Attualità

Arredo e design: è boom per gli acquisti online

Di:

Gli italiani puntano dritti all’e-commerce, così come le aziende dello Stivale. E – come sempre accade in questi casi – chi arriva per primo vince e si porta a casa il miglior fatturato, potendo dunque investire in progetti sempre più innovativi. La medesima situazione ha riguardato il settore dell’arredamento e del design, che ha saputo anticipare le tendenze e intercettare tutti i bisogni d’acquisto dei consumatori italiani, portando ad un autentico boom di vendite online. Oggi, infatti, ai consumatori del nostro Paese piace davvero tanto lo shopping telematico per la propria casa: i mobili rappresentano, non a caso, alcuni degli oggetti più venduti su Internet.

Arredo e Internet: anticipare le tendenze

Dopo anni di crisi e di crollo verticale dei mercati, dovuti ovviamente alle difficoltà economiche delle famiglie italiane e delle aziende, anche il settore dell’arredamento di design è riuscito ad alzare la testa. C’è voluto un po’ per svecchiare i meccanismi di questo settore, ma alla fine le aziende hanno imparato a comprendere tutto il potenziale del web e a investire sul target dei Millennials, fino a fare degli e-commerce la loro punta di diamante non solo per le vendite in Italia, ma anche per l’export, considerando il fascino del made in Italy. Come dicevamo, tutta una questione di tendenze: l’aumento del +3,4% del fatturato complessivo di questo comparto testimonia il successo di quelle aziende di moda che hanno saputo anticipare le esigenze dei consumatori, investendo in modo cosciente nei negozi elettronici.

Shopping online: il settore dell’arredo è in grande crescita

Gli e-commerce di arredamento hanno saputo sfruttare i nativi digitali come canale preferenziale per definire le tendenze d’acquisto ed hanno avuto ragione nel farlo. Stando ai dati comunicati dall’Osservatorio eCommerce B2C del Politecnico di Milano, il settore dell’arredamento online ha registrato un aumento delle vendite pari al +48%, con un giro d’affari di oltre 650 milioni di euro. Il made in Italy, piace agli italiani e sempre più spesso si appoggiano ai negozi online per comprare oggetti di design o mobili. Il made in Italy piace agli italiani e sempre più spesso si appoggiano ai negozi online per comprare oggetti di design o mobili. Ad esempio, nel settore dell’arredamento da esterno Unopiù si contraddistingue come meta prediletta per gli italiani che cercano brand di lusso e di design. Certo, le sfide che attendono al varco questo comparto non sono poche, ma le previsioni per questo 2017 parlano di un’ulteriore crescita dell’arredamento online.

Aziende in ritardo: quanto valgono gli e-commerce?

Come anticipato poco sopra, il settore dell’arredamento di design non può e non deve sedersi sugli allori: il successo del 2016 deve comunque essere bilanciato dal fatto che sono ancora tante le aziende in questo settore che non hanno ancora intuito il potenziale degli e-commerce, che attualmente in Italia hanno un valore pari a 19,3 miliardi di euro. Questo significa che il prossimo passo per sancire la vittoria del settore arredamento dovrà essere l’esordio su Internet di quelle aziende ancora lontane da una prospettiva di vendita multi-canale, che oggi rappresenta la chiave di volta per superare la crisi, per aumentare le esportazioni e dunque per portare una sana iniezione di liquidità al fatturato.



Vota questo articolo:
1

Commenti

  • Negli ultimi anni l’acquisto di elementi e complementi d’arredo online ha riscontrato aumenti percentuali di rilievo (anche +38/40% di differenza di anno in anno), pertanto sarà importante disporre di ottimi e autorevoli ecommerce capaci di “informare” al meglio gli utenti interessati agli acquisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi