Stato prima
Nuovo appello di Obama che si è rivolto ai residenti delle zone degli Stati Uniti

Uragano Matthew: 842 morti

In Florida e Carolina del Sud è stato decretato lo stato d’emergenza

Di:

(ansa) Continua a salire il bilancio delle vittime per il passaggio su Haiti dell’uragano Matthew, 842 i morti accertati. Ma le autorità temono che il bilancio dei morti possa drammaticamente aumentare. A Jeremie l’80% degli edifici è distrutto come 30.000 abitazioni nel sud del Paese. Matthew lanciato verso la costa Sud, scende alla categoria 3 ma fa paura e ‘c’è grande preoccupazione che il vento possa rafforzarsi improvvisamente’. Nuovo appello di Obama che si è rivolto ai residenti delle zone degli Stati Uniti interessate dall’uragano e ha quasi implorato loro di evacuare laddove richiesto dalle autorità. (ansa)

Papa Francesco esprime il suo dolore per le vittime causate dall’uragano Matthew ad Haiti e “si unisce nella preghiera” con quanti hanno perso i loro cari. In un messaggio a firma del cardinale segretario di Stato Pietro Parolin inviato al cardinale Chibly Langlois, presidente della Conferenza episcopale haitiana, il Santo Padre assicura la sua “vicinanza spirituale” a coloro che sono stati colpiti da questa calamità, affidando “ i defunti alla misericordia di Dio, perché li accolga nella sua luce”. Incoraggia infine gli aiuti e la solidarietà “in questa nuova prova che conosce il Paese”. Intanto, l’uragano è arrivato sulla costa Occidentale degli Stati Uniti. In Florida e Carolina del Sud è stato decretato lo stato d’emergenza.

VIDEO



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati