Manfredonia
A cura di Pascalonia

U pappele e lla féfe

Di:

Cudde, llu chèpe chèpe d’i frecune,
cudde ca cumanne tutt’a chemune,
ogne tande ce dice na fissarije.
Sta volte ve ll’ja dice pure a vvuje.

Quanne ce sté ammizze lli ggènde,
agnune tene nu sendemènde,
ne nge po’ jèsse sèmbe d’accorde
specje pe chi lli cose ce lli scorde.

Ce lègge, cj’acconde e ce scrive…
ma jisse ce lla pigghje a rise.
“Ma che penzéte?… nescjune ve sènde….”

Tu mo dice… e sì cundènde?
Ji vere… sì proprje nu frecone!
Da’ timbe, ca lli cose vann’a mode…
Cume decètte u pappele a lla féfe:
“Poche a lla volte t’àmma sgravutté!”

Pascalonia

Il tarlo e la fava

Quello, il capo dei capi dei friconi,/ quello che comanda tutte le comuni (chiaviche),/ ogni tanto ci racconta una sciocchezza./ Questa volta la devo dire pure a voi./ Quando si sta fra la gente,/ ciascuno ha un proprio sentimento (idea),/ non si può essere sempre d’accordo/ specie con chi le cose (promesse) le dimentica./ Si legge, si racconta e si scrive (sul suo comportamento),/ ma lui se la prende a risate ( se ne infischia)./ “Ma che cosa pensate? Nessuno vi ascolta…”/ Tu mo dici… e sei contento?/ E’ vero sei proprio un fricone!/ Dai tempo, che le cose vadano a modo (per il loro verso)…/ Come disse il tarlo alla fava:/” Poco alla volta ti dobbiamo bucare (frantumare)!”



Vota questo articolo:
0

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati