ManfredoniaStato news
"Da anni abbiamo denunciato il clientelismo che si nascondeva dietro il ricorso a short list, co.co.co"

Precari e stabilizzazioni in Regione, Gatta: ci sia indagine seria

"Sul punto tace -e lo si comprende bene!- il Governatore"

Di:

Manfredonia – “DA anni abbiamo denunciato il clientelismo che si nascondeva dietro il ricorso a short list, co.co.co, co.co.pro, ricerche di personale palesemente indirizzate ad assumere ‘amici degli amici’. Oggi viene al pettine il problema dei precari che vanno stabilizzati. Sul punto tace -e lo si comprende bene!- il Governatore. Tace la giunta. Tacciono tutti coloro a cui da anni avevamo rappresentato i nostri malumori. Se tutto ciò fosse stato messo in piedi da un governo di centrodestra probabilmente sarebbero arrivate caterve di interventi giudiziari, di ogni genere. Invece, ogni giorno vengono fuori, addirittura 200 alla volta, elenchi di precari, ora anche dalle società partecipate. La cosa buffa di tutto ciò è che vengono stabilizzati non solo, impiegati, funzionari e dirigenti professionalmente ineccepibili, ma anche quanti hanno partecipato a concorsi pubblici e non hanno superato neanche la prima prova”.

“E’ necessaria una indagine che partendo dalle rassegne stampa degli ultimi anni, dalle interrogazioni sulla materia, analizzi il fenomeno e chiarisca le responsabilità anche per la mancata e corretta pubblicità degli atti. Nel frattempo, le eventuali nuove esigenze per il loro soddisfacimento dovranno trovare strumenti eticamente corretti, dalla fase della predisposizione dei bandi o delle semplici ricerche di personale tra quanti siano in possesso dei requisiti minimi, che devono essere oggettivi ed imparziali.

Occorre dare un taglio a certe logiche e metodiche che penalizzano il merito e che mortificano tutti coloro i quali credono ancora nella serietà dei processi di selezione nella Pubblica Amministrazione”.

Lo scrive in una nota il consigliere regionale di Forza Italia avv.Giandiego Gatta.

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Precari e stabilizzazioni in Regione, Gatta: ci sia indagine seria ultima modifica: 2014-11-08T11:52:10+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
6

Commenti


  • io

    Mi scusi sig Gatta, ma l’assunzione di .. presso una partecipata del comune, in base a quale criterio è stata fatta? Ops, parliamo del comune, ….


  • paki

    Sveglia…………….si accorge solo ora di vivere a Manfredonia?


  • carlo

    Le indagini alla Regione si facciano sui VITALIZI dei consiglieri, e accellerare la chiusura delle Regioni e Province che sono diventate delle resistenze burocratiche e preferenz….. Lo Stato non puo’ sostenere piu’ questi sistemi sanguis….

  • Certo che negli ultimi tempi commenti tanto ma tu insieme ad Ognissanti perché non avete difeso l’ospedale di Manfredonia che sta perdendo i suoi reparti? i precari è un problema nazionale però vorrei dirle signor Gatta che i disoccupati sono tanti ci pensi.


  • Illogico

    Solo un politico locale HA DIFESO il NOSTRO Ospedale: GIANDIEGO GATTA.

    E’ inutile che cerchiate di influenzare la pubblica opinione con commenti negativi fatti su misura… ci sono le delibere consiliari della Regione a dimostrarlo!!!

    Siete ridicoli… trovatevi un lavoro, piuttosto che accettare la schiavtù della sinistra manfredoniana… un minimo di DIGNITA’!!!

    Pensate ai voti “venduti” alla Gentile alle Europee… mamma e che coerenza!!!


  • Manfredonia senza partiti e politici di opposizione

    I politici di Manfredonia sono tutti amici. Le sedi dei partiti di opposizione una volta esponevano cartelli di protesta e di informazione per i cittadini..ora tutto tace…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi