Manfredonia

Rizzi, bracconaggio nell’Oasi Lago Salso: “ci hanno anche sparato, ma assenti Cc e Forestali”

Di:

Bracconieri in azione (archivio, veronasera)

Manfredonia – ATTIVITA’ di bracconaggio nella ZPS Paludi presso il Golfo di Manfredonia-Oasi Lago Salso- ma servizio di tutela pari allo zero. E’ la denuncia del foggiano 44enne Vincenzo Rizzi, presidente pro tempore del Centro Studi Naturalistici Onlus, che in compagnia del sig. Matteo Caldarella, lo scorso 1 settembre 2011 alle ore 05.20 in località Lago Salso, durante consuete attività di monitoraggio faunistico, ha individuato un gruppo di persone intente ad esercitare attività di bracconaggio nel Parco Nazionale del Gargano, in località Oasi lago Salso.

“Gli individui esercitavano l’attività illegale per i seguenti motivi – spiega nella sua nota il presidente del CSN – Utilizzavano registratori elettroacustici per specie acquatiche (alzavola, marzaiola, etc.); si trovavano in area protetta (Parco Nazionale del Gargano, ZPS) ove l’attività di caccia non è consentita; erano in atteggiamento di caccia in orari non consentiti”.

“CI HANNO ANCHE SPARATO CON INTENTO INTIMIDATORIO”In seguito all’avvistamento della nostra presenza tali persone hanno prima proceduto ad insultarci e poi hanno sparato con intento intimidatorio, successivamente c’è stato anche un tentativo di inseguimento all’interno dell’Oasi che, ricordiamo, è una proprietà privata con conseguente violazione penale”.

“ABBIAMO CHIAMATO FORESTALI E CARABINIERI: NIENTE” – “Durante queste fasi il sig. Caldarella procedeva a inoltrare chiamata telefonica al 1515 per ottenere un supporto da parte del Corpo Forestale dello Stato, dopo diversi scambi di telefonate, l’operatore del 1515 di Bari affermava che non c’erano pattuglie disponibili e che l’unica teoricamente presente in zona era a Vieste, inoltre l’operatore ci consigliava di chiamare i Carabinieri perché dalla sua postazione non riusciva nemmeno a contattare il comando di Manfredonia”. “Provvedevamo quindi a chiamare i Carabinieri (112) che malgrado informati di quanto stava accadendo e che eravamo inseguiti non hanno provveduto ad inviarci un supporto”.

Vincenzo Rizzi (CSN)

Vincenzo Rizzi (CSN)

Nella stesa giornata ad un controllo effettuato dagli stessi operatori la sera dello stesso giorno, all’imbrunire (ore 20,00), Rizzi e Caldarella riscontravano la presenza nello steso sito della mattina di persone in chiaro atteggiamento di caccia che però una volta avvistata l’autovettura degli operatori sarebbero fuggiti.

L’automobile utilizzata dai bracconieri è una Panda (vecchio tipo) di colore scuro, la cui targa non è stato possibile rilevare perché si muovevano al buio senza fanali accesi – dice Rizzi – Con la presente oltre a denunziare i fatti accaduti si rileva la gravità di quanto successo per di più in aree di grande importanza faunistica comprese nel Parco Nazionale del Gargano. Ci sembra particolarmente grave che all’inizio della stagione venatoria non venga garantito un servizio di tutela della fauna e del personale scientifico che opera all’interno dell’area”.

“Si rileva inoltre che malgrado l’azione intimidatoria, non ci sia stata una azione di tutela dei cittadini che stavano denunciando un reato.
Si chiede pertanto di procedere a garantire un adeguato servizio di vigilanza nelle ore in cui tali attività delinquenziali vengono esercitate e cioè ore notturne dal tramonto all’alba“. “La nostra associazione continuerà attraverso i suoi operatori a presidiare l’area con modalità non violente, pertanto al fine di prevenire eventuali atti di violenza nei confronti dei volontari si chiede alle signorie vostre di garantire la sicurezza e la legalità nell’area”, termina Rizzi.


“MAI ENTRATO IN FUNZIONE PRESIDIO DELLA POLIZIA PROVINCIALE”
– “Si fa inoltre presente che la società di gestione dell’Oasi e il Comune di Manfredonia hanno messo a disposizione dell’Amministrazione Provinciale locali idonei per ospitare un presidio di polizia provinciale che malgrado le strutture (con targhe e tabelle indicatrici) non è mai entrato realmente in funzione”.

Redazione Stato, gdf@riproduzione riservata



Vota questo articolo:
9

Commenti


  • agguerrito

    Ma sparateli a vista questi …………della caccia.


  • ART ATTAK

    e tutti coloro che esaltano l’operato delle forze dell’ordine ora dove sono?
    tutti pronti a lodarli quando fanno semplicemnte il proprio dovere ed ora che non l’hanno fatto (cosa estremamnete grave!) nessuno dice niente.
    DENUNCIATE PER MANCANZA INADEMPIENZA!
    GIUSTIZIA DA SE’, ALLORA, SE SPARANO SI RISPONDE AL FUOCO E POI NON CI SIANO PROCESSI!!!


  • Redazione

    Moderazione, grazie. Red.


  • FABIO

    questa è una situazione che va avanti da sempre. Mi dispiace per quello che è accaduto al signor Rizzi. Anch’io in passato avevo segnalato,alle autorità, la presenza di bracconieri in zona Lago Salso, ma è stato inutile. Giorni fa qui a stato quotidiano c’era un articolo su dei fondi che sarebbero arrivati per migliorare le condizioni di Lago Salso. Ma non vedo l’ utilità, visti i continui incendi che puntualmente colpiscono questa zona e i bracconieri che fanno stragi di uccelli.
    PECCATO!


  • Germano 78

    Per agguerrito (fare certe affermazioni e da persone …..)

    Per il sig. Rizzi:
    Lei dice che non ha potuto fornire il numero di targa perché era buio e la macchina viaggiava con i fanali spenti. Mi può spiegare come ha fatto a riconoscere il modello e la marca della macchina, non poteva essere una Seat marbella (visto che è identica ala panda).

    Quando lei afferma che vi hanno sparato contro da che cosa lo deduce, perché pure io posso dire tante cose ma se non ho le prove sono parole campate in aria. Come pure lo studio che stava conducendo combinazione il primo giorno di caccia, ma mi sembra tutto strano.

    Comunque non tutti i cacciatori sono uguali, le voglio ricordare che l’ anno scorso noi cacciatori abbiamo chiamato i vigili del fuoco per domare un incendio che si stava propagando alle spalle dell’oasi lago salso, e i cosiddetti guardiani che avete voi all’interno del centro se ne sono fregati altamente perché hanno visto tutto, e poi dovevano lavorare.

    Comunque sig. Rizzo tengo a precisare una cosa qualora ci fossero stati degli spari contro di voi, lo ritengo un gesto vile e ingiustificabile, fatto da persone che con la caccia non hanno nulla a che fare con la caccia.

    Infine le vorrei dire che lei può fare tutti controlli di salvaguardia come lo facciamo noi cacciatori, ma soprattutto lo faccia in modo corretto e rispettoso nei confronti di chi vede la caccia come un sport, e sopratutto un amore verso la natura.


  • germano 78

    Per STATO
    come mai mi punteggiate la parola IMBECILLE, mentre per Agguerito la riportate per intera.
    Saluti


  • Redazione

    Controlliamo, in caso di refuso provvediamo alla correzione. Grazie, Red.


  • Alessandro

    Salve Sig. Rizzi, sono una persona che opera nel settore di vigilanza ambientale dal 1999, forse come valore giuritico valgo meno di lei… Ma voglio affermare che dal primo giorno che ho incominciato ad operare in questo settore non mi è mai capitato di chiamare una qualsiasi istituziuone di Polizia Giudiziaria che non sia intervenuta, quindi quello che lei ha raccontato attraverso questo articolo mi lascia perplesso, mettendo in ridicolo anche le forze dell’ordine pur di soddisfare i vostri racconti…


  • Verdi = Pinocchio

    Caro Egregio illustrissimo signor Rizzi e altrettanto illustrissimo ed egregio signor Caldarella..Allora..andiamo con ordine…….
    1- Secondo me voi non avete chiamato proprio nessuno perchè altrimenti sarebbero arrivati in 5 minuti specie se,da come avete detto eravate sotto assedio,inseguiti e sparati addosso… ( Miiiiii che coraggio che avete a mettere a rischio la vostra vita x l’Oasi Lago Salso,meritate una medaglia )
    2- Se invece da come dite avete chiamato e nessuno è intervenuto ( cosa impossibile )il motivo è solo uno ed cioè questo : Siete cosi poco attendibili e bugiardi che anche le forze dell’ordine avranno immaginato che era tutta una bolla di sapone…
    3- Il tasto piu dolente…. Come mai non si da tanto risalto all’incendio divampato nella “Valle Alta” circa un mese fa ?? ah si giusto….cosa causò l’incendio ?? un aereo che è caduto nei pressi dell’azienda De Feo come può far scoppiare un’incendio in una zona a 10 Km di distanza??? ora mi chiedo… Non è che queste vostre ” Sceriffate ” vengano fatte proprio x distogliere l’attenzione sull’incendio divampato NON x colpa dell’aereo ma bensì x colpa di qualcuno di ” VOI ” che ha voluto fare escursione con un fuoristrada nei canneti dove stanno facendo i lavori ??? o forse pensate che alla gente tutta potete raccontare ciò che volete ??
    4- Durante le vostre ” consuete attività di monitoraggio ” Non vi siete mai accorti che l’oasi è diventata una discarica?? canne alte 5 metri, capanni x avvistamenti che cadono a pezzi covi di ratti giganti e cervoni ( Nonostante ricevete centinaia di migliaia di Euro dalla comunità Europea x tenere La ex DAUNIA RISI come era un tempo,quando era gestita dai cacciatori,un gioiello della natura e non come ora),Rumeni e Bulgari che pescano lasciando immondizia ovunque ?? queste cose non le vedete giusto ?? eh si xke se andate a rompere le P…..E ai rumeni vi danno con la canna da pesca in testa e vi ordinano pure di pulirgli quelle Carpe e Cefali puzzolenti che pescano la dentro,quindi vi è piu comodo Rompere le P….E a chi paga REGOLARMENTE le tasse x andare a caccia,si sveglia alle 4 di mattina solo x la passione,anche xke,rompendo le P…..E ai cacciatori avete piu risalto mediatico…..Siete disposti anche ad Infangare le Forze dell’Ordine per la vostra gloria personale…Ma basta guardare le vostre facce x capire cosa siete veramente…

    P.S. Con le vostre favolette potete darla a bere alla gente che legge il giornale,che analizza solo ciò che scrivete,che non vi conosce,ma alla gente che vive nell’ambiente Caccia fate solo ridere,perchè torno a dire,con queste “Sceriffate” volete avere meriti e gloria che non meritate,perchè il vostro unico intendo è solo questo: INC….. SOLDI DALLA COMUNITA’ EUROPEA E DAR FASTIDIO ALLA GENTE CHE ASPETTA LA DOMENICA X RITROVARSI CON GLI AMICI DOPO UNA SETTIMANA DI LAVORO…..Passo e chiudo…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi