Manfredonia
Lettera con richiesta di pubblicazione

Manfredonia, Lucia “Dalla depressione si puo’ uscire, grazie di cuore CSM”

"Con questo testo, che ho richiesto di pubblicare, vorrei ringraziare le dottoresse Ida Ciannameo, Rosa Campanaro e tutti i referenti del Csm di Manfredonia"

Di:

Manfredonia. ”VORREI essere da testimonianza per chi soffre di depressione. Oggi sono un istruttore di pizzaioli e dopo due anni sono riuscita a ritrovare la gioia di vivere”. E’ quanto dice a Stato Quotidiano Lucia, che ha richiesto la pubblicazione di questa lettera aperta, con immagini in allegato.

LA LETTERA. “Innanzitutto, sono mamma di due ragazzi. Nel novembre 2014 mi ero impegnata per un progetto con sovvenzionamenti dello Stato, quando mi sono resa conto che avevo sbagliato programmazione per lo sviluppo del piano mi sono lentamente ammalata. Da novembre all’aprile 2015 a casa mia era un caos. Avevo perso i capelli, ero dimagrita 20 chili, mi isolavo sempre di piu’ e cercavo di farmi del male da sola. Sempre ad aprile prendo un psicofarmaco prescritto da un medico generico che mi avevano portato delle persone che io pensavano che mi volevano bene. A fine maggio 2015 mi riprendo (così si può dire) e torno a lavorare. Mi sentivo forte ma non ero io, erano i farmaci che non andavano bene. Volevo aiutare i deboli e i disabili ma lo facevo in modo strano. A luglio subisco il primo ricovero. I miei figli stavano male, la mia famiglia. Passa un mese e mi chiedono di andare in cura da medici del CSM. Ma io rifiuto. Esco e mi sento sempre forte. Inizio a lavorare un po’ ovunque. Poi ancora problemi relativamente al mio vecchio progetto. Inizio a manifestare contro chi fa mettere firme o inganna. Subisco un secondo ricovero. Resto da sola. Tutti si erano allontanati. Solo mia madre e un parente mi sono rimasti vicini. Dopo il ricovero, torno a casa ma stavo male e non riuscivo a reggere il bicchiere o anche solo a prendere una forchetta. Tremavo, tremava. Un giorno mi reco – disperata – al CSM di manfredonia e trovo la Dott.ssa Ida Ciannameo che mi prende in cura. Da ottobre a marzo andavo tutti i giorni. Parlavo, ho cambiato terapia.

Alla fine, il 13 marzo 2016 ..il giorno del mio compleanno mi risveglio con una voglia di vivere e con la testa alta e non più bassa e con gli occhi pieni di gioia. Dico con i miei figli accanto ‘Mamma è Tornata! E finita!’. Adesso lavoro in una pizzeria di Manfredonia. Sono un insegnante di pizzaioli e sto benissimo. Con questo testo, che ho richiesto di pubblicare, vorrei ringraziare le dottoresse Ida Ciannameo, Rosa Campanaro e tutti i referenti del Csm di Manfredonia che operano con professionalità e amore. Grazie per la nuova vita che mi avete donato! Dalla depressione si può uscire!”, conclude Lucia.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
10

Commenti


  • ANGELA

    Sono mamma e mi fa piacere leggere che sei uscita dalla depressione. Sicuramente i tuoi figli ora avranno bisogno di te!!! In bocca al lupo x tutto.


  • Mario

    Car Lucia, ti scrivo in forma anonima perché dietro la depressione c’è tanto pregiudizio. Soprattutto gli uomini rischiano di rimanere esclusi da tanti giochi.
    Quindi innanzitutto ti faccio i complimenti per il tuo coraggio.
    Per quel che mi riguarda, in me convivono un’anima solare ed una depressa. Purtroppo questultima ha preso il sopravvento 16 anni fa, poco dopo la mia separazione.
    Ho vissuto un incubo, acuito da uno psicologo ed uno psichiatra, entrambi operanti al centro di igiene e salute mentale di Manfredonia. Nonostante fossi cosciente della mia patologia e tentassi di indirizzarli a curarmi la depressione, loro mi hanno curato come ansioso. Oltre a spillarmi soldi, erano arrivati a prescrivermo un ipnotico anti psicosi. Li ho mandati a -(e meno male! ) e mi sono rivolto ad altro psichiatra del reparto, dottor Gentile Sebastiano.
    A lui ho solo raccontato qualcosa di me. Al termine del racconto, mi mise davanti un pacco di fazzoletti dicendo mi che aveva di fronte a sé un ragazzo depresso. Sono scoppiato in lacrime!
    Mi diede una cura di anti-depressiviche ha avuto successo. Sebbene gli effetti del farmaco li avessi iniziati a sentire dopo 2-3 settimane dall’inizio dell’assunzione, sapevo di essere in buone mani.
    Oggi ho una vita sociale ed affettiva che oserei definire eccellenti, un discreto lavoro ed una serie di responsabilità non indifferenti.
    Ogni tanto torno a pensare all’inferno passato e che non ho descritto perché ancora troppo doloroso.
    Quindi capisco il tuo inferno, cara Lucia.
    Ma vorrei dire anche alla gente che non ha mai provato il nostro inferno, che i depressi sono anche anime sensibili e preziose perché fondamentale non manifestano la propria rabbia, ma la rivolgono a sé stessi.
    Auguri a te, cara Lucia, per questa tua seconda vita.
    E permettimi di estendere i complimenti ed i miei ringraziamenti al dott. Gentile Sebastiano, seppure da oltre 10 anni non più in servizio al CIM di Manfredonia.
    Forse sono ingrato con lui perché adesso che sto bene da anni non so neppure dove sia e come sta.


  • anonimo

    il Dottor Grossi, che è il dirigente del Csm di manfredonia è un ottimo medico bravissimo e molto umano secondo me il miglior specialista nel suo campo il csm di manfredonia è una struttura validissima grazie dottore per la sua professionalità


  • Dr.gentile sebastiano

    Sono contento di aver fatto bene la mia professione e di aver permesso a Mario di vivere al meglio la propria esistenza ridandogli la capacità di gioire e di apprezzare la bellezza del mondo in cui viviamo nonché la capacità di amare ed essere amato.sono passati dieci anni dal mio pensionamento ma ricordo sempre con affetto i miei pp.pur se invecchiato dedico ancora parte del mio tempo alla mia professione.un caro saluto

  • Ciao , sono molto contenta che anche tu come è me stai bene e mi piace tanto quello che hai scritto …la depressione è una malattia e chi ha la fortuna di nn soffrirne ….la deve smettere di screditare! Ho raccontato la mia storia x ché so bene di che incubo si passa …ma ti posso assicurare che ho conosciuto tanta gente vera e bella che ha questa patologia ! Bravo! Nn ci dobbiamo vergognare ..dobbiamo essere un esempio x il prossimo..

  • Ciao Lucia, ho avuto il piacere di conoscerti di persona, devo dire che hai superato brillantemente questo periodo buio della tua vita, questo grazie anche principalmente alle persone positive che in questo preciso momento della tua vita, ti stanno circondando.
    L’amore per i tuoi figli comunque riesce a farti superare veramente tutto e anche dopo una brusca caduta, ti fa rialzare e andare avanti, proprio perché dalle brutte esperienze, dai fallimenti, riesci a tirar fuori tutto ciò che di positivo c’è e a fare quel passettino in più nella direzione giusta!!!
    Come ti spiegavo, purtroppo la nostra mente tende a percepire più il negativo che il positivo, dobbiamo essere noi bravi affinché possa prendere sempre la parte positiva di tutto !!!
    Circondati sempre di persone positive nella vita, non di quelle persone che faranno di tutto per vederti sconfitta, sempre lì a giudicare, a dire ” Te l’avevo detto io !!! ” ma soprattutto, non smettere mai di sognare, Proprio come dicevo questa mattina, abbiamo due opzioni, ” O rimaniamo a dormire e continuare a sognare, o ci svegliamo e realizziamo i nostri sogni !!! ”
    Un forte abbraccio, a presto.
    Giacinto.


  • grazie csm

    Anche io sono passato per questo inferno sono chi non l’ha vissuto non puo’ capire a volte i motivi sono tanti io stavo bene ma dopo una stupida operazione ad un neo non ero piu’ lo stesso devo dire grazie aalla mia famiglia ad alcuni amici e soprattutto al dott. Grossi davvero una persona valida puo’ sembrare burbero ma è di una professionalità unica davvero bravissimo, quello che voglio dire a molta gente di affidarsi a questi medici di mettere da parte orgoglio e pregiudizi loro vi salvano e tutto rimane solo un brutto ricordo.Auguri alla ragazza dell’articolo unico punto dovevi affidarti prima al csm ma va bene cosi’ in bocca al lupo per il lavoro!.

  • Sono contenta che con la mia testimonianza. ..anche voi tutti state raccontando la vostra storia. …diamoci forza …Dio esiste!


  • vittoria gentile

    Tema sempre molto importante attuale. Sicuramente, ogni operatore della salute mentale sente la responsabilità di diagnosi e terapia; ancor più se sono terapie farmacologiche. i farmaci, quando centrati, sono validi alleati. Ma i farmaci non sono mai la soluzione del problema, troppo complessi “per essere sciolti dalle sole molecole”. Sono sempre le persone i veri agenti del proprio cambiamento, a cominciare dalla maturità di ammettere di aver bisogno di aiuto: è già quello il cambiamento. Aver bisogno di aiuto e immettersi lungo il cammino non è tabù, non dobbiamo dimostrare nulla agli altri. Imparare a gestire le proprie fragilità senza avere mai la soluzione finale.. conviverci, farci i conti quotidianamente a testa alta è già salute mentale e dovrebbe essere chiaro davvero per tutti.


  • Anna

    Ciao a tutti , è vero , la depressione è un male terribile, anche se non l’ho vissuta personalmente ma attraverso la mia mamma. Purtroppo per noi l’esperienza del CIM non è stata positiva , anzi è stata devastante (diritto di critica, ndr), mia madre si stava consumando lentamente, da marzo a settembre 2015 era dimagrita 20 kg (parliamo di una donna di 60 anni che pesava 64kg),perdita di capelli, e tanto altro. (dati non riportabili,ndr) . Ora sta meglio grazie ad uno psichiatra che esercita a foggia, non sta bene ma va meglio , lei dice queste parole: ero arrivata al cimitero e sono tornata indietro!
    È stato un incubo , sottovalutato da chi dovrebbe essere più competente (diritto di critica,ndr)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This