Cronaca

Arresti Nas, Schiavone: “180 nuove assunzioni nella sanità”

Di:

Il consigliere regionale dell'IdV Orazio Schiavone (Archivio)

Foggia – “UNA nuova storia di appalti gonfiati alla Asl di Foggia impone una riflessione che vada oltre l’indignazione del momento. Impone una iniziativa forte e autorevole, che vada alla radice del problema. L’Azienda sanitaria di Foggia necessita con urgenza di oltre 180 unità lavorative, tra impiegati amministrativi e personale sanitario. Questa carenza di personale ha come conseguenza una gestione pesante e faticosa dell’intera struttura. Occorre, invece, che il Direttore Generale dell’Azienda, Attilio Manfrini, sia messo nelle migliori condizioni di lavoro. Occorre abbia il numero giusto di collaboratori, che impediscano il malfunzionamento degli uffici, lo strapotere della burocrazia, le tentazioni dei dipendenti disonesti, le infiltrazioni malavitose”. Lo ha detto il Presidente del Gruppo consiliare IdV, Orazio Schiavone.

“Per questo è necessario avviare una trattativa seria e serena con il Presidente della Regione, Nichi Vendola, perché il caso Foggia esca dalle pagine della cronaca, per entrare in quelle delle buone prassi. Ma sono necessari braccia e cervelli. È quindi necessario instaurare un tavolo tecnico con la Regione, perché il governo regionale autorizzi la deroga al blocco delle assunzioni, autorizzando l’assunzione di almeno 50 unità, tra amministrativi e sanitari. Personale indispensabile al buon funzionamento della sanità in Capitanata. Da Consigliere regionale eletto in Capitanata assicuro il mio impegno perché il tavolo venga istituito e si creino le condizioni per un ciclo di assunzioni non più rimandabile”.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi