Manfredonia
"L'opera consentirà l'utilizzazione di un tratto di costa caratterizzato dalla presenza di scogli, mediante l'installazione di una serie di pedane di legno a più livelli"

Solarium in zona Acqua di Cristo, proteste lettori: “lasciate in pace i nostri scogli” (FT)

Botta e risposta sui social tra pro e contro

Di:

Manfredonia. PROTESTE a Manfredonia, in città e sui social, in seguito alla prossima realizzazione di un “Solarium” con servizi in località ‘Acqua di Cristo – viale Miramare’, area pubblica frequentata ogni estate in primis dai residenti. In particolare, il permesso di costruire riporta la data 25.01.2016, rilasciato alla ‘La Roca’ sas (vedasi tabella). Direttore dei lavori e progettista l’Architetto Massimo Campanile. Progettista delle strutture l’ingegnere Fabio Rinaldi. La data di inizio lavori riporta il 03.02.2016.

Cosa dovrebbe essere realizzato. Come riportato in un atto dell’Autorità Portuale di Manfredonia, dell’ottobre 2015, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Foggia con nota parere del 04.06.2014, autorizza “La realizzazione di un solarium per il noleggio di ombrelloni e lettini, avente natura temporanea (ovvero sarà posizionato solo durante la stagione estiva). L’opera consentirà l’utilizzazione di tale tratto di costa caratterizzato dalla presenza di scogli, mediante l’installazione di una serie di pedane di legno a più livelli che seguiranno l’orografia della scogliera fino al mare, con la conseguente realizzazione di un chiosco servizi + WC (in legno per il corpo Servizi-Reception-Bar ed in una struttura prefabbricata metallica per il corpo W.C.), la realizzazione di due spogliatoi (uomo/donna) e di tre docce, in località ‘Acqua di Cristo – viale Miramare’ del Comune di Manfredonia”.

L’Autorità portuale di Manfredonia – con atto del 19 ottobre 2015 – ha concesso alla società “La Roca di Spagnuolo Leonardo & C. sas” di Manfredonia, nella persona del socio accomandatario e rappresentante, di “occupare, per il periodo della stagione estiva, un’area demaniale sita nel Comune di Manfredonia al viale Miramare di mq.1080, da adibire a solarium giornaliero e noleggio ombrelloni, avente scadenza il 31.12.2018”.

Botta e risposta tra pro e contro. “Oramai siete arrivati alla frutta a Manfredonia“, scrive un lettore sui social. “Non sono d’accordo. Meglio una costruzione artificiale dell’essere umano che scogli naturali di cui potenziali problemi“, secondo un altro utente. “Il bello…lo stiamo vedendo!!!!“, aggiunge un cittadino. Invece secondo un altro utente “il problema di Manfredonia sono i Manfredoniani. Non ci sta bene mai niente. Poi andiamo fuori è diciamo ‘quanto è bello’ ‘quanto turismo’ ‘qui c’è lavoro‘”. “Un’altra -.- x far sparire la nostra scogliera“. “Invece io dico a chi vuole tenere Manfredonia nel passato ……VAFFA…….”, aggiunge un lettore favorevole invece alla realizzazione.

Allegati
solariumlaroca (1)
solariumlaroca (2)
solariumlaroca (3)

Fotogallery Stato Quotidiano.it

Redazione Stato Quotidiano.it – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
40

Commenti


  • Jack d

    Togliete Manfredonia ai manfredoniani!


  • Moralizzatore

    Ma vi rendete conto che state privatizzando quel poco di spiaggia libera rimasta? Non provate un minimo di vergogna ad avere una quantita spaventosa di porti semi abbandonati, capannoni e vecchie strutture che rendono qualsi un’impresa vedere il mare a Manfredonia? Eppoi mi venite pure a parlare di turismo?


  • Giorgio

    I manfredoniani con questo Solarium non avranno più spazio libero nel centro abitato per fare il bagno senza pagare. Restano ormai solo poche decine di metri non occupati dagli stabilimenti balneari. Una città di sessantamila abitanti ed estesa per cinque km di costa è praticamente senza spiagge e spazi liberi per i bagnanti. E’ scandaloso e vergognoso! Parlare poi di occupazione in questo caso è ridicolo e offensivo. Qui non si tratta di “mantenere Manfredonia nel passato…” ma di mantenere quel “poco di presente che ci è rimasto…” All’imbecille che ha detto VAFFA…. ai contrari alla realizzazione del Solarium rispondo: NON TI LASCIO MA RADDOPPIO IL VAFFA….


  • Fabio D.

    Ma con che logica l’Autorità portuale di Manfredonia concede questi permessi?

    Mah!!!


  • Manfredoniani popolo di pecoroni e servi.

    Non è bastata la distruzione di una bellissima scogliera ubicata in pieno centro, non è bastato aver creato centinaia di metri di paludi, non è bastato aver scempiato tutta la zona sud..continuano con le barbarie sulla città. Questo cazzo di solarium perchè non lo fate nella zona paludi? Lo fanno perchè sanno che siamo una massa di pecoroni e non è ancora finita..il bello deve ancora venire!!


  • Maestro

    Tutti abbiamo delle idee, tutti abbiamo il diritto di dire la nostra,ma la domanda nasce spontanea: ma davvero possiamo pensare per il futuro al turismo? Siamo un paese morto in tutti i sensi senza nessuna progettualità per,senza nemmeno la possibilità di sognare. Una classe politica autoabbottonata, una classe imprenditoriale morta e noi cittadini Tutti che sappiamo solo lamenntarci tra le mura di casa. Infine non giudichiamo le istituzioni, sono il frutto delle nostre semine. O si lotta cari cittadini o si muore, anzi, si rimuore.


  • Luca

    Temporanea dal primo gennaio al trentuno dicembre?


  • fitto

    Bellissima idea complimenti
    Finalmente qualcosa di bello


  • ezio

    FINALMENTE, INIZIATIVA INTELLIGENTE. LE SPIAGGE LIBERE SONO BELLE QUELLE CHE SI VEDONO NEI FILM, A MANFREDONIA LE SPIAGGE LIBERE E GLI SCOGLI LIBERI DIVENTANO L’OCCASIONE PER BIVACCARE E SPORCARE. LE SPIAGGE LIBERE SONO UN MONDEZZAIO A CIELO APERTO, MEGLIO LA PRIVATIZZAZIONE.

  • Perché mon ci ribelliamo, siamo buoni solo a scrivere e sparlare. Stanno facendo i -loro e noi dormiamo.buonanotte paese di -ke siamo.


  • Paolo

    Compagni di merende… State distruggendo la città …. Il piano delle coste non ancora deve essere approvato in regione e questi se ne f….. Scriviamo in massa alla procura della repubblica …. Non lo possono fare …


  • antonella

    I risultati della politica a Manfredonia si vedono sempre, purtroppo se si vuole puntare sul turismo e aprire la città ad esso, bisogna che si sacrifichi tutto, vedrete , la politica farà grande Manfredonia, e se stessa.


  • Reynold

    Quel pezzo di scogliera non si tocca, deve rimanere libera ed accessibile a tutti, qui non si parla di turismo ma di distruzione della nostra storia.


  • Enzo

    Noi vogliamo il turismo ma non qui a Manfredonia, ci piace vivere di assistenzialismo, di politica, di fare impresa tramite la politica, di fare feste e festicciole e poi di lamentarci sempre.
    Quando qualcuno investe propri soldi c’è sempre qualcuno a criticare.
    Questo è quello che meritiamo, e questa classe politica è frutto di questa società
    Chiudiamo tutto e andiamo ai Caraibi


  • Childerico

    Il turismo? Ancora? Ma non doveva arrivare a secchiate col porto turistico?


  • Antonio

    C’è chi si nasconde dietro la parola turismo per far quel che vuole, parlate di turismo e non avete la minima idea di cosa sia. Manca la base per il turismo, e voi pensate che questo solarium rilanci il turismo? Magari chi difende quest opera è perché ha i suoi interessi? Perché noi manfredoniani siamo delle pecore, istruitevi, documentatevi, e prima di parlare di turismo vedete bene di cosa state parlando. Non è solo carnevale e feste varie..


  • Ze Peppe carnevele

    E’ L’ultimo atto di un inciucio di destra e sinistra dell’ammucchiata del palazzo speriamo che qualcuno inizia ad approfondire.


  • pep

    Il turismo a mf è impraticabile fatevene una ragione, è solo un tema x inebriare la popolazione, xchè dovrei pagare x villeggiare in un posto dove nn c.è nulla di bello e turisticamente rilevante. La pavimentazione lignea degli scogli può essere una bella cosa x la fruibilitá di scogli altrimenti sporchie scomodi. Ma se li preferite cosi…


  • evasore

    per fortuna il progetto non è stao fatto dal noto studio della bariera frangiflutti, altrimenti avremmo avuto un’altra palude anche all’ Acqua di Cristo


  • Pollice Sipontino

    Peggio del sacco dei turchi e della Unita d’Italia……….Chi salverà Manfredonia dai/lle manfredoniani/e ????? Mi hanno raccontato, se non ricordo male, alla “cunzarii”, si effettuava la concia delle pelli. Gli scalini sono artificiali. In primavera, la caletta veniva chiusa da reti, le pecore venivano fatte scendere in mare per lavare la lana, poi tosarle e rilavare il vello ottenuto. Anche l’insenatura , più ampia, dove adesso insiste l’albergo Gargano, veniva chiusa da reti, come “a cunzarii” e vi facevano scendere le pecore. Poteva, “a cunzarii” essere valorizzato in altro modo?


  • iovidi

    Offresi, vendesi… aum, aum…. pezzi di Manfredonia con bella vista sul mare, in deroga al piano regolatore che disponeva che bisognava dare alla vista della città il proprio mare
    Si suggerisce di fare domanda per la realizzazione diporti turistici e non, di stabilimenti balneari, possibilmente su arenile ancora libero….. ristoranti sotto il bel vedere prospicienti il mare/porto…. Solarum invasivi di sogliere, da togliere ai cittadini della città che non meritano di bagnarsi nel proprio mare se non cacciando tanti soldini che andranno a finire nelle tasche di “im…prenditori” e soci degli stessi.
    Povera Manfredonia così bella ma mai così perduta.


  • valerio

    Non credo che avrà molti clienti. Chi vuoi che vada in un lido dove è vietato fumare?
    Salterebbe tutto in aria, visto il via vai di navi cisterna che attraccheranno li davanti….


  • Il bello viene ora!

    Ed ora tocca al giganteschi bomboloni! La più spaventosa quantità di Gpl da custodire (oltre 60 milioni) e con miliardi di litri da stoccare e trasportare, dove potevano piazzarla..nella città più idiota, addormendata, balocca, frivola, servile del mondo verso la politica: Manfredonia.


  • Scoglio pubblico

    Come suggeriva più di un commento che mi ha preceduto(lasciando perdere i favorevoli “disinteressati”) a passare a forme di proteste concrete. La mia proposta è di formare un comitato permanente per la salvaguardia della mini scogliera che ci è rimasta. Magari ci vediamo/riuniamo tra sabato e domenica. Pregherei la redazione di dedicare spazio necessario a questo ennesimo scempio su un territorio ormai facile preda di una imprenditoria stracciona e miope. Abbiamo il sole? Ci facciamo un bel solarium è stata la grande pensata e noi che facciamo? Dobbiamo impedirglielo.


  • giovanemanfredoniano

    da quel che risulta il progetto ha ricevuto tutti gli assensi relativamente ai “vincoli” esistenti, quindi di cosa vi lamentate? sarà un’opera temporanea e realizzata tramite pedane in legno (altro che colate di cemento e compagnia cantante). ben vengano queste iniziative purchè nel totale rispetto delle norme.


  • Fabio D.

    Ma a chi è stato in pratica rilasciato questo permesso? (alleghiamo l’atto,ndr)


  • Jack d

    che poi alla fine sono sempre i “soliti” a poter accedere a queste tipe di autorizzazzioni……


  • sipontino

    togliami.manfredonia.da.chi..comanda…cos.per.dire


  • pino83

    Il problema è che anche l’atro locale sugli scogli era partito come solarium e doveva essere rimosso a fine stagione ora si è trasformato in un locale permanente!!!Chi controllerà e sarà responsabile della rimozione del solarium?


  • svolta

    Altro che solarium questo è un altro esempio , tipico manfredoniano e di una tipica politica di specie squalum….


  • valerio

    @giovanemanfredoniano Il problema è che un giovane di 15 anni se non ha soldi, dove va a fare il bagno?


  • pino83

    Prima c’era RipTel ora c’è R.I.P. scoglio!!!!!!!


  • Moralizzatore

    Quando sentite parlare di strutture “temporanee” non fidatevi. Per corso Manfredi c’è un esempio di struttura di legno “temporanea” che sta lì da anni, in Largo Diomede idem. Tra parentesi c’è già lì vicino una struttura in legno che esiste da anni. Il porto turistico è semi deserto e ci sono pochissime attività rimaste. Quanto pensate possa durate ancora a queste condizioni? Nel frattempo altri tratti di costa sono stati mangiati e privati ai cittadini.


  • dino giordano

    La cosa che più mi indigna è che si parte da un principio giusto di un imprenditore che vuole investire nella stagione estiva mettendo su una struttura attrezzata etc. e si sceglie il “posto buono” dove farlo individuandolo sugli ultimi scogli (ancora) liberi. Ha avuto tutti i permessi e le autorizzazioni necessari a quanto pare. Possibile che chi amministra la cosa pubblica non abbia niente da obbiettare? Possibile non sappia che la scogliera dell”Acqua di Cristo” d’estate è super affollata dai non-Vip,famiglie intere,l’anima popolare di questa città? Invito tutti i” tipi da scoglio “, i frequentatori abituali da l’Isola che non c’è” alla sorgente dell’ex Nautico a farsi sentire. C’è una fetta della popolazione che si gode l’estate sugli scogli liberi da parcheggi,ombrelloni, docce,etc. a pagamento.


  • Il mago

    A tutti coloro che stanno commentando se veramente tenevate al vostro scoglio,non lo riempivate di rifiuti ,c…..he di cani siete buoni solo a vedere quello che fanno gli altri e giudicare (se si bun fall pur tu)


  • pentastellato

    Ogni popolo ha il governo che si merita


  • fato

    Ma per avere i bagni pubblici dobbiamo aspettare Una pedana? VERGOGNA AMMINISTRAZIONE! MENTRE D’ESTATE I TURISTI E NON FANNO I BISOGNI PER STRADA


  • svolta

    Area privata a uso pubblico: il Comune non può concederla al bar per i tavolini.
    “Non sembra logico ed ammissibile che il Comune consenta l’utilizzo dell’area privata a uso pubblico, per i tavolini di un esercizio commerciale, limitando conseguentemente il passaggio pubblico”. Così la recente ordinanza 184/2016 del Consiglio di Stato,

    Fonte: Area privata a uso pubblico: il Comune non può concederla al bar per i tavolini
    (www.StudioCataldi.it)
    ANALOGIA con gli Scogli ?


  • Michele

    Gentile Redazione
    come mai sull’albo pretorio online del comune non vi è traccia del PdC 10/2016 del 25/01/2016 (dati riportati sul cartello di cantiere come vostra foto allegata all’articolo), anzi il primo pubblicato è il n. 14/2016?
    Non vi è l’obbligo di pubblicazione?
    Grazie


  • Moralizzatore

    Il miglior modo di rispondere a questa ennesima scellerata distruzione della costa è col boicottaggio. Ogni altro commento è superfluo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi