19 settembre 2014 - Aggiornato alle

Stato Quotidiano

SITA tratta Campobasso-Foggia, pendolari: al peggio non c’è mai fine

SITA tratta Campobasso-Foggia, pendolari: al peggio non c’è mai fine
08 novembre
11:31 2013
condividi

(image STATO@, archivio)

COME se il giorno prima non fosse accaduto nulla, alle ore 14,00 di giovedì 31 ottobre 2013, lo scenario che si presentava al Terminal Bus di Campobasso era il seguente: un numero “impressionante” di persone (e di altrettanti bagagli) che attendevano con ansia l’arrivo del bus, per poter “rubare” un posto per sedersi. Alcune di quelle persone erano pendolari giornalieri, che già il giorno prima avevano viaggiato praticamente in piedi per tutta la tratta Campobasso -Foggia (Km 90 e tempo di percorrenza 1 ora e 40 minuti).

Pertanto l’autista dell’autobus di linea ha ritenuto opportuno “dirottare” sul cd. “autobus di supporto” (ovvero l’autobus che parte da Campobasso ed arriva fino al Bivio di Motta sulla S.S. 17, lasciando i ragazzi di S. Bartolomeo in Galdo) tutti i viaggiatori diretti a Lucera, e mantenere su quello di linea i viaggiatori diretti a Foggia, in modo da ripartire equamente i viaggiatori, soprattutto in virtù del fatto che il cd. “autobus di supporto”non arriva a Foggia.

Il problema non era comunque risolto perché, per quanto i due pullman fossero strapieni, c’era ancora tantissima gente a terra.
Ciononostante il pullman di supporto è partito, ma a quel punto si è ritenuto opportuno chiamare il 113 ed informare quindi le Forze di Polizia di quanto stesse accadendo.

Per cui, gli agenti di P.S., arrivati al Terminal e valutato lo stato della circostanza, hanno ritenuto opportuno far partire l’autobus di linea con 50 minuti di ritardo, assicurandosi però che fosse già in arrivo un “terzo” pullman per i “terzi malcapitati”.

Questo per denunciare l’atteggiamento perseverante di un’azienda miope ed indifferente alle problematiche dei viaggiatori della tratta Campobasso-Foggia. Disagi di questo tipo stanno divenendo troppo frequenti. E’ necessario potenziare il servizio su questa tratta.

Perciò anche noi per dissentire da questo COMPORTAMENTO SCELLERATO diciamo: ”Adesso basta. Noi lavoratori paghiamo un abbonamento mensile, di non poco conto per un servizio part-time, visto che copre solo una parte della giornata e ci costringe, ogni settimana, due volte su tre, ad organizzarci con i mezzi propri e non riusciamo più a sopportare i disagi più volte espressi“.

(Lettera a Stato di Mancini Alessandro e Vitarelli Giacinta)

Tags
Vota questo articolo  

Articoli correlati

2 Commenti

  1. raff64fg
    raff64fg novembre 08, 12:22

    peggio dell’albania….ormai

  2. michele
    michele novembre 18, 09:13

    Quello che mi riesce difficile capire è, come mai la regione Puglia spende una valanga di denaro per trasportare 5/6 pendolari da CagnanoV.a Foggia Z.I.via autostrada e non riesce a organizzare un trasporto decende dove occorre.

Scrivi un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi richiesti sono evidenziati *

Angolo del Cittadino