Manfredonia
"Con la Legge europea appena approvata chiudiamo 12 contenziosi con l’Ue"

Legge Ue. Bordo: Quinta della legislatura, Italia fuori da immobilismo

"Nel corso dell’esame del provvedimento sono state inserite norme volte a dare finalmente attuazione alle disposizioni europee in materia di razzismo e xenofobia"


Di:

Roma. “Cinque Leggi europee approvate dall’inizio della legislatura. Un traguardo importante che ci riempie di orgoglio perché consente all’Italia di mettersi al passo con l’Europa e assicurare ai cittadini un risparmio enorme strappando definitivamente il nostro Paese dal pantano dell’immobilismo nel quale era finito nelle scorse legislature quando il Parlamento non riusciva a chiudere, o lo faceva molto lentamente, le vecchie Comunitarie. Così le procedure di infrazione lievitavano e, di pari passo, affidabilità e peso dell’Italia a Bruxelles diminuivano. Desidero
quindi esprimere gratitudine e apprezzamento a Parlamento e Governo perché grazie a questa legge verranno aumentate le garanzie a tutela dei diritti fondamentali consentendo di cogliere tutte le opportunità che l’Europa offre ai cittadini italiani, dalla libera circolazione al lavoro, dalla sanità al fisco”. Lo scrive, in una nota, il presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera Michele Bordo, del Pd, dopo l’approvazione della Legge Europea 2017 da parte dell’Aula di Montecitorio.

“Con la Legge europea appena approvata chiudiamo 12 contenziosi con l’Ue: 3 procedure di infrazione – portando il numero di quelle pendenti a 61 – 8 casi di pre contenzioso e un ennesimo Eu-Pilot. Si tratta di un risultato senza precedenti se si considera che a febbraio del 2014 sulla testa del nostro Paese pendevano ben 119 procedure (37 per mancato recepimento delle direttive e 82 per violazione del diritto europeo) prosegue Bordo.

“Nel corso dell’esame del provvedimento sono state inserite norme volte a dare finalmente attuazione alle disposizioni europee in materia di razzismo e xenofobia. Estesi inoltre l’ambito di applicazione e le risorse disponibili per l’indennizzo alle vittime dei reati intenzionali e violenti. Punti che rispecchiano la nostra visione dell’Europa come di una comunità dei diritti e delle garanzie e che dimostrano la volontà del Governo e del Parlamento di ridare al nostro Paese il ruolo che merita in Ue come esempio di sicurezza e solidarietà” conclude Bordo.

Legge Ue. Bordo: Quinta della legislatura, Italia fuori da immobilismo ultima modifica: 2017-11-08T17:45:03+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
5

Commenti


  • Antonello Scarlatella

    Magari se iniziaste anche a fare delle riforme a tutela delle piccole e medie imprese e dei cittadini in difficoltà …..non sarebbe male.
    Vi ricordo che, se non vado errato negli ultimi 5 anni abbiamo avuto in Italia 702 suicidi a causa della crisi economica…
    Manco il terremoto è riuscito a fare tanti danni in vite umane.


  • Sorridi sei a Manfredonia: la città dei balocchi

    Giustissima osservazione di Scarlatella

  • RICCARDI, CAMPO E BORDO : VERGONATEVI


  • Raffaele Vairo

    Caro On.le Bordo,
    Lei non sarà sicuramente d’accodo ma la UE è diventata per il nostro Paese un cappio al collo.
    Con l’euro abbiamo ceduto la nostra sovranità monetaria e siamo diventati schiavi dei mercati finanziari.
    Le politiche UE improntate all’austerità hanno prodotto fallimenti di imprese, soprattutto piccole e medie, disoccupazione dilagante e precarizzazione del lavoro, specie giovanile, svalutazione dei salari, blocco della contrattazione collettiva, privatizzazioni di servizi pubblici essenziali, tagli allo Stato sociale (sanità, scuola e università, previdenza e assistenza, servizi sociali, trasporti, ecc.), sofferenze umane e sociali, aumento della povertà, diseguaglianze intollerabili nella distribuzione della ricchezza, una fiscalità generale iniqua e insostenibile, un aumento del debito pubblico (nonostante il quantitative easing di Mario Draghi), il bail in bancario, tagli agli Enti locali, ecc., ecc., ecc.
    Siete riusciti ad inserire in Costituzione (art. 81) anche l’irresponsabile e incosciente pareggio di bilancio, per effetto del demenziale Trattato UE fiscal compact, il cd “Patto di bilancio europeo”.
    In Europa siamo andati, addirittura, a chiedere se “per favore” possiamo spendere a deficit la ricostruzione delle case terremotate…
    Credo non valga la pena la pena aggiungere altro…


  • uomo arrabiato

    Condivido in pieno il pensiero del Professor Vairo Raffaele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi