A cura di Paolo Cascavilla

E’ mafia? Forse che no, forse che sì..

"Il fenomeno era conosciuto, così come si sapeva che sul Gargano si aprivano vie nuove della droga, nuove enormi fonti di reddito… ma ci vogliono i morti a dare visibilità alla criminalità organizzata"


Di:

Il presidente dell’associazione “Giovanni Panunzio”, in un incontro nel luglio scorso della Confapi (confederazione piccola e media industria), ha dichiarato che il racket in Capitanata incide sull’80% delle imprese. Un fenomeno che negli ultimi anni ha portato a una diminuzione del Pil del 16%. Il doppio di quello riscontrato per tutto il periodo della crisi economica dal 2008 ad oggi! Dati confermati dall’ex questore Silvis: “l’80% degli esercizi pubblici è sotto estorsione”. Per il procuratore antimafia di Bari Giuseppe Volpe, l’80% dei crimini restano impuniti. Cesare Beccaria nel 1700 affermava che era la certezza della pena l’unico deterrente, non la sua durezza!

Il 29 luglio sulla Gazzetta del Mezzogiorno, un ex dirigente della polizia di Stato (Claudio Lecci), già capo della squadra mobile di Foggia, scrive un articolo… se fosse vero solo un quarto di quanto riportato ce ne dovremmo scappare! Sostiene che vi è “un antistato fatto di incapaci, fannulloni che hanno raggiunto i vertici e sono responsabili della vittoria dei mafiosi, dei piromani, dei tangentisti…”; sono essi ad aver smontato una organizzazione di lavoro che aveva dato risultati apprezzabili e penalizzato persone valide, demotivando il personale già “ammorbato dal pessimo esempio della inadeguata classe politica…”

Il procuratore Volpe dice che dall’inizio di questo anno sono state sequestrate 24 tonnellate di erba (più le 4 tonn. di questi giorni), e questo significa che ne è passata per le nostre coste almeno 10 volte in più. Un profitto di un miliardo e 200 milioni di euro. A questo si aggiungono le coltivazioni scoperte quotidianamente nei giardini, nei terreni privati…

Non manca nulla in Capitanata: rifiuti tossici nelle campagne, assalto ai Tir e porta valori, minacce ai giornalisti, furti di rame… si possono bloccare per ore treni nazionali, l’elettricità a interi quartieri… Un migliaio sono gli aderenti alle batterie delle mafie presenti in provincia di Foggia. Racconta il procuratore Volpe di Omar Trotta (assassinato in pieno giorno a Vieste): era scomparso per un paio di settimane, poi torna, forse con delle garanzie. Viene contattato per collaborare. “E’ finita come è finita. Non si fidano di noi”, conclude. Ma a Vieste circola la voce che a Omar avevano anticipato che avrebbe visto la figlia nascere, ma non battezzare.

Il fenomeno era conosciuto, così come si sapeva che sul Gargano si aprivano vie nuove della droga, nuove enormi fonti di reddito… ma ci vogliono i morti a dare visibilità alla criminalità organizzata. E’ un fatto positivo; vuol dire che non ci siamo assuefatti all’idea dei corpi assassinati!

Di fronte alla strage di un mese fa, l’invito al silenzio e a smetterla con la retorica e l’autoassoluzione da parte della “politichetta domestica” (Piepoli) non è stato rispettato. Tante le parole inutili. Michele Bordo si augura che cambi “la percezione della pericolosità della quarta mafia da parte dei cittadini, imprenditori e sindaci, alcuni dei quali hanno sottovalutato il fenomeno, pensando di poterci convivere…”. Il presidente Confesercenti di Capitanata (Ferrara) parla di criminali amici di imprenditori e politici. A quali sindaci e politici si riferiscono? Per Vincenzo Musacchio (direttore Osservatorio Antimafia del Molise e della scuola di legalità “don Peppino Diana”) la mafia in Capitanata è talmente forte che è difficile pensare che non abbia sostegno negli Enti Locali.

Che fare? Il giornale Avvenire ci ricorda che “chi non denuncia e chi tace” commette un “reato”, fa “peccato”. Tutti hanno ripetuto che la repressione non basta. “Ora tocca alla società civile”, e che è compito della politica spingere la collettività “a ribellarsi alla criminalità organizzata”. Un richiamo che sembra inteso come fiaccolate, manifestazioni e simili.

La risposta della società civile è quella che viene data quotidianamente nel funzionamento dei servizi e delle istituzioni, trattando i cittadini (tutti) come tali, senza patrocinatori e protettori. La società civile è costituita dalle organizzazioni di categoria, sindacati, scuole, associazioni, oratori-parrocchie, mezzi di comunicazione… dagli ordini professionali (medici, avvocati, commercialisti, ingegneri, assistenti sociali, psicologi…). Se tutti questi soggetti avessero la voce! Se tante voci quotidiane…

A cura di Paolo Cascavilla – fonte www.futuriparalleli.it – Titolo originale: E’ mafia? Forse che no, forse che sì. “La politichetta domestica” e la società civile

E’ mafia? Forse che no, forse che sì.. ultima modifica: 2017-09-08T08:33:17+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
7

Commenti


  • Francesco

    Da piccolo ho imparato che il primo livello di mafia e quello della politica e colletti bianchi tutto il resto e’ manovalanza.


  • Ridicolo

    caro cascavilla sei stato per quindici anni immerso nel contesto di cui parli e non hai mai aperto bocca. Adesso hai ritrovato la parolina


  • svolta

    Francesco da piccolo hai capito tutto e molto.


  • Paolo Cascavilla

    Egregio signor ridicolo, faccio un certo sforzo a rispondere. Ho deciso da tempo di non rispondere più ai commenti anonimi. Non li trovo dignitosi. Gli anni sono undici. Se lei va a leggere i tre piani sociali di zona, gli opuscoli, le news, i volantini… troverà una sorpresa: tutto quello che scrivo sulla città è già stato scritto. Ora aggiungo un’altra fonte. Alla vigilia delle primarie su Stato Quotidiano del 19 dicembre 2014 io pubblicai una lettera (in risposta a un articolo) in cui mi schieravo a favore di Riccardi, ma nella conclusione dicevo che ero contro quelle primarie, e che “come ho ripetuto da un anno a questa parte sarebbe stato utile avviare una discussione ampia su cosa significa amministrare oggi… e verificare contemporaneamente la consistenza dell’attuale classe politica. il tutto alla luce di alcuni elementi imprescindibili: controllo della spesa, la qualità dei servizi offerti, il rinnovamento della macchina amministrativa comunale, la capacità di attingere a nuove risorse, le competenze… E invece niente di tutto questo. Anzi tutto il contrario”. Più chiaro di così. Se fossi stato ascoltato… In precedenza avevo inviato a quelli che contano la proposta di forum pubblici su cinque grossi temi: povertà, cittadinanza, lavoro, bilancio… Ho inviato durante il primo mandato Riccardi almeno 150 mail a sindaco, giunta ecc. sulle varie questioni amministrative ed anche sul bilancio… Ma entrate nel merito delle questioni affrontate. Forse quelli che leggono vogliono sentire idee, opinioni diverse, pareri… Io presento nel mio blog qualche idea, qualche visione personale… discutibile certo e non offendo mai nessuno.Con affetto. Un abbraccio a tutti. Paolo Cascavilla.


  • Redazione

    La ringraziamo Professore per l’intervento e per gli articoli che ci consente di pubblicare sul nostro giornale. Grazie, buona serata. StatoQuotidiano.it


  • Il Pd vuole imbavagliare la stampa a tutti i livelli


  • Immigrato

    “la mafia in Capitanata è talmente forte che è difficile pensare che non abbia sostegno negli Enti Locali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi