Manfredonia
Nota stampa

Manfredonia, successo per programma “Rotary per i Castelli”

Il Rotary club di Manfredonia ha dunque organizzato, all’interno del programma nazionale Rotary per i castelli, questa giornata impostata sull’ospitalità e sulla conoscenza

Di:

Manfredonia. Grande successo del programma Rotary per i Castelli svolto nella giornata di domenica 2 ottobre a Monte Sant’Angelo. Nonostante la giornata di pioggia, ben oltre una settantina, fra rotariani e non provenienti da tutta la regione, sono stati gli amici convenuti nella cittadina dell’Angelo per visitare e conoscere i beni preziosi sottoposti a patrocinio dell’Unesco. La giornata, organizzata dal Rotary club di Manfredonia con il presidente Mario Frattarolo, si proponeva di far conoscere il nostro patrimonio religioso, artistico e monumentale ad un pubblico qualificato di opinion leader e cittadini normali che vedono nel turismo di qualità una frontiera sempre più foriera di sviluppo economico e culturale.

Il Rotary club di Manfredonia ha dunque organizzato, all’interno del programma nazionale Rotary per i castelli, questa giornata impostata sull’ospitalità e sulla conoscenza.

Il professor Marco Trotta infatti si è prestato con estrema disponibilità a svolgere la funzione di cicerone d’eccezione all’interno della Basilica di San Michele, del battistero di san Giovanni in tumba (cosiddetta tomba di Rotari), del castello normanno svevo, e del centro storico. Nonostante la pioggia la giornata si è svolta nel modo migliore, anche perché gli ospiti hanno successivamente potuto gustare e assaggiare i prodotti della gastronomia garganica con calma e relax. Successivamente i visitatori hanno lasciato la città garganica consapevoli di aver visitato un gioiello del patrimonio urbanistico e artistico italiano, oltre che uno dei principali centri della cristianità, portando con loro un ricordo che non mancheranno di trasmettere ad altri amici sia all’interno che all’esterno dei confini regionali a garanzia del fatto che, anche grazie a giornate come queste, è possibile aprire il nostro territorio a turismi di livello rispettosi degli ambienti e dei luoghi.

redazione stato quotidiano.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati