Manfredonia
Fotogallery di Benedetto Monaco

“Ex fabbriche di San Francesco, bene mostre ma umidità rovina i locali”

"Le Fabbriche di San Francesco non sono state indicate quali sede dell’Ecomuseo del Comune di Manfredonia?"

Di:

Manfredonia. ANCORA in corso a Manfredonia l’edizione ad hoc di “Capitanata Grand Tour”, ”l’innovativo circuito artistico organizzato e allestito da “Andrea Pacilli Editore” con il marchio “JamArt Project” curato da Antonio Scotellaro”. ”La mostra personale dell’artista canadese Jim Picco è ospitata nei locali delle ex fabbriche di san Francesco, adiacenti alla chiesa di san Francesco, da poco restaurati. Il titolo della mostra è dunque “EX FABRICA Contemporary Art alle ex Fabbriche di San Francesco””.

Una segnalazione in merito è giunta a Stato Quotidiano da alcuni lettori “Bene le mostre ma i locali non stanno ‘soffrendo’ eccessivamente l’umidità? Le Fabbriche di San Francesco non sono state indicate quali sede dell’Ecomuseo del Comune di Manfredonia?”.

Il progetto
Si ricorda come con D.G.C. n. 219 del 02/08/2013 era stato approvato il progetto esecutivo “Recupero e consolidamento delle fabbriche ex convento San Francesco”, nell’ambito del POIn attrattori culturali, naturali e turismo – Asse I, Linea I.1.1. o. CUP n. J38F13000170002, per una spesa di € 839.677,88 di cui € 620.100,00 per lavori, € 15.055,00 per oneri per la sicurezza ed € 204.522,88 per somme a disposizione del Comune di Manfredonia.

Al progetto, con decreto del Segretario Generale dell’Organismo Intermedio (O.I.) – MIBACT del 02/08/2013, è stato assegnato un finanziamento di € 839.677,88. In seguito, con D.G.C. n.282 del 20/09/2013 è stata approvata la rimodulazione del progetto esecutivo come finanziato dal Ministero per una spesa complessiva di € 839.677,88 di cui € 620.100,00 per lavori, € 15.055 per oneri per la sicurezza e € 204.522,88 per somme a disposizione dell’Amministrazione.

FOTOGALLERY BENEDETTO MONACO



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • ciccillo

    Che porcheria!!! I nostri soldi utilizzati pessimamente da progettisti incompetenti e funzionari pubblici incapaci di controllare….Bleah


  • Francesco

    La mala pianta dell’Italia è la BUROCRAZIA a tutti i livelli ed in questo caso i tecnici comunali incompetenti, menefreghisti, impreparati e succubi del potere politico e degli imprenditori locali e delle ditte appaltatrici dei lavori pubblici.


  • svolta

    Ma cosa dite qui si è sprecato il fior Fiore dell’ intelligenzia dei tecnici comunali e non…. È vero che esistono degli intonaci o cose del genere a base lavica che potevano essere impiegati contro tale fenomeno ? Ristrutturazione e consolidamento…. Ma do’ sta’…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati