ManfredoniaMonte S. Angelo
Zona interessata: via Orto Cappuccini, e precisamente di fronte al liceo

A Monte un cittadino grida “Non vorrei trovarmi in un mare di cacca”

"L’area, tutti sappiamo, è di antica costruzione. Ma ciò non legittima il fatto che anche gli impianti di prima necessità per il servizio pubblico lo debbano essere"


Di:

Monte Sant’Angelo, mercoledì 08 aprile 2015 – Vi ricordate il problema della “fogna a cielo aperto” in Via Falcone e Borsellino? Ebbene, anzi male, un problema simile, forse più grave, è in atto in un’altra parte di Monte Sant’Angelo. In redazione ci è giunta una segnalazione di un “montanaro” preoccupato delle condizioni igieniche di una via e di stabilità di un manufatto edile.

In via Orto Cappuccini, e precisamente di fronte al liceo, da quanto ci è stato detto, sono tre mesi che vi è una fuoriuscita di acqua da un tombino dell’impianto fognario cittadino. L’area, tutti sappiamo, è di antica costruzione. Ma ciò non legittima il fatto che anche gli impianti di prima necessità per il servizio pubblico lo debbano essere.

La perdita di quest’acqua fognaria, acqua dall’odore nauseabondo, dal colore marrone –e lascio a voi trarre le dovute conclusioni di cosa si tratti- sta invadendo l’ingresso di un’abitazione, costantemente allagata da questa “mistura non salubre”. Chi ci ha contattato –e che poi riporteremo le sue dichiarazioni- è giustamente preoccupato. Lo è sia per il liquame che si riversa in strada e innanzi casa sua, sia per la stabilità del muro che è innanzi l’ingresso dell’abitazione e che potrebbe, un giorno, cedere e permettere al liquame di entrare nell’abitazione, con tutti i pericoli sanitari del caso. Il “fattaccio” è stato debitamente segnalato agli uffici tecnici del Comune di Monte Sant’Angelo ben tre mesi fa, all’inizio del fenomeno. Da allora, da quanto ci è stato detto e da quanto attestano le foto, è rimasto irrisolto.

Noncuranza? Dimenticanza? Non lo sappiamo. Con ciò esortiamo gli amministratori del comune di Monte a provvedere al più presto al ripristino della fogna e alla bonifica del sito abitato. Questo è un pericolo che non va sottovalutato poiché con le acque fognarie, quelle nere, quelle degli scarichi dei nostri servizi sanitari, non si scherza. Sono portatori di malattie, spesso letali.

Di seguito vi riportiamo le dichiarazioni di Pasquale Pio Impagnatiello, che in un post di Facebook ha segnalato pubblicamente il problema. «Fino ad oggi ho voluto scherzare senza fare polemica e soprattutto senza puntare il dito contro nessuno. Ora però la cosa inizia a diventare un po’ fastidiosa perché la perdita dell’ acqua PURA! che fuoriesce dalla fogna aumenta giorno per giorno. Sono piuttosto preoccupato. Non vorrei che il muro cedesse e ritrovarmi con un mare di cacca di altri dentro casa, dato che la porta di ingresso dista pochi metri dalla sorgente…. Vorrei farvi notare che ha anche iniziato a uscire anche dalle scale ……. Comune Di Monte Sant’Angelo – Felice Scirpoli spero che questa segnalazione non passi inosservata…… Grazie».

Come vedete, l’appello non è di quelli soliti accusatori, bensì di richiesta di intervento. Lo fa con i termini giusti poiché se dire “cacca” per qualcuno è scandaloso, per la lingua italiana è un termine corretto. I vocabolari più importanti riportano il termine come “Escremento umano, utilizzato specialmente nel linguaggio dei bambini. Cosa sudicia. Sudiciume in genere”. Sindaco, Assessori, facciamo qualcosa e facciamolo presto!

La Redazione di Newsgargano

FOTOGALLERY NEWSGARGANO

A Monte un cittadino grida “Non vorrei trovarmi in un mare di cacca” ultima modifica: 2015-04-08T10:22:39+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi