Manfredonia
Una storia moderna con un dejavù da inizio '900

Annalina Vaira da Manfredonia negli States per insegnare

"Ho sempre creduto in quello che facevo, sopratutto nei lunghi anni di studio che mi hanno permesso di tagliare questo traguardo"

Di:

Manfredonia. Una storia moderna con un dejavù da inizio ‘900: andare via dall’Italia nel fiore dei propri anni, raggiungere gli Stati Uniti d’America per vedere coronato il proprio sogno professionale e di vita. Nei giorni in cui si fa un gran parlare di trasferimento all’estero dei giovani italiani e della discussa riforma del sistema scolastico nazionale, ecco la storia di Annalina Vaira, trentenne di Manfredonia che dallo scorso luglio insegna presso la ‘Penn State University in York’ nello stato della Pennsylvania.

Se nei due secoli precedenti gli italiani partivano con una valigia di cartone in cerca di alterne fortune, pronti ad affrontare il difficile ambientamento nel non facile ambiente sociale ed economico d’America, Annalina è volata negli States con grande determinazione ed un profilo professionale di spessore, che in breve tempo hanno consentito al suo sogno di diventare realtà.

“Ho sempre creduto in quello che facevo, sopratutto nei lunghi anni di studio che mi hanno permesso di tagliare questo traguardo, motivo d’orgoglio per me e per la mia famiglia – racconta Annalina Vaira -. Mi sono laureata a Bari in ‘Lingue e letterature straniere’, precisamente in “Traduzione Tecnico Scientifica’, nel novembre del 2013 ed ho anche conseguito la Laurea Magistrale. Qualche tempo prima sono stata per un mese a New York City ed ero già affascinata dagli Stati Uniti d’America; dopo la Laurea ho iniziato a ‘lavoricchiare’, ma ho sempre sognato l’America!”.

Annalina non molla la presa e torna negli States nel luglio 2015 con un visto da turista per 3 mesi. “In quel periodo scopro che la ‘Penn State University’ stava per assumere attraverso concorso interno degli esperti linguistici, tra cui c’era un solo posto per l’insegnamento della lingua italiana. A gennaio di quest’anno – aggiunge – sono ritornata in America ed a fine febbraio ho sostenuto e superato il mio primo esame scritto, al quale è seguito il colloquio orale che prevedeva la simulazione di una lezione in classe di fronte a studenti statunitensi e ad una commissione di professori. Finita questa prova, dopo pochi giorni mi hanno comunicato l’esito finale: avevo avuto la meglio sugli altri due ragazzi che concorrevano con me , una ragazza spagnola ed un ragazzo canadese. Credo sia stato uno dei giorni più belli della mia vita; la commissione si congratulava per la mia preparazione e posso dire di essere orgogliosa di aver studiato a Bari”. Quindi da metà luglio Annalina Varia inizia a lavorare per la ‘Penn State University’, che le ha proposto di conseguire presso la loro sede un Dottorato di Ricerca.

Ma è stato difficile ambientarsi? Si sente un cervello in fuga? Consiglieresti questo “atto di coraggio” ad altri giovani?

“Non e’ sicuramente facile, ma per queste scelte serve coraggio – evidenzia la docente- . Mi sento un cervello in fuga già da quando nel 2012 avevo vinto una Borsa di Studio a Parigi; da quel momento ho avuto contezza che quello che volevo fare, purtroppo, non potevo farlo in Italia, o almeno non me ne veniva data la possibilità. Consiglio ai giovani di studiare e sicuramente di inseguire i loro sogni. Ad esempio, in America la meritocrazia e’ sovrana. Non credo che restando in Italia avrei potuto trovare spazio in questo momento per quelle che sono le mie competenze. Magari tra vent’anni…”.

Carriera a parte, c è qualcosa dell’Italia che manca ad Annalina Vaira?

“Mi manca la mia terra , mi manca Manfredonia. Sono felice di esserci nata e vissuta perchè con me ho portato tutto quello che di buono la mia città mi ha dato, sopratutto la schiettezza e la genuinità. Sono figlia di un grande uomo. Mio padre Nicola ha sempre sacrificato sè stesso per me. I suoi sacrifici mi hanno permesso di arrivare dove sono – prosegue -. Perciò spero che oggi lui e la mia famiglia oggi siano fieri e soddisfatti. Come disse il grande Nelson Mandela: «L’educazione è il grande motore dello sviluppo personale. È grazie all’educazione che la figlia di un contadino può diventare medico, il figlio di un minatore il capo miniera o un bambino nato in una famiglia povera il presidente di una grande nazione. Non ciò che ci viene dato, ma la capacità di valorizzare al meglio ciò che abbiamo è ciò che distingue una persona dall’altra»”.

Un anno da incorniciare per Annalina Vaira che oltre al lavoro, Oltreoceano ha trovato l’amore. “A dicembre mi sposo nella mia amata Manfredonia con Brandon, un americano doc. Auguro ai tanti e validi giovani della mia terra le mie stesse fortune, ricordando loro di non abbattersi assolutamente davanti ai primi ostacoli ed alle porte chiuse in faccia, perchè con la tenacia, prima o poi, i propri sogni diventano davvero realtà”.

(A cura di Matteo Palumbo, Manfredonia 08.10.2016)

redazione stato quotidiano.it



Vota questo articolo:
9

Commenti


  • Domenico Pio

    Buonasera/buongiorno.
    Sicuramente “lo spazio di sistema” nelle nostre terre è intorno ai cinquant’anni…
    i complimenti anche da parte di chi non lo sà…
    ma sul matrimonio ricordo un detto che dice “moglie e buoi dei paesi tuoi”…la gioventù li vuole far cambiare veramente questi detti?Anche perchè non può essere che un domani, cambiando il “finanziatore” e il territorio di lavoro, vada a perdere consistenza se non fondatezza questo tipo di matrimonio? Solo un’opinione, data la notizia resa pubblica, si pensa con consapevolezza degl’interessati…bisogna pensar bene a ciò che lega un uomo a una donna e se può essere un legame eterno o “a scadenza”…anche perchè se “il giovane si applica alla sapienza, quando si farà vecchio la troverà”,
    e la vecchia di cent’anni ha ancora da imparare…
    Che sia fatta la Sua volontà…
    Grazie per l’attenzione e la possibilità di commento…
    ricordo la fede…


  • lettore attento

    Lunghi anni di studio? Una laurea compresa la magistrale non dura piú di 5 anni


  • Raffaele Vairo

    Complimenti alla Prof.ssa Annalina Vaira per il prestigioso incarico ottenuto presso la ‘Penn State University in York’ nello Stato della Pennsylvania (USA).
    Colgo l’occasione per confutare coloro i quali (e sono in aumento) sono convinti che studiare (io dico seriamente) non serve!
    Il nostro Paese se non valorizzerà il merito, continuando a far valere le conoscenze, le raccomandazioni, gli imbrogli e i trucchi nei concorsi, le mazzette, il nepotismo e il familismo non ha né presente né futuro. Ogni hanno sono decine e decine di migliaia i giovani “brillantemente laureati” che lasciano l’Italia, e molti per non tornarci più.
    Mi permetto di aggiungere che, come la la Prof.ssa Annalina Vaira, sono orgoglioso anch’io di aver studiato a Bari!
    Good Luck to you Annalina!


  • lettore attento

    Ma davvero è cosí facile insegnare nelle universitá americane?


  • antonio

    puo darsi lettore attento…però non credere ke sia cosi facile laurearsi in certe facoltà


  • lettore disattento

    Ci sono utenti, come “lettore attento” pronti a criticare tutto. Rilassati. Non si sa con certezza se nelle università americane è facile insegnare, ma, di certo, in Italia è facilissimo postare “commenti inutili” sul web.
    Congratulazioni alla Prof.ssa Vaira.


  • Alfonso

    Non sei l’unica! Tanti, ma tanti ragazzi e ragazze di Manfredonia, hanno varcato i confini della penisola e si sono inseriti in stutture eccellenti con mansione prestigiose. Non mi dici niente di nuovo. E’ la dura e cruda realta’ di un Paese cosi’ bello ma senza risorse lavorative.


  • TEO

    Ma grazie
    In Italia solo la vita del politico è semplice
    Pensa un po’ se sta ragazza doveva insegnare in Italia sarebbero passati altri 10 anni tra corsi abilitazioni e concorsi


  • peppe

    nota…..si rammenta ai cari lettori…che insegnare nelle scuole estere quando sei madrelingua(in questo caso italiana), basta una semplice domanda scritta ed un semplice colloquio formale per poter insegnare in qualunque istituto….di certo non ci vuole la laurea in ingegneria nè tanto meno parliamo di fughe di crevelli…in quanto non è una laurea in ingegneria aereospaziale con voti 110 e lode….
    di certo stando al titolo fuga negli states…al massimo matrimonio negli states….non per essere critico..ma non diciamo czz…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati