Foggia
Nota del Comitato “Foggia per Emiliano”

‘Buona scuola e gender’, “scritta una brutta pagina”

"Negativa l’idea di organizzare un evento del genere"

Di:

Foggia – Continua a far discutere il convegno svoltosi giovedì sera presso la parrocchia di Gesù e Maria di Foggia, e intitolato “La Buona scuola: come difendersi dal Gender?”, organizzato dalle associazioni La Manif Pour Tous Foggia, il Forum delle Associazioni Familiari della Provincia di Foggia, e il sindacato di Polizia Nuova Forza Democratica.

A prendere nettamente le distanze anche il Comitato Foggia per Emiliano, che giudica negativamente l’idea di organizzare un evento del genere. “Un convegno il cui titolo e tema è vergognoso nella sua contrarietà al senso della storia, all’apertura che la stessa Chiesa cattolica ha fatto, alle evoluzioni della società che non può nascondersi dietro una “normalità” che non è classificabile nella dicotomia donna/uomo – sottolinea Patrizia Lusi, coordinatrice del Comitato che sostiene la candidatura di Michele Emiliano alle prossime elezioni regionali – che al suddetto convegno sia stata consentita la partecipazione di un assessore comunale che nel suo ruolo istituzionale deve rappresentare tutta la comunità, rende ancora più grave l’oltraggio che è stato perpetrato alla città di Foggia che non discrimina in base al sesso di appartenenza, che non esclude in base alle preferenze sessuali, che tende all’inclusione del diverso (ma diverso da chi poi?) e deve fare delle differenze (di qualsiasi genere) la sua forza. I nostri bambini sono più avanti di noi, sono abituati a giudicare le persone per quello che sono e non per quello che rappresentano. Dovremmo imparare da loro”.

”Il Comitato Foggia per Emiliano si propone di stimolare iniziative a favore della divulgazione dello spirito di uguaglianza ed appartenenza ad un unico genere che altro non sia che quello di “essere umano”, nell’ottica della costruzione di una società che tenda ad includere le diversità e a farne fattore di crescita e ricchezza. Siamo anche sicuri che le nuove politiche delle Regione Puglia andranno nella direzione di stimolare azioni civiche in questo senso attraverso la fase di ascolto di tutte le associazioni che da tempo sono impegnate nello studio di queste tematiche, a cui rivolgiamo l’appello ad una proficua collaborazione”.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi