A cura di Pasquale Ognissanti

U sutténe

Di:

Che bbèlla cose u sutténe,
ne ndé noje a i crestiéne:
vocch’e nése ppe lla gènde,
luccule… e subbete sènde.

Tu me dice: ma u supréne…
te fé sènde na pacchjéne.
Ne nge sté che fé, jé raggione,
ne nde fazze descussione.

Scuse… na lissije de panne,
mm’ adda dice, addic’a spanne!?
Te mitte na zoche fore
e t’appinne lli linzole.

U sacce, tu sì segnore…
nghjéne e scènne dol’u core.
E ll’acque ca jì rumaste
addu lla lasse… nd’a caste?

Mang’a ddirle… sop’a stréde!
bbagn’ a polvere de ll’estéte.
Sope pute fé llu fritte?
U luche jì troppe stritte

Il sottano
Che bella cosa è il sottano,/ non dà noie alle persone:/ si è sempre a contatto con la gente,/come il naso con la bocca./Appena emetti un grido/ gli altri subito ti ascoltano. /Tu mi puoi dire:/ ma il soprano/ ti fa sembrare una pacchiana/ Hai ragione non c’è nulla a che vedere,/non voglio fare una discussione./ Scusami, però, tutti i panni che hai lavato…/mi devi dire, dove li stendi!?/ Io, invece, metto la corda fuori/ e vi appendo le lenzuola./Lo so, tu sei una signora…/salire e scendere le scale fa male al cuore./ E l’acqua che è rimasta/ dove la lasci…dentro casa?/ Neanche a dirlo… la butto sulla strada!…/ bagna la polvere dell’estate./ Sopra puoi fare la frittura?/ L’ambiente è troppo stretto.

Nvéce tu te mitte fore,
tande na bbèlla frasciore…
e vogghje a rroste i pisce…
e ll’oddore… che delizje:
ji nu guste, ji nu sfizje…
E se passe na cummére
ca grosse tene lla panze?

Nuje ne nfacime scanze,
ce respètte a gravedanze:
trése… e a quèdde c’avanze.
Si!… d’accorde… e lli bbisogne?

Llu diche, ne n’jì vrijogne:
pass’u carre! Annanz’a porte
sté u sicchje e a conga corte,
quanne vène ce lli porte.

Menille, ‘mbrime de ‘nghiude,
u mètte fore a lla nude…
Ammizz’a Cchjsa granne,
quanne u timbe ji stracque,
manghe ce votte tand’acque.

Quèsta stréde jì na famigghje:
n’oggètte ne nge llu pigghje
nesciune… addica llu mitte.
Nu curra curre… na cose…

Invece tu ti metti fuori,/con tanto un bel braciere,/ hai voglia ad arrostire i pesci…/ e l’odore… che delizia,/ è un gusto, è uno sfizio. /E se passa una comare incinta con un bel pancione?/ Noi non facciamo distinzione,/ rispettiamo la gravidanza:/ la facciamo entrare in casa…/ le porgiamo il piatto/ fino a tutto ciò che avanza./Va bene!… d’accordo…/ ma come fate per i bisogni fisiologici?/ Lo dico, non è una vergogna:/ passa il carro delle acque luride!/ Davanti alla porta/ c’è il secchio e la conca piccola,/ quando passa l’uomo della raccolta se li porta via./ Il piccolino, quando lo rinchiudo,/lo metto fuori, nudo…/ Neanche dalla fontana in mezzo alla piazza della chiesa grande/quando il tempo è carico,/ si butta tant’acqua./ Questa strada è una famiglia:/ un oggetto non se lo prende/ nessuno…ovunque lo lasci./ Un pericolo, un trambusto, una questione…/

subbete te mine fore.
E ppo’… nu bbèlle rutille
addica llu fé… nd’u castille?
Nvèce… nuje… a llu candone…
de chi passe: u méle e u bbéne.

Attinde ca ll’ucchje pote!
Mbè… so suddesfazione
ca lla fèmmene lli vole…

sté sèmbe indre, sola sole.
Na povera figghjole
ne mbo’ sté sèmbe sott’i lenzole.
Dice: ne ndine lla radje?!

Pure lla televisione!…
Se te javeze iune lla voce…
n’ate subite llu tone…
Sènza fé lunghe llu stracurse,
se no ruméne accume nu turse
pére a stréde u bbaraccone.

Ll’èstéte… t’assitte fore:
sinde na lite… na cose…
a na longa descussione.
So’ bbèlle lli calannarje:
c’à fatte tu nd’a n’anne…
cchi jì trasite nd’a caste…

subito esci fuori./ E poi… un bel crocchio per i pettegolezzi/ dove lo fai… sopra il castello?/ Invece, noi, ci mettiamo all’angolo dell’isolato/e di tutti quelli che passano/ facciamo la rassegna per quanto riguardano/ il bene ed il male ( i loro difetti e le loro virtù)./ Attenzione perché gli occhi hanno un potere nefasto./ Eh sì… sono soddisfazioni/ che la femmina le vuole…/ sta sempre in casa da sola./ Una povera figliola/ non può stare sempre sotto le lenzuola./Tu mi puoi dire: non hai la radio?!…/ Oh… pure la televisione!…/ Se una vicina alza un po’ il volume/ l’altra alza subito il tono,/ senza fare una lunga diatriba,/ altrimenti resti come un torsolo,/ la strada sembra un baraccone./ L’estate… ti siedi fuori:/ ascolti una lite,/ un fatto capitato a qualcuno/ o una lunga discussione./ Sono belle le calende/: che cosa hai fatto durante tutto l’anno,/ chi è entrato in casa tua …/

tin’i mbicce?… purte i corne?…
sté péne meserecordje?…
tra lucchele e speléte
de chépe, tutte llu sanne.

E ne nge vol’a zinghere
pp’anduvené a vendure…
d’i fatte nustre sime secure
ne ngj’ammucce ninde a nesciune…

i fatte ca ce fanne quidde so’
e ce cummatte pe llu sì e llu no.
Jì lla vite dd’u sutténe
ca ndé noje a i cristiéne,

n’àmma dé cunde a chiche june,
ne nge stanne né sèrve e né patrune.
A notte, nzerréte u varrone,
penzéme a llu catrechéle,

sènza vunnèlle e cavezone,
a lla facce de chi ce vole méle,
ce candème lli letanije
ije e Frischepavele mije …

sei in difficoltà economica, porti le corna…? non puoi mangiare?… /tra le grida e una tirata/ di capelli tutti ne vengono a conoscenza./ Non occorre la zingara per indovinare l’avvenire…/ dei fatti nostri siamo sicure,/ non nascondiamo niente a nessuno…/ le cose che facciamo sono improntate all’onestà…/ il nostro modo di agire/ è franco e sincero:/ diciamo “sì” oppure “no” ( senza alcuna falsità)./E’ la vita del sottano/ che non dà noia alle persone./ Non dobbiamo dar conto ad alcuno,/ non ci sono né servi e né padroni./ La notte, rinserrata la barra (di ferro),/ pensiamo all’essenziale,/ senza gonnelle e (senza) pantaloni,/ alla faccia di chi ci vuole del male,/ ci cantiamo le litanie/ io e Francesco Paolo mio.

(A cura di Pasquale Ognissanti, Manfredonia 07.09.2016)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati