FoggiaManfredonia
È stata concessa la cassa integrazione in deroga ai 22 mila lavoratori occupati negli appalti delle pulizie e decoro delle scuole, in richiamo dell’accordo raggiunto il 28 marzo 2014

Appalti pulizie scuole, concessa cig a 22 mila lavoratori

Con tale accordo sarà garantita la cassa integrazione a partire dal 1 luglio 2015, dopo richiesta delle aziende, per i lavoratori in precedenza sospesi dal lavoro e dalla retribuzione a causa della mancata assegnazione delle risorse da parte del ministero dell’Istruzione

Di:

(rassegna.it) È stata concessa la cassa integrazione in deroga ai 22 mila lavoratori occupati negli appalti delle pulizie e decoro delle scuole, in richiamo dell’accordo raggiunto il 28 marzo 2014. Con tale accordo sarà garantita la cassa integrazione a partire dal 1 luglio 2015, dopo richiesta delle aziende, per i lavoratori in precedenza sospesi dal lavoro e dalla retribuzione a causa della mancata assegnazione delle risorse da parte del ministero dell’Istruzione. “Siamo soddisfatti di aver individuato una soluzione per risolvere questa difficile vertenza dei lavoratori impegnati nel progetto di riqualificazione delle strutture scolastiche Scuole Belle” commenta Elisa Camellini, segreteria Filcams Cgil nazionale. Un buon risultato che, però, non rappresenta la conclusione della vertenza. Il governo si è impegnato a convocare entro il 2015 un tavolo di verifica per esaminare le problematiche sociali e occupazionali delle lavoratrici e dei lavoratori cosiddetti ex Lsu e Appalti Storici: “Sarà tra le nostre priorità – conclude Camellini – seguire il percorso per concretizzare un futuro a questi lavoratori, che svolgono un’attività indispensabile per la nostra società. È necessario sviluppare un progetto concreto a lunga scadenza, ed evitare di dover continuamente mettere in discussione un servizio essenziale per la comunità”. (rassegna.it)

Fonte: www.rassegna.it

Appalti pulizie scuole, concessa cig a 22 mila lavoratori ultima modifica: 2015-08-08T10:58:39+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi