CulturaSport
L’autore ne parla con la pluri maratoneta pugliese Mariella di Leo

“Non ci resta che correre”, in omaggio a Pietro Mennea

“Volevo solo correre e invece sulla mia strada non faccio che incontrare storie”


Di:

Barletta, 8 novembre 2017. Un omaggio al grande Pietro Mennea, una dichiarazione d’amore per la corsa. Di tutto questo parla “Non ci resta che Correre”, romanzo autobiografico scritto da Biagio D’Angelo, autore al suo libro di esordio. Insieme a Mariella di Leo, pluri maratoneta pugliese , 60 in tutto, reduce dall’ultima 42 km di New York, racconteranno il grande potere della corsa, come occasione per avere una seconda opportunità nella vita, come occasione per salvarci la vita. L’appuntamento è domani 9 novembre alle 18.30 alla libreria Punto Einaudi di Barletta (Corso Garibaldi 129).

“Volevo solo correre e invece sulla mia strada non faccio che incontrare storie”. Il mondo del running visto da un’angolazione nuova, poetica, lontano dall’ossessione delle performance e dei record”.

In Italia ci sono 6 milioni di persone che, più o meno abitualmente, si dedicano al running. Un vero e proprio fenomeno in corsa che coinvolge 200 mila runner abituali, sia uomini che donne che corrono almeno 3 volte alla settimana e partecipano alle gare competitive (dalla mezza maratona in su).

I runner li si incrocia al mattino presto, in pausa pranzo, o alla sera. O il sabato e la domenica mentre affollano parchi, strade di periferia, argini di fiumi e strade di campagna. O ancora ai nastri di partenza di una maratona. Il libro racconta di questo mondo, di un’Italia fatta di città e paesi di provincia, un’Italia vista da una prospettiva insolita, quella di attraversa le sue strade correndo: dalle periferie milanesi alla Sicilia, dalle montagne dell’Alto Adige alla Brianza, attraverso personaggi insoliti e curiosi: il prete corridore, la ragazza che corre le maratone in compagnia del suo amato dalmata, e quello che, pur senza una gamba, decide di iscriversi a una maratona armato solo delle sue stampelle e di tanto coraggio, solo per citarne alcuni.
In tutto il libro, attraverso la voce del protagonista, alle prese con lo scetticismo di un figlio di 10 anni che lo snobba non considerandolo all’altezza di Bolt o dei grandi atleti keniani, si incrociano le vicende di personaggi reali e di fantasia, in un racconto di volta in volta appassionato e commovente.

La presentazione si terrà a Barletta alle ore 18,30 Libreria Punto Einaudi, Corso Garibaldi 129

“Non ci resta che correre”, in omaggio a Pietro Mennea ultima modifica: 2017-11-08T15:23:38+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi