Regione-Territorio

Rinnovabili, Epifani a Nicastro: “norme retroattive, colpiti i vecchi impianti”


Di:

L'assessore Lorenzo Nicastro (immagine d'archivio)

L'assessore Lorenzo Nicastro (immagine d'archivio)

Bari – “OGGI ho trasmesso all’assessore all’ambiente Lorenzo Nicastro le osservazioni al disegno di legge riguardante le modifiche e le integrazioni ala legge regionale vigente in materia di impatto ambientale e che hanno evidenti conseguenze sulle procedure di insediamento nella nostra regione degli impianti per la produzione di energia da fonti alternative” ha detto in una nota il consigliere regionale del PD, Giovanni Epifani.

“All’assessore Nicastro – ha detto Epifani – ho confermato quanto ebbi a dire nel corso dei lavori della V Commissione, ribadendo che le modifiche così concepite rischiano di innescare contenziosi di grosse proporzioni, dal momento che alcune norme hanno valore retroattivo e si riferiscono anche ad impianti realizzati o avviati a produzione“.

Conseguenze, dice Epifani, “prevedo all’immagine che la Regione ha saputo costruirsi in un settore così complesso e delicato e sulla sua capacità di attrarre gli investimenti previsti dalle multinazionali specializzate nella realizzazione di impianti energetici da fonti alternative. Al governo Vendola va ascritto il grande merito di aver intuito prima di chiunque altro i meccanismo virtuoso innescato con la produzione energetica da fonti rinnovabili. In poco tempo la Puglia di Vendola è divenuta guida e modello nel settore, un primato che va consolidato e migliorato. Di qui la necessità – spiega Epifani – di rivedere il disegno di legge governativo a partire dalla riduzione della soglia di potenza a cui assoggettare gli impianti a valutazione, di introdurre meccanismi tesi a snellire le procedure, di coinvolgere i comuni nella l’individuazione delle aree inidonee a insediare gli impianti, di avviare collaborazioni con le Province cui delegare specifiche competenze”.

“Più che semplici operazioni di maquillage legislativo – conclude il consigliere Epifani – la Puglia deve dotarsi di norme in linea con le direttive comunitarie e gli accordi internazionali, di una sorta di legge quadro alla cui stesura mi sento di collaborare attraverso il testo di una proposta di legge sulla promozione dell’uso in Puglia di energia da fonti rinnovabili che mi accingo a presentare nelle prossime ore”.

Rinnovabili, Epifani a Nicastro: “norme retroattive, colpiti i vecchi impianti” ultima modifica: 2010-09-08T20:06:57+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Carolus

    L’agognato fotovoltaico, ovvero la chimera verde-ecologista.
    1) quanta energia occorre per produrre pannelli fotovoltaici da 1 kW di punta?
    2) quanto costa allo Stato, cioè ai cittadini, 1 kW prodotto col fotovoltaico ?

    Risposte:
    1) 2 volte l’energia elettrica prodotta dai pannelli nella loro vita.
    2) 2,5 volte il prezzo che paghiamo ora per l’energia prodotta normalmente.
    Forza Vendola, tanto paga pantalone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi