Manfredonia
Ancora segnalazioni

Manfredonia, fuoriuscita liquami sul lungomare lettore “Dopo anni nulla è cambiato”

"Nel 2011, i liquami fognari erano stati segnalati da alcuni cittadini sul tratto di strada pubblica di viale Miramare"

Di:

Manfredonia. ANCORA nuove segnalazioni relative alla “fuoriuscita di reflui fognari (fogna nera) tramite la rete di raccolta di acque meteoriche nelle acque marine prospicienti nel tratto antistante la struttura ricettiva della Lega Navale in viale Miramare a Manfredonia”. “Come vuole crescere questa città se neanche le fogne siamo in grado di sistemare dopo decenni che esiste questo problema?”, chiede un lettore a Stato Quotidiano.

Si ricorda che le segnalazioni dei cittadini perdurano da anni. Nell’agosto 2011 c’erano stati anche dei prelievi dell’ARPA dopo l’ennesima fuoriuscita di reflui fognari, con relativi provvedimenti del Comune di Manfredonia. Nel 2011, i liquami fognari erano stati segnalati da alcuni cittadini sul tratto di strada pubblica di viale Miramare. Il personale tecnico della Capitaneria di Porto intervenuto sui luoghi aveva verificato il “blocco delle pompe di rilancio a causa di problemi elettrici“, così provvedendo “alla risoluzione dell’inconveniente ed alla riattivazione del relativo impianto”.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
17

Commenti


  • ciro

    poco fa hanno rifatto la fogna ma non c’e’ vrso gli ingegneri a manfredonia
    non sono competenti vedi frangiflutti bisogna mettere i tubi piu’ grandi perche l’estate arrivano i turisti e fanno i bisogni il doppio………….


  • cose dell'altro mondo

    Ne vogliamo parlare? Da anni i reflui fognari si riversano anche in mare, trovando spesso sorprese in mare…
    Controlli guardia costiera? Semplicemente mi fanno ridere…. basti vedere lido la sirenetta quest’anno la distanza tra un’ombrellone e l’altro é di 2,5 m, ossia calcati l’uno con gli altri come fosse comuni, i controlli? Guardia Costiera passa ma a prendersi il caffè al bar della sirenetta ovviamente offerto dalla casa…. se non vedono cose così evidenti, figuriamoci quelle che possono nascondere e non ledere amici di amici….
    Penso che questa città si stia autodistruggendo, con in futuro nero e leso per i nostri figli. Vergognatevi.


  • Ciccio

    Se tutto ciò solo in parte, l’avesse provocato un azienda privata, altro che chiodi e croce bastavano…


  • Francesco

    Le fogne traboccano quando piove perchè la fogna nera scarica nella fogna bianca. Questo avviene da anni dalle nuove abitazioni dei comparti CB3 che stanno avendo il cambio di destinazione di uso per meriti elettorali ed i proprietari sono amici degli amici. Zingariello continua a negare l’evidenza e dice di interventi sul sistema fognario di Manfredonia. Andasse a vedere al depuratore di Manfredonia quello che succede quando piove. AQP apre la paratia e scarica tutto a mare per la gioia del mare de Golfo e iperproduzione di alghe che ci restituisce a Siponto. La ASL e la Capitaneria di Porto dovrebbero fare i controlli in queste situazioni e non dopo preavviso.


  • Manfredonia dorme sugli albori della civilta'

    Sono anni che segnaliamo tal cosa.Si potrebbe crearee centinaia di posti di lavoro semplicemente risistemando questa citta’ .E’ cosi’ difficile? Amministrazione comunale provvediamo o aspettiamo di puzzare come certi paesi africani?


  • michele

    in viale miramare è il contrario della CB3 è la fogna bianca che si riversa nella nera per poi esondare dai tombini.
    sicuramente molti pluviali si imboccano nella fogna nera.
    bisognerebbe indagare.
    sicuramente sono grosse superfici di terrazzo che scarica nella fogna.


  • Differenziato

    TUTTO QUESTO SI RIPETE DA 20 ANNI, MINIMO.


  • uno qualsiasi


  • Zuzzurellone Sipontino

    Come l’anno scorso, ……………………..,come l’anno prossimo?????


  • Donato

    Manfredonia è invasa dai topi!


  • GIORGIO

    Iiiii da quandastopd .


  • Alfredo De Luca

    La competenza ad intervenire, purtroppo, è dell’acquedotto pugliese. Dopo numerose segnalazioni da parte del Comune è stato potenziato il sistema di pompe che deve smaltire le acque nere lungo il fronte mare. Se nemmeno con questi interventi la situazione è stata risolta evidentemente l’AQP dovrà mettere mano all’intero sistema. Tanto risulta da interrogazioni consiliari all’Assessore ai LLPP

  • Su viale Miramare succede ogni tanto,sul lungomare del Sole, invece, con quei frangiflutti, la fogna c’e’ tutto l’anno.


  • Roberto Salvemini

    Questo succede perché, piazzali, cortili generalmente di privati scaricano le acque meteoriche nella fogna nera. Capire dove è l’abuso è semplice, basta avere lo schema della rete fognaria nera e un po di competenza. Vi è un’altro grosso problema che nessuno vi dice oltre a quello che i reflui della fogna nera fuoriesce dai tombini. Infatti dovete sapere che i depuratori sono dimensionati per accogliere le quantità di reflui provenienti dal metabolismo umano e non per trattare le acque meteoriche. Se nella fogna nera confluiscono anche le meteoriche, al depuratore arriva in pochi minuti tanto di refluo da depurare, che non basterebbero dieci di depuratori per il trattamento, quindi cosa succede? Risposta: tutta la cacca, eccetera, eccetera viene versata tale e quale a mare senza alcun trattamento, fino a quando le portate non rientrano nelle specifiche di dimensionamento dell’impianto di depurazione. Quindi è fondamentale per il corretto funzionamento di un depuratore che la rete fognaria ospiti solo i reflui della fogna nera.
    Queste cose sono ben note agli addetti ai lavori (almeno spero) ma forse o per incompetenza o perché scansa fatica, per molti è meglio andare in bypass al depuratore e non risolvere i problemi.


  • Raffaele Vairo

    Prendo atto di quello che scrive il Sign. Roberto Salvemini ma devo rimarcare, tuttavia, che sono anni che il problema esiste e non è stato mai risolto in via definitiva. Credo che vi siano delle precise responsabilità che non è difficile individuare…


  • MANFREDONIA COLONIA DEGLI ARABI DELLA Q8

    Che vergogna… qui davvero si rischia il propagarsi di colera e peste.


  • Raffaele Vairo

    Per Alfredo De Luca
    Se la competenza ad intervenire è dell’acquedotto pugliese e se nonostante numerose segnalazioni, da parte del Comune, la situazione (che si trascina da anni) non è stata ancora risolta, “evidentemente” l’AQP non solo dovrà mettere mano all’intero sistema, ma dovrà essere altresì diffidato e citato in giudizio per il risarcimento dei danni. Solo così la questione potrà essere risolta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati