Manfredonia
Controlli nei Comuni di Monte Sant’Angelo – località Macchia, Manfredonia e Mattinata

Capitaneria Manfredonia, sanzionati titolari lidi: 1.032,66 euro cadauno

Ai titolari degli stabilimenti balneari interessati è stata contestata la sanzione amministrativa dell’importo di 1.032,66 Euro

Di:

Manfredonia. IL Nucleo operativo di Polizia marittima della Guardia Costiera di Manfredonia, specializzato sull’accertamento di violazioni in materia demaniale e di sicurezza della balneazione, impegnato nei controlli alle strutture balneari lungo tutto il litorale di giurisdizione del Circondario Marittimo di Manfredonia nell’ambito dell’Operazione Mare Sicuro 2016 iniziati dallo scorso 18 giugno, ha fatto venire alla luce diversi comportamenti illeciti.

In particolare, il suddetto personale, intervenuto presso alcuni degli stabilimenti balneari controllati nei Comuni di Monte Sant’Angelo – località Macchia, Manfredonia e Mattinata in attività di ispezione ha riscontrato la mancata osservanza di alcune disposizioni previste dalle ordinanze balneari emanate dalle Autorità competenti.

In particolare è stato accertato:
• l’assenza dell’apposita cartellonistica all’ingresso dello stabilimento balneare indicante il libero accesso alla battigia, nonostante nell’arco dei 150 mt non ci fossero altri liberi accessi al mare;
• l’assenza dei gavitelli di colore bianco indicanti il limite delle acque sicure (1,3 mt);
• l’assenza del secondo assistente bagnanti in un’area in concessione demaniale con fronte mare superiore agli 80 mt.

Ai titolari degli stabilimenti balneari interessati è stata contestata la sanzione amministrativa dell’importo di 1.032,66 Euro in violazione rispettivamente dell’articolo 4 dell’ordinanza balneare regionale del 2016 e degli articoli 4 e 5 dell’ordinanza della Capitaneria di Porto di Manfredonia n. 11/2016. In considerazione della stagione balneare appena iniziata, il Comando della Capitaneria di Porto di Manfredonia ribadisce che è obbligo per i concessionari delle strutture balneari di garantire il transito libero e gratuito al pubblico per l’accesso alla battigia, nonché, in generale, di osservare con coscienza gli obblighi previsti dalle ordinanze balneari vigenti in materia di sicurezza della balneazione e di demanio marittimo, con particolare attenzione ad assicurare sempre ai bagnanti un efficiente servizio di salvataggio.

L’’attività di controllo continuerà nei prossimi giorni con sempre maggiore intensità al fine di tutelare la sicurezza dei bagnanti nell’usufruire in piena serenità del mare.

Infine, la Capitaneria di Porto di Manfredonia nel ricordare che il numero di emergenza sempre attivo è il 1530, informa che sul sito istituzionale della Guardia Costiera ai seguenti link:
http://www.guardiacostiera.it/maresicuro/it/ildecalogodelbagnante.cfm
http://www.guardiacostiera.it/maresicuro/it/sicurezzadellanavigazione.cfm è possibile consultare alcuni consigli utili per bagnanti e diportisti.

Redazione Stato Quotidiano.it – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
8

Commenti


  • Mauro

    È assurdo che i cartelli indicanti accessi pubblici si spiagge libere debbano essere a carico dei lidi privati, ed è anche assurdo che il servizio dei bagnini di salvataggio deve esserci solo nei lidi privati. Io sono a Rimini e in alcune spiagge libere è il comune a garantire la sicurezza con le torrette e i bagnini oltre ai servizi igienici e al costante servizio di pulizia della spiaggia.
    Non è giusto che un privato debba essere minuzioso in tutto su una concessione mentre sulle aree comunali non è contemplato lo stesso lo modo di operare.


  • Gianpaolo

    MetteTe dei gabinetti pubblici idonei sulla spiaggia libera e impossibile chiedere ogni volta di andare in bagno ai lidi privati e sentirsi dire di no .
    Vergognoso una spiaggia libera così grande senza bagni.


  • Scar La Teglia

    Fanno bene a fare le multe. Addirittura senza segnaletica e senza secondo. La sicurezza prima di turro. Poi accede che ci scappa il morto e si dice che aveva mangiato troppo ed ha avuto un malore. Sisurezza e igiene e staremo tuuti più tranquilli e senza sorprese. Sceglieteli belli i bagnini ma qualche volta fateci vedera una bella e atletica bagnina tutta al femminile.


  • PARCHEGGI E BAGNI PUBBLICI FANTASMA

    MA COME SI FA A FARE TURISMO IN UNA CITTA’ CON UNA SPIAGGIA LIBERA CHE OSPITA 3000 PERSONE AL GIORNO E SENZA GABINETTI PUBBLICI?!

    A MANFREDONIA FATE SCHIFO, NON SAPETE COS’E’ IL TURISMO.
    VENIAMO DA SAN GIOVANNI ROTONDO E RESTIAMO A PRANZARE A MANFREDONIA E POI LA SERA PASSEGGIARE E SPENDERE SOLDI IN GIRO PER I LOCALI, MA NONOSTANTE CIO’ NOI TURISTI PRENDIAMO MULTE PERCHE’ I PARCHEGGI NON CI SONO E POI SIAMO SEMPRE COSTRETTI A FARE LA PIPI’ IN MARE ALLA SPIAGGIA LIBERA E ALL’ACQUA DI CRISTO. NEGLI ALTRI PAESI HANNO ANCHE LE DOCCE!
    NON VERREMO PIU’, PORTEREMO I NOSTRI SOLDI A LESINA O MARGHERITA DI SAVOIA. POI QUEST’ANNO NEANCHE BATTITI LIVE. VI RENDETE CONTO CHE PAESE SIETE???
    Ma DA CHI VI FATE AMMINISTRARE, DA QUATTRO …?!?!


  • Ciro il grande

    E della distanza tra gli ombrelloni vogliamo parlarne? Da tutta come la sardine sentiamo il respiro di quello affianco…e pizza pure alito…


  • MATTEO

    PER PARCHEGGI E BAGNI PUBBLICI: PARLATE PROPRIO VOI DI S. G. ROTONDO????? OLTRE ALLE MULTE CHE FIOCCANO INDISCRIMINATAMENTE FATE PAGARE ANCHE L’ARIA CHE SI RESPIRA!!! E NON TI PERMETTERE DI DIRE CHE A MANFREDONIA FACCIAMO SCHIFO, PERCHE’ VOI SIETE IMPASTATI NELLA SCHIFEZZA, LUCRANDO SUL NOME DI P. PIO.


  • IL GRANDISSIMO INCUBO DI 60 MILIONI DI LITRI DI GPL SOTTO I NOSTRI PIEDI!

    Un ombrellone e casotto per tutta la stagione quanto costa?
    Un ombrellone/sdraio e lettino quanto costa?
    ovunque vado non riesco ad ottenere una ricevuta fiscale o uno scontrini!
    Centinaia di milioni di euro in nero! Ma che cazzo controllate?????


  • Mose'

    Sono strafelice che si facciano rispettare le norme sulla sicurezza, però non capisco come mai a nessuno e’ venuto in mente di bloccare gli svariati sbarchi dei turisti sulla spiaggia di Vigna Notica con enormi barconi. Di solito le barche a motore non possono arrivare sul bagno asciuga, lì invece in barba alle più semplici regole sulla sicurezza, si rischia di uccidere le ignare persone che prendono il sole sulla spiaggia .
    Qualcuno mi spieghi perché la capitaneria di porto permette tali scempi. Mi piacerebbe avere qualche risposta in merito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati