Manfredonia
A cura di Pascalonia

A chése de sande Frecone

Di:

Me vine a ffé tanda raggjunaménde
pe dice ca tine llu sendemènde
de ne mbutì fé manghe cchjù lla spese
pecché i solde t’ànne fatte lla rese.

Live a qquà, tagghje a llà, attise e molle
pe mizze vanne i vicchje e lli chjachjolle.
E sté bbune, vulime bbene a sta chése,
u sagreficje ce fé, bbona bbése.

Ma po’… aspitte… auande na magghje,
che so’ , dimme, tutte quiddi nguagghje,
ce spreche a qquà, e lli dibbete a llà,
e cche ji quèste, lla chése d’i frecune?

Ce nghjoppe e ngj’abbède proprje a nescjune?
Sande Frecone ji llu sande de qquà?

Pascalonia

Il paese di san Frecone
Mi vieni a fare tanti ragionamenti/ per dirmi che hai il sentimento (intenzione)/ di non poter far più la spesa,/ perché il denaro ti ha fatto la resa./ Togli qua, tagli là, tendi, molla,/ di sotto (i colpiti) vanno i vecchi e gli impotenti./ E sta bene, vogliamo bene a questa casa,/ il sacrificio si fa, (è) buona base./ Ma poi…aspetta…agguanti una maglia…/ Che cosa sono, dimmi, tutte quelle fragaglie (minutaglie)?/ si spreca qua, e i debiti lì/ e che cosa è questa, la casa dei freconi?/Si raccoglie (ammassa) e non si bada proprio ad alcuno?/San Frecone è il santo (Protettore) di qui?



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati