Cronaca
"Risolvere l'accesso al Fondo di Solidarietà è sicuramente un primo segnale importante"

Xylella: Stefàno, “Proposta Martina già bocciata in passato”

"Si tratta di risorse già disponibili e indispensabili per far fronte agli interventi necessari a realizzare azioni di contrasto alla diffusione della Xylella"


Di:

Bari – “Sono contento che oggi il ministro Martina si dimostri finalmente in sintonia con un’aspettativa del mondo agricolo pugliese, che è poi anche quella mia. Da tempo richiamo, in Parlamento, la necessità di inserire le fitopatie tra le cause per le quali poter dichiarare lo stato di calamità naturale e, quindi, accedere al Fondo di Solidarietà. Questa sua volontà va però trasferita da subito nell’Aula del Senato, affinché le due proposte emendative, presentate a mia firma al Collegato ambientale e al Collegato agricolo, non abbiano la stessa sorte subìta in precedenza. Nei mesi scorsi e addirittura per ben due volte, infatti, il governo e la maggioranza hanno bocciato la mia iniziativa, esprimendo inspiegabilmente un netto parere contrario”. Lo ha dichiarato il senatore pugliese Dario Stefàno (Sel) in merito alle dichiarazione del Ministro all’Agricoltura in visita oggi in Puglia per il problema Xylella.

Risolvere l’accesso al Fondo di Solidarietà è sicuramente un primo segnale importante ma non è superfluo ricordare come persista il problema dell’esiguità delle risorse in esso disponibili. A questo punto – conclude Stefà – mi permetto di suggerire al Ministro che vi è la necessità di strutturare questa iniziativa completandola con quella prevista dagli emendamenti da me sottoscritti, con i quali si dispone la possibilità di svincolare dal Patto di Stabilità risorse di bilancio autonomo di Regione e comuni interessati. Si tratta di risorse già disponibili e indispensabili per far fronte agli interventi necessari a realizzare azioni di contrasto alla diffusione della Xylella”.

Redazione Stato

Xylella: Stefàno, “Proposta Martina già bocciata in passato” ultima modifica: 2015-04-08T21:40:43+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi