la 12ª piazza tra le italiane (a pochissimi punti dalla spezzina Costanza Traversi, decima tra le under 18 del Bel Paese). Questo exploit è dovuto al buon torneo disputato a El Menzah, in Tunisia, dove la giovane pugliese è stata autrice di prestazioni di livello che le hanno permesso di arrivare sino ai quarti di finale. Il contingente italiano al via della competizione “grade 2” disputata dal 2 al 7 febbraio era composto da quattro ragazze: Nuria Brancaccio e Diletta Paperini, entrambe eliminate al primo turno rispettivamente dalla statunitense Miranda Ramirez e dalla tunisina Chiraz Bechri, Clarissa Gai, uscita al secondo turno per mano della polacca Katarzyna Kubicz, e Martina Zerulo, che tra le quattro è stata quella che ha ottenuto il risultato migliore.

Sui campi in cemento del complesso denominato Cité Nationale Sportive, la tennista tesserata per l’Angiulli Bari ha battuto al primo turno la tunisina Oumeima Charrad con il punteggio di 6-1/6-2. Al secondo turno, sovvertendo il pronostico, Martina ha eliminato in tre set la favorita alla vittoria finale del torneo Zani Barnard. Il successo contro la sudafricana, numero 88 del ranking junior ITF, ha un peso specifico maggiore se si considera che è stato ottenuto in rimonta, dopo aver perso il primo parziale: 2-6/6-3/6-4 il risultato dei tre set. Al terzo turno un’altra battaglia e un’altra vittoria dopo un inizio sfavorevole; avversaria la russa Maria Tyrina, classe 1999, superata 4-6/6-4/6-2. Ai quarti di finale la diciassettenne sipontina ha dovuto cedere 6-7(4)/7-6(4)/2-6 alla lettone Daniela Vismane, numero 125 del mondo e 6ª testa di serie del torneo, in un match tiratissimo soprattutto nei primi due parziali. Un incontro, quest’ultimo, che non può non essere stato condizionato dalla diversa freschezza atletica delle due contendenti: basti pensare che fino a quel momento l’italiana aveva giocato ben 8 set contro appena 3 set e mezzo giocati dalla rivale (che al primo turno ha beneficiato di un bye e al secondo di un ritiro dell’avversaria a partita in corso).

Il torneo è stato vinto dalla diciassettenne svedese Julia Rosenqvist, numero 118 del ranking e 4ª testa di serie del tabellone, che in finale ha avuto la meglio in tre set (6-4/4-6/6-3) sulla connazionale Ida Jarlskog, 8ª tra le teste di serie. La settimana tunisina ha lasciato in dote a Martina Zerulo una maggior fiducia nei propri mezzi e la certezza di potersela giocare con chiunque, anche nei tornei a più alto coefficiente di difficoltà come i “grade 2”. Il suo ingresso nella top 10 italiana under 18 è ormai solo una questione di settimane.

(A cura di Michelangelo Ciuffreda, Manfredonia 08 febbraio 2016)



Vota questo articolo:
2

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi