ManfredoniaVieste
Per la prima volta il Gargano offre un pacchetto week-end invernale esperienziale che sta già riscuotendo grandi consensi

San Valentino, ‘Fuga d’amore a Vieste’, pranzo vegargan a Cagnano

Il progetto è nato dall’Agenzia di marketing territoriale Sinergie di Vieste, in collaborazione con il Food Creative Artist, Costantino Maccarone ideatore del progetto Vegargan

Di:

Foggia. Per la prima volta il Gargano offre un pacchetto week-end invernale esperienziale che sta già riscuotendo grandi consensi. San Valentino sarà infatti occasione per inaugurare un progetto sperimentale di destagionalizzazione che toccherà i comuni di Vieste, Cagnano Varano e Vico del Gargano. A Vieste il Country Hotel Agricostella organizzerà la sera del 13 febbraio“La fuga d’amore di S Valentino” offrendo agli ospiti una cena, un pernottamento con oli da massaggio aromatizzati agli agrumi del Gargano e al mattino colazione in camera. A Cagnano Varano invece il 14 febbraio si terrà presso la Masseria didattica Falcare un pranzo di cucina vegana con prodotti garganici provenienti dall’azienda stessa. Si potrà inoltre sperimentare attività di Pet therapy. Il pomeriggio proseguirà a Vico del Gargano dove si festeggia il santo patrono tra agrumi e alloro. Il progetto è nato dall’Agenzia di marketing territoriale Sinergie di Vieste, in collaborazione con il Food Creative Artist, Costantino Maccarone ideatore del progetto Vegargan. “ L’obiettivo” spiega lo Chef Maccarone “ è quello di cominciare a destagionalizzare davvero partendo dalle eccellenze che il nostro Gargano offre anche nella stagione invernale. Sappiamo che è una sfida ma siamo sicuri di vincerla. Infatti il progetto proseguirà a S Giovanni Rotondo, Carpino e Sannicandro con le stesse finalità”. “Sia per la Fuga di San Valentino che per il pranzo vegano a Cagnano”, spiega Francesca Toto esperta in marketing territoriale dell’Agenzia Sinergie “le adesioni sono molto incoraggianti e stanno arrivando anche da fuori provincia. Obiettivo è individuare una eccellenza portante in tutti i comuni garganici e valorizzarla attraverso il cibo in un workshop itinerante in Italia e all’estero affinché nel Gargano riparta la produttività agricola e faccia da traino al turismo anche in periodi di bassa stagione”. (nota stampa)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi