Manfredonia
"Ho diritto a qualche sconto considerando che non produce rifiuti e che gli eredi la pagano già per le loro abitazioni"

Manfredonia, decesso suocera. Lettore “Immobile disabitata, possibili sconti per eredi?”

"Signor Sindaco questi regolamenti le sembrano giusti?"

Di:

Lettera aperta al Sindaco di Manfredonia

Il fatto

”Mia suocera è deceduta il 31/08/2015 ed abitava da sola in un appartamento suo a Manfredonia. Gli eredi sono i due figli, una residente a Manfredonia (mia moglie) ed uno residente in Sicilia. Entrambi pagano la TARI nei rispettivi Comuni di residenza. La TARI del 2016 di Manfredonia della defunta, per un importo di 210 euro, è arrivata intestata “ Eredi di ……” e sono state regolarmente pagate le prime tre rate. Le mie domande all’Ufficio Tributi di Manfredonia e le sue risposte

Chiedo: l’appartamento di mia suocera, deceduta, è disabitato. Ho diritto a qualche sconto considerando che non produce rifiuti e che gli eredi la pagano già per le loro abitazioni? La risposta dell’impiegato: avete staccato le utenze elettriche etc? Io: no in quando il riallaccio è molto costoso oltre che poi richiederebbe del tempo per eventuali ristrutturazioni etc. L’impiegata: allora vi spetta solo la riduzione del 10% ma ora l’appartamento è a disposizione dei due eredi e quindi la tariffa, per due abitanti e non uno come prima, raddoppierebbe, allora lasciate stare. Alle mie osservazioni rispondeva: è il regolamento.

Le mie osservazioni su questa ingiustizia. Signor Sindaco questi regolamenti le sembrano giusti? Pagare la tariffa intera per un appartamento vuoto che non produce rifiuti. Posso capire di partecipare alla TARI per 30- 40 – 50 % della tariffa piena in quanto comunque è un immobile nel comune. Questa partecipazione si giustificherebbe pure in quanto l’erede emigrato in Sicilia per lavoro ha ancora il vizio di venire, per non più di una settimana all’anno, alla Festa Madonna. Questi regolamenti giustificano ed amplificano l’odio dei contribuenti verso gli amministratori comunali, i politici, la Casta e l’ASE in quanto ingiustificati e non comprensibili dal buon padre di famiglia.

Signor Sindaco concludo giustificando, a maggior ragione la mia irritazione, riscontrando che per la mia abitazione la TARI per l’anno 2014 era di 342 euro e per il 2016 di 371 euro con un incremento del 8,47%. La mia pensione è rimasta invariata e l’incremento ISTAT del costo della vita è stato dello – 0,2 %.

Mi fermo qui ed evito di fare altri sgradevoli commenti. La ringrazio per il tempo che mi vorrà dedicare e per una eventuale risposta esplicativa e Le invio cordiali saluti.”

Manfredonia 08/09/2016 – Francesco Santamaria



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Alfredonia

    Che la TARI si debba pagare in seguito alle varie utenze, come l’energia elettrica, non sta scritto in nessun regolamento.
    Stesso caso e’ successo a mia madre dopo il decesso.
    L’importante che la casa sia VUOTA da arredamenti, che possano far capire che. anche saltuariamente, sia occupata.
    Purtroppo, quando mi e’ capitato lo stesso problema, per evitare di far causa, anche perche’ passano una decina di anni, ho ceduto a quello che si puo’ definire un vero e proprio ABUSO , con privatizzazione di un servizio, in quanto anche in una casa vuota, l’energia elettrica serve per poter entrare in una proprieta’ privata, senza fare uso abitativo.
    Purtroppo, oggi giorno si assistono a provvedimenti ridicoli, come l’ultimo di includere il canone RAI insieme all’ENEL, che rappresenta una sconfitta degli organi di controllo per il pagamento del canone durato circa 40 anni.


  • Filippo

    Mi sembra giusto che per non pagare la Tari venga richiesto lo stacco delle utenze domestiche.
    Bisogna dimostrare con i fatti che la casa non è abitabile.

    Altrimenti, con tutti i furbi che ci sono in Italia, arriverebbero un infinità di comunicazioni di casa disabitate.

    Inoltre…se la casa è disabitata, è si prevede che lo rimarrà a lungo, che senso ha continuare ad avere le utenze (acqua, luce, gas, telefono) allacciate e continuare a pagare i rispettivi canoni?

    Con quello che si risparmia (se la casa rimane vuota per anni) se ne possono pagare 10 di riallacci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati