CapitanataCerignola
Coadiuvati da un velivolo del 6° Elinucleo di Bari-Palese

Cerignola, arresti e denunce dei Carabinieri

Deferiti in stato di libertà 4 giovani, tutti tra i 19 ed i 25 anni, per reati che vanno dalla simulazione di reato, al porto ingiustificato di un coltellino, dalla resistenza a Pubblico Ufficiale alla guida sotto l’effetto di sostanze alcoliche

Di:

Cerignola. A partire dalla nottata di sabato, e per tutta la mattinata, i militari della Compagnia Carabinieri di Cerignola, coadiuvati da un velivolo del 6° Elinucleo di Bari-Palese, hanno effettuato un servizio coordinato a largo raggio, finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati in genere, al controllo di soggetti sottoposti ad obblighi, alla cattura di soggetti destinatari di provvedimenti dell’A.G.. Il bilancio totale è di 5 arresti e 4 denunce a piede libero.

I primi a finire in manette sono stati MUSICCO TOMMASO, cl. ’71, e DI FONSO GERARDO cl. ’68, entrambi pregiudicati cerignolani ed entrambi destinatari di provvedimenti restrittivi dell’Autorità Giudiziaria. In particolare Musicco, al quale è stato notificato un ordine di carcerazione, dovrà scontare la pena residua di un anno e mezzo di reclusione per vari reati contro il patrimonio commessi negli ultimi anni, mentre a Di Fonso è stata notificata un’ordinanza di aggravamento della misura cautelare già esistente, per le continue e ripetute violazioni delle prescrizioni imposte. I militari della Stazione di Cerignola, una volta rintracciati i due soggetti, li hanno associati alla Casa Circondariale di Foggia.

In manette anche due fratelli, DE VITTI VINCENZO, cl. ’68, e DE VITTI FLORINDO, cl. ’62, entrambi cerignolani, il primo pregiudicato mentre il secondo incensurato, per il reato di furto aggravato. Sempre i militari della Stazione di Cerignola, coadiuvati da personale tecnico dell’ENEL, hanno scoperto che gli stessi si approvvigionavano illecitamente di energia elettrica, per un valore totale stimato in circa 13.000 Euro. I due sono stati sottoposti agli arresti domiciliari.

In manette è finito anche TRICARICO VINCENZO, cl. ’73, pregiudicato cerignolano. Solo qualche giorno addietro i militari lo avevano sottoposto agli arresti domiciliari, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare presso il proprio domicilio emessa dal GIP del Tribunale di Foggia, per il reato di tentata estorsione nei confronti della sorella. Nel corso del servizio i Carabinieri lo hanno sorpreso a passeggiare tranquillamente per le vie del centro cittadino, totalmente incurante delle prescrizioni impostegli. Su disposizione del P.M. di turno, Tricarico è stato condotto presso la Casa Circondariale di Foggia.

Deferiti in stato di libertà 4 giovani, tutti tra i 19 ed i 25 anni, per reati che vanno dalla simulazione di reato, al porto ingiustificato di un coltellino, dalla resistenza a Pubblico Ufficiale alla guida sotto l’effetto di sostanze alcoliche.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This