Capitanata

Biomasse Agritre, nuova Conferenza Servizi: “bocciare piano”

Di:

Sit in cittadinanza attiva Sant'Agata di Puglia contro centrale a biomasse Agritre (st)

Foggia – NUOVA Conferenza dei servizi AIA/VIA, lunedì 11 giugno, riguardo l’inceneritore a biomasse Agritre di Sant’Agata di Puglia (Fg). “Dopo l’importante ed inequivocabile parere negativo dell’ARPA Puglia le associazioni ed i comitati che si battono contro l’ecomostro si aspettano ora anche una bocciatura da parte dell’ufficio prevenzione della ASL e così come logica vorrebbe il RUP (Uffico Ambiente Provincia di Foggia) dovrebbe raccogliere gli altri pareri per chiudere infine il procedimento, con una determina VIA negativa”.

“Questo dovrebbe accadere nella normalità delle cose, secondo il buon senso comune, e come comitati contro gli inceneritori vigiliamo e lavoriamo affinchè ciò accada al più presto” dichiarano gli attivisti che si battono contro l’inceneritore. “Il chiaro parere negativo dell’Arpa sul progetto Agritre è una buona ipoteca sull’infelice progetto, che auspichiamo possa venire archiviato quanto prima vista l’inesistenza delle condizioni necessarie alla sua realizzazione.

In un paese dove tutto è possibile, dove regnano spudoratamente solo le logiche speculative e ambientalmente aggressive, a discapito della salute, dell’ambiente e spesso anche dell’occupazione, siamo ottimisti sull’esito della vicenda”. “Il parere obiettivo dell’Arpa ci da coraggio e speranza, ci dimostra che non tutto è corrotto e corruttibile dai soldi che decidono troppo spesso in Italia il da farsi, a beneficio dei soliti pochi ricchi e potenti. Qualcosa ci dice, vista l’unione insana dell’ Assindustria, Confindustria, Confcommercio con le organizzazioni agricole, che questo gruppo portatore di interessi privati, a scapito del bene di tutti, non mollerà facilmente la presa sulla bellezza dei Monti Dauni e che farà di tutto per andare avanti con i loro insalubri ed insostenibili, progetti” dichiarano ancora gli attivisti.

“Noi crediamo però che i fatti ci continueranno a dare ragione, auspichiamo data la situazione oggettiva che l’Arpa Foggia contini a mantenere il suo parere negativo sull’infausto progetto e soprattutto continueremo a vigilare affinché la Provincia di Foggia continui a fare bene e sino in fondo il suo dovere invece che lasciarsi influenzare dal lavoro dei portatori di interessi privati.
Noi come Capitanata Rifiuti Zero, come comitati provinciali contro gli inceneritori, grazie al supporto dei Medici per l’Ambiente (Isde) ed in collaborazione con la Lipu, Legambiente ed il comitato Ambiente e Salute di Sant’Agata di Puglia, andremo sempre avanti e non molleremo mai la presa contro le aggressioni e le speculazioni ambientali che prendono di mira il nostro meraviglioso territorio.
Saremo sempre pronti a denunciare alle autorità competenti ogni illegittimità, ogni arbitrarietà ed ogni abuso d’ufficio da parte di chiunque, di cui verremo a conoscenza” concludono gli attivisti del coordinamento contro gli inceneritori di Capitanata.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi