ManfredoniaPolitica
L’aspetto epidemiologico è stato richiamato anche da Marco Galante, con riferimento alla situazione di Taranto : PM 10, PCB, diossina

M5S: Riconvertire realtà industriali inquinate si può e si deve

Gianluca Bozzetti ha evidenziato che mentre per Taranto si è aperto uno squarcio di luce dopo l’intervento della Magistratura

Di:

Bari. Riconvertire le realtà industriali inquinate di Taranto, Brindisi, Manfredonia si può e si deve. E’ questo il messaggio della conferenza stampa tenuta dal M5S in Consiglio regionale, che ha preannunciato una campagna ad hoc incentrata su una serie di conferenze, eventi e forum alla presenza di relatori nazionali e internazionali, tesa a dimostrare che andare oltre realtà industriali come l’Ilva o la centrale Enel di Cerano è già realtà in diverse parti del mondo, puntando su turismo, cultura, agricoltura, etc.

Primo appuntamento il 18 settembre alla Fiera del Levante a Bari in cui vi saranno rappresentanti della Ruhr (Germania), di Lodz (Polonia) e Bilbao (Spagna), tre aree industriali fortemente degradate che sono state oggetto di riconversione. “L’iniziativa – ha detto Antonella Laricchia – è frutto di una serie di contatti con ambasciate e consolati in corso da mesi. I relatori che interverranno (che saranno condotti il giorno prima dell’evento nella aree pugliesi interessate) illustreranno la metodologia operativa adottata nei loro territori che ha consentito la riconversione e il rilancio degli stessi senza perdita di posti di lavoro”. “Noi intendiamo mutuare queste esperienze – ha aggiunto la consigliera M5S – e scrivere un piano di riconversione a più mani (con le università, le associazioni, i cittadini), ovviamente adattandolo alle caratteristiche dei territori”.

Gianluca Bozzetti ha evidenziato che mentre per Taranto si è aperto uno squarcio di luce dopo l’intervento della Magistratura, non altrettanto si è verificato per Brindisi, che registra la presenza, oltre che della centrale Enel di Cerano, anche di alcune centrali termoelettriche e di un forte polo petrolchimico. Il consigliere M5S ha anticipato qualche dato epidemiologico presentato recentemente a Roma da cui è risultato, tra l’altro, che su un campione di 300.000 abitanti sottoposti a esposizione a PM10 è stato registrato un incremento della mortalità per tumori dell’8% nel periodo 2001-2013. Bozzetti ha citato anche il sito di Manfredonia che risulta al primo posto in Italia tra i tre interessati per quel che riguarda le malformazioni neonatali. Ha sottolineato che la tutela dei livelli occupazionali per il M5S è una priorità assoluta che può essere contemperata anche con i piani di riconversione, sia pure con un processo più lungo ma non impossibile.

L’aspetto epidemiologico è stato richiamato anche da Marco Galante, con riferimento alla situazione di Taranto : PM 10, PCB, diossina. Quest’ultima rilevata anche nel cuoio cappelluto di diversi cittadini di Taranto insieme a piombo, metalli pesanti, etc. Le conseguenze non si manifestano solo in termini di aumento delle neoplasie, ma anche di patologie dall’apparato respiratorio, urinario, etc. Galante ha ricordato il sacrificio occupazionale conseguente al forte degrado ambientale dell’area con riferimento agli operatori della militicoltura e dell’agroalimentare, senza considerare tutti i capi di bestiame abbattuto per via della presenza delle diossina.

“L’Ilva presenta ad oggi un debito di quasi 4 miliardi. Qualcuno – ha puntualizzato il consigliere M5S – dice che viene tenuta in vita per consentire alla banche di rientrare nel credito di 2 miliardi che vantano. Di qui la necessità del cambiamento, assecondando le vocazioni naturali dei territori, che consentirà di mantenere i livelli occupazionali, con una sfida alla politica e ai sindacati che sono consapevoli degli attuali costi economici, ambientali e sanitari”.



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • 1968 - 1976 - 2016

    CHIAMATE LA MAGISTRATURA ANCHE PER MANFREDONIA LA SALUTE NOSTRA E DEI NOSTRI FIGLI E’ SACRA! VI INTERESSATE SOLO DI BARI E TARANTO E MANFREDONIA? SOLO PROCLAMI!!


  • Saverio

    Incompetenti e pasticcioni.


  • indignato pensionato

    Perche non dite anche che oltre le fabriche che produco malattie,ci sono anche le antenne sui i palazzi che producono tumori,e’il sindaco di manfredonia non fa’niente per evitare tutto questo,anzi manfredonia e piena di tutto questo,si rilasciano autorizazione ha tutto spiano,senza considerare il danno che fanno.


  • Francesco

    Quando il Dr. Bianchi ha presentato i dati sulle malformazioni congenite di Manfredonia (il 19/05/20169 ha detto che erano dati grezzi che bisognava approfondire in quanto di tutti bisognava indagare per capire. In quella stessa sede ha rassicurato una signora presente, la cui figlia era in attesa. Ora sono diventati dati con cui continuare a terrorizzare la popolazione ed a strumentalizzare per biechi motivi politici come si è fatto in questi 40 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati