GarganoManfredonia
"Si vuole sostenere una sanità moderna e più efficiente, ma occorre farlo alla luce di esigenze che arrivano dal territorio e correggere"

Cera: rinnovo piano operativo occasione per tornare a ragionare su ospedali

"La nostra battaglia, che spero sarà la stessa della Giunta e del Consiglio regionale, sarà quella di ottenere pari trattamento ad altre Regioni nell’adeguamento delle risorse finanziarie"

Di:

Bari. Dichiarazione del consigliere regionale Napoleone Cera (Popolari). “L’incontro di Roma sul piano di riordino ospedaliero riapre il tema dell’assistenza sanitaria pugliese, anche alla luce della richiesta di prolungare per altri tre anni il Programma operativo (2013-2015), che contiene gli adempimenti del Piano di rientro sanitario, evitando la rinuncia a 500 milioni di premialità. Spero che questa sia anche l’occasione per riprendere in considerazione le osservazioni avanzate alla Giunta regionale per garantire i migliori livelli di assistenza ospedaliera, coniugando rigore della spesa con efficienza dei servizi, secondo esigenze territoriali. Non è più il tempo di perdere tempo. La sanità pugliese necessita di una cura capace di eliminare sprechi e vizi di gestione, puntando non tanto a salvaguardare livelli di assistenza costosi e improduttivi, ma tutelando la salute dei pugliesi con servizi e strutture sanitarie all’avanguardia.

Si vuole sostenere una sanità moderna e più efficiente, ma occorre farlo alla luce di esigenze che arrivano dal territorio e correggere, dove possibile, le lacune che ci portiamo dietro da precedenti riordini ospedalieri, ma senza dimenticare l’obiettivo di contenere i costi e rispettare i parametri di spesa ministeriali. La sanità pugliese necessita di sanare situazioni ed evitare, come ricordava il responsabile del dipartimento Salute, Giovanni Gorgoni, di perdere importanti investimenti. L’invito mio e quello del gruppo Popolari, pur consapevoli che occorra qualche doloroso sacrificio, è di riorganizzare l’assistenza ospedaliera pugliese nell’ottica di evitare, soprattutto in futuro, ulteriori tagli e chiusure. Abbiamo bisogno di costruire un sistema sanitario meno pressato da esigenze di contenimento della spesa, evitando allo stesso tempo facili populismi che alla lunga aggraverebbero lo stato di salute della sanità regionale.

La nostra battaglia, che spero sarà la stessa della Giunta e del Consiglio regionale, sarà quella di ottenere pari trattamento ad altre Regioni nell’adeguamento delle risorse finanziarie. I Popolari faranno la loro parte nel rendere il servizio sanitario regionale più efficiente ed efficace, ma il Governo Renzi deve garantire pari opportunità e incentivare gli sforzi che andremo a fare per garantire in Puglia una sanità più moderna”.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This