Lavoro

INPS, boom domande disoccupazioni: +32.5%

Di:

www.pensierolibero.altervista.org

Boom delle domande di disoccupazione. Tra gennaio e novembre 2013 sono state presentate all’Inps, 1.949.570 richieste con un aumento del 32,5% rispetto alle domande presentate nei primi 11 mesi del 2012. Lo rileva l’Inps spiegando che a novembre sono state presentate 130.795 domande di ASpI, 45.844 di mini ASpI e 556 domande di disoccupazione (tra ordinaria e speciale edile).

L’Inps ricorda che da gennaio 2013 è cambiata la normativa di riferimento per la disoccupazione e la mobilità con l’entrata in vigore delle nuove prestazioni per la disoccupazione involontaria, ASpI e mini ASpI. Le domande che si riferiscono a licenziamenti avvenuti entro il 31 dicembre 2012 continuano ad essere classificate come disoccupazione ordinaria, mentre per quelli avvenuti dopo il 31 dicembre 2012 le domande sono classificate come ASpI e mini AspI.

Nello stesso mese sono state inoltrate 9.027 domande di mobilità, mentre quelle di disoccupazione ordinaria ai lavoratori sospesi sono state 82.

Per quanto riguarda la cig, invece, nel 2013 le ore autorizzate di cassa integrazione hanno abbondantemente superato il miliardo (1.075 milioni) registrando un calo dell’1,36% sul 2012. L’Inps spiega che a dicembre le ore autorizzate sono state 85,9 milioni (-0,7% su dicembre 2012).

Il lieve calo registrato a dicembre rispetto a dicembre 2012 e’ totalmente imputabile agli interventi di cassa integrazione ordinaria e in deroga, calate rispettivamente del -9,4% (da 26,1 milioni a 23,6 milioni di ore autorizzate) e del -16,7% (a 22,4 milioni di ore).

La cassa integrazione straordinaria, sottolinea l’Inps, fa segnare un aumento del +18,8% raggiungendo i 40 milioni di ore. Il calo dell’1,36% delle ore di cassa registrato nell’intero 2013 e’ stato determinato interamente dalla riduzione della cassa straordinaria in deroga (-22,93%), mentre la cassa ordinaria è cresciuta.

Fonte Rassegna.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi