"Sin da subito le autorità comunali, dopo aver segnalato per prime l'episodio alla magistratura, si sono messe a disposizione degli inquirenti fornendo la più completa e fattiva collaborazione"

Torino: ragazzo morto dopo Tso, indagati 3 vigili e 1 medico

Fassino stamani si è messo in contatto con familiari di Andrea Soldi per "esprimere la vicinanza della Città al dolore della famiglia"

Di:

Torino – “Se verranno rilevate delle responsabilità personali, queste dovranno essere perseguite con rigore e con la massima severità“. Così il sindaco di Torino Piero Fassino dopo l’iscrizione nel registro degli indagati di 3 vigili urbani e 1 medico, in seguito alla morte di un 45enne ricoverato per un Tso mercoledì scorso. Fassino stamani si è messo in contatto con familiari di Andrea Soldi per “esprimere la vicinanza della Città al dolore della famiglia e per dichiarare la ferma intenzione dell’Amministrazione di contribuire a fare piena luce sull’intera, drammatica vicenda”. “Sin da subito le autorità comunali, dopo aver segnalato per prime l’episodio alla magistratura, si sono messe a disposizione degli inquirenti fornendo la più completa e fattiva collaborazione. Nel frattempo il comandante della Polizia Municipale Alberto Gregnanini, allo scopo di raccogliere ogni elemento di verità utile ai primi atti disposti dalla Procura, ha promosso un approfondimento sulle modalità dettagliate dell’intervento di mercoledì e ha disposto, in via prudenziale, l’assegnazione dei tre agenti coinvolti a servizi non operativi”.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi