Manfredonia
"Finalmente qualcuno che parla espressamente delle attività ludico- motorie, chiarendo che per esse non vi è più necessità di certificazione"

Manfredonia, certificazione medica sportiva: “Rispettare leggi ma che siano comprensibili”

"Come dice lei, le leggi sono per tutti e devono essere rispettate da tutti. Che siano chiare, però"

Di:

Manfredonia. IN seguito ad un testo pubblicato ieri, 07 marzo 2016, riceviamo e pubblichiamo:

”Egregio dottore, grazie per questo illuminante articolo. Finalmente qualcuno che parla espressamente delle attività ludico- motorie, chiarendo che per esse non vi è più necessità di certificazione. Per amore di chiarezza però, devo farle notare che l’art. 42-bis da lei citato è composto da un secondo comma, in cui si afferma che resta la necessità di certificazione per l’attività sportiva non agonistica. Tale attività è così definita nell’art. 3 del decreto del Min della salute del 24 aprile 2013, cui espressamente rimanda il comma in questione: ‘quella praticata dai seguenti soggetti: a) gli alunni che svolgono attività fisica – sportive organizzate dagli organi scolastici nell’ambito delle attività parascolastiche; b) coloro che svolgono attività organizzate dal CONI, da società sportive affiliate alle Federazioni sportive nazionali, alle Discipline associate, agli Enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI, che non siano considerati agonisti ai sensi del d. min. 18 febbraio 1982; c) coloro che partecipano ai giochi sportivi studenteschi nelle fasi precedenti a quella nazionale.’
Il medesimo articolo, al comma 2, prosegue affermando che ‘I praticanti di attività sportive non agonistiche di sottopongono a controllo medico annuale che determina l’idoneità a tale pratica sportiva. La certificazione conseguente al controllo medico attestante l’idoneità fisica alla pratica di attività sportiva di tipo non agonistico è rilasciata dal medico di medicina generale o dal pediatra di libera scelta, relativamente ai propri assistiti, o dal medico specialista in medicina dello sport su apposito modello predefinito.’

Per dirla in poche parole, comprensibili da tutti: se vi iscrivete ad una società che pratica attività sportiva non agonistica, a differenza di quelle in cui si pratica semplice attività ludico- motoria, il certificato è ancora ASSOLUTAMENTE obbligatorio e va rilasciato dal medico curante, che effettuerà preventivamente gli opportuni controlli. Come dice lei, le leggi sono per tutti e devono essere rispettate da tutti. Che siano chiare, però!” (lettrice, Manfredonia 08.03.2016)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi