Manfredonia
"Vi sono realtà e aggregazioni, fortunatamente anche a Manfredonia, che non sono al soldo di nessuno"

Gpl, escluso da incontro con sindaco, protesta Coordinamento

"Deve essere altresì chiaro che Manfredonia ha già pagato un prezzo altissimo in conseguenza degli inquinamenti ambientali subiti"


Di:

Manfredonia – ”La storia, si sa, è un continuo di corsi e ricorsi, vicende sostanzialmente simili che si ripropongono in tempi, forme e con soggetti diversi. Perciò è importante conservare e fare tesoro della memoria e delle esperienze vissute.

Talvolta c’è chi ritiene di essere depositario di tutte le verità e non si fa scrupoli di farsi arrogantemente beffe di ogni significativo insegnamento della storia, pensando che tutto possa essere subordinato ad interessi particolari propri e di pochi eletti. A questa elite di persone “ispirate” a senso unico, sembra sicuramente iscritto l’attuale (e, speriamo, non più) Sindaco di Manfredonia. Il suo fastidio per le voci non allineate è noto. Come pure i suoi argomenti di “convincimento”, dato che quasi mai negli anni recenti a Manfredonia il dissenso ha prodotto una coerente e limpida opposizione istituzionale e politica.

La nostra è diventata una città dalla vita democratica difficile, dove, se l’azione punitiva ed emarginante del ceto politico ed istituzionale dominante non produce gli effetti desiderati della sottomissione, il cittadino libero, che osa continuare a pensare autonomamente con il proprio cervello, deve attendersi di tutto: dai proiettili a casa agli editti intrisi di falsità ed ingiurie.

Ciononostantele voci considerate “di troppo” continueranno ad esistere e sarà un bene per il futuro della città, edinvitano con determinazione ogni cittadino a prendersi carico della propria terra, a non lasciare decidere a chi, per ragioni di profitto personale, vuole deturpare il nostro territorio e la nostra casa in cui vogliamo continuare a vivere con dignità. In fondo, lo sappiamo, chi specula sull’abuso del territorio, chi ne trae benefici anche in modo oscuro, non ha proprio al centro dellasua vita e nel suo cuore il luogo dove compie i misfatti.

È stato così per i boiardi di Stato dell’ex Anic-Enichem, lo sarà altrettanto per il mega deposito di GPL della Energas, per le paventate pale eoliche a mare, peraltre ferite che alcuni pensano di poter infliggere alle nostre risorse naturali e ambientaliper realizzare facili e lucrosi affari nella produzione energetica, in netto contrasto conla più evidente vocazione turistica e agroalimentare locale e sulla testa della totalità dei cittadini.

È particolarmente deplorevole poi che si continui, da parte di chi rappresenta le Istituzioni locali ai massimi livelli, a rappresentare in modo distorto le finalità e l’azione volontaria e gratuita dell’Associazionismo. Vi sono realtà e aggregazioni, fortunatamente anche a Manfredonia, che non sono al soldo di nessuno, tantomeno di chi, mestierante della politica e delle Istituzioni, ne vorrebbe fare strumento di servile esecuzione di ordini. Associazioni che hanno sovente dimostrato che a parità di dignità, nell’interesse della città, è utile e doveroso collaborare con la pubblica amministrazione, quando, appunto, le condizioni e gli obiettivi condivisi lo consentono. Le Associazioni non devono essere organismi servili e assuefatti al potere, altrimenti diventano un’altra cosa, più vicina all’interesse privato di qualche personaggio o gruppo di interesse.

Le Associazioni impegnate nel Coordinamento per la tutela e lo sviluppo del territorio sono costituite da giovani che vogliono rendersi utili all’interesse generale ed alla città, da lavoratori e lavoratrici che arrivano con difficoltà a fine mese, da genitori di ragazzi, anche laureati con alto merito,che da anni sono stati costretti a lasciare Manfredonia per cercare altrove speranze di lavoro e di vita dignitosa, da disoccupati e casalinghe che cercano di dar corpo ad un futuro migliore. Non ci sono tra noi professionisti e benestanti che fanno vacanze in luoghi ameni, ma se ci fossero non ne rifiuteremmo certamente la partecipazione, se consapevole e limpida.

Chi distorce, ingiuria e diffama, accecato dalla sete di potere e dal non sapere far altro fuori dalla politica, chi probabilmente non sa cosa vuol dire la mancanza di lavoro, sono proprio coloro che pensano di essere sempre dalla parte dei più forti, specie se non hanno mai fatto una giornata di vero lavoro e se riescono a vivere unicamente grazie agli incarichi della politica e delle Istituzioni.

Il lavoro, per chi lo cerca, per chi si è battuto per tutelarne i diritti, per quanti ne fanno la ragione fondamentale della propria vita, ha un valore assoluto di gran lunga superiore alla protervia del potere, ma deve essere sicuramente rispettoso della terra che ci ospita ed avere come obiettivo la buona qualità della vita e del welfare della comunità.

Sull’Energas è grave il comportamento ponzio-pilatesco dell’Amministrazione comunale e del maggiore partito, il PD,che la sostiene. Essi non solo non assumono una posizione chiara e tengono disinformati i cittadini, ma pretendono assurdamente, tentando di nascondere le proprie responsabilità, che siano i cittadini a fare azioni giuridiche e atti burocratici che sono in primis un preciso dovere di chi dovrebbe preventivamente tutelare la popolazione rappresentata nelle funzioni istituzionali.

Il nostro impegno è sostenuto da dati e conoscenze scientifiche, quindi potrà essere utile, ma nessun Comitato scientifico può sostituire,a prescindere,la volontà dei cittadini di autodeterminare lo sviluppo del proprio territorio. Chi ha vissuto e conosce la recente storia industriale locale sa che la sola ricerca di tecnicismi e la sottovalutazione delle vocazioni produttive locali sono già costate non poco al nostro territorio e alla comunità.

L’impegno delle Associazioni che aggregano i cittadini in modo libero e gratuito e di quanti in prima persona le rendono attive è in primo luogo quello di promuovere informazione e partecipazione democratica per difendere e migliorare le condizioni di vita, mettendo in guardia dal rischio di disastro ambientale. È uncontributo che andrebbe positivamente valutato perché offerto da persone che si fanno sentinelle dell’intero territorio, talvolta pagando ingiustamente di persona, al fine di rendere consapevole tutta la comunità della gravità di scelte come quella di insediare un mega deposito di GPL a Siponto.

Deve essere altresì chiaro che Manfredonia ha già pagato un prezzo altissimo in conseguenza degli inquinamenti ambientali subiti e che tuttora essa è circondata da situazioni di degrado ambientale che rischiano di inficiare ogni prospettiva di sano sviluppo. Come Coordinamentoproseguiremo la mobilitazione per costruire questa nuova prospettiva di sviluppo, sempre pronti a confrontarci in luoghi pubblici con le Istituzioni e con chiunque,sicuri che i cittadini manifesteranno chiaramente e continuamente il loro apporto a questa giusta battaglia.

COORDINAMENTO CITTADINO PER LA TUTELA E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO (Bianca Lancia, DauniaTur, Garganica Gruppo Acquisto Solidale, Lavoro&Welfare, LIPU, Manfredonia Nuova, Meetup M5S, Sacco&Vanzetti, Sipontini in Movimento, Stigmamente)

Gpl, escluso da incontro con sindaco, protesta Coordinamento ultima modifica: 2015-04-09T23:55:50+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
7

Commenti


  • Raffaele Vairo

    Il Coordinamento per la tutela e lo sviluppo del territorio sta svolgendo un’opera meritoria di informazione e sensibilizzazione sul “demenziale” progetto di insediamento del mega deposito di GPL a Siponto. Io sono convinto (mi auguro di sbagliare) che le decisioni, anche a livello “politico-istituzionale”, siano state già prese. Il progetto coinvolge grossi interessi, economici (che non sono certamente quei pochissimi occupati previsti) e politici. Tuttavia, ci sono ancora margini per contrastare, con gli strumenti e le forme di lotta forniti dall’ordinamento giuridico e dalla democrazia rappresentativa e diretta (quest’ultima provoca l’orticaria ai politicanti), questo demenziale, assurdo e sciagurato progetto. A questo punto, la domanda sorge spontanea: come andrà a finire? Risposta: sarà determinante il risultato delle imminenti elezioni comunali. Voglio concludere con una breve riflessione sull’incipit dell’articolo riguardante la storia; sono d’accordo quando si dice che “è importante conservare e fare tesoro della memoria e delle esperienze vissute”, ma (e mi dispiace dirlo) a Manfredonia, che io ricordi, la storia non è mai stata “maestra di vita”. Cari concittadini, “se mi sbaglio mi corriggerete….” alle prossime consultazioni elettorali!


  • Manfredonia sfigurata

    Referendum cittadino entro il 10 di MAGGIO!!! Chi ha deciso per noi???? Come cacchio si è permesso!!!????? Ma stiamo scherzando 63.000 milioni di litri di GPL proprio a Manfredonia????? Oh ma cia vete preso tutti per scemi!!
    A manfredonia il 99% della popolazione non vuole nuovo spaventoso insediamento???????? LO sanno i politici?????


  • Contrario al Gpl a Manfredonia

    Ma è vero che sarà posto un grande tubo dal porto industriale a fronte nel nostro mare? E se fosse vero e scoppiasse lo sapate che una bella onda anomala potrebbe mettere a repentaglio la sicurezza di bagnanti e del naviglio che si troverebbe nelle circostanze? Perchè installare questa mega centrale a Manfredonia, che dovrebbe puntare sul turismo e non su questo tipo di attività? Perchè la popolazione non è stata informata dagli organi istituzionali con una adeguata e dettagliata informazione?


  • Wu Ming 189°

    Io sono io, e voi non siete un c..
    #JeSuisRiccardì

    https://www.youtube.com/watch?v=fHgjxnDGdp8


  • ang

    Perdonate perché da perfetto politico pensa solo a me stesso.


  • Uno di Voi

    Pure le pietre e le persone più ottuse sanno che questo comitato PSEUDO-TECNICO DOVE CI SONO PERSONE AMICHE serve a palleggiare la popolazione fino al giorno delle elezioni.

    Per perdere tempo, senza esprimersi chiaramente in merito, il vostro Sindaco che tanto ama la sua città si è appellato in ordine:

    1) al silenzio. (perchè ama tanto la sua città!);

    2) dopo le denunce, le manifestazioni e le pressioni del M5S, …..all’Ing. Marino dell’Energas; (perchè ama tanto la sua città!)

    3) dopo l’interrogazione in Aula del Consigliere Comunale Scarano, all’assessore Brunetti; (perchè ama tanto la sua città!)

    4) dopo il coordinamento per la tutela e lo sviluppo del territorio, Riccardi ha risposto con offese gratuite ed arroganza, messe tra l’altro nel suo sito a farne bella mostra della sua “risolutezza” (perchè ama tanto la sua città!)

    5) dopo il netto No del M5S, e il No di “Forza Italia”, di “Manfredonia che funziona”, di “Manfredonia Nuova”, il vostro Sindaco Riccardi risponde con la Commissione Tecnica addomesticata “grandi rischi” tipo quella dell’Aquila. (perchè ama tanto la sua città!). Tipo Napolitano e i 30 saggi!

    6) Un consiglio al nostro ArciVescovo Michele Castoro, prima che si esprima in merito.

    Se per caso anche Lei, Sua Eccellenza, intimorito dalla spaventosa opera dell’Uomo che distruggerà un angolo del Creato che ricade nella sua Diocesi (e posta a solo 2 Km dal Monastero di San Leonardo), prenda ufficialmente le dovute distanze da questo scempio, suggerisco al vostro Sindaco, per perdere ulteriormente tempo, di non pronunciarsi con un si o un no, ma di aspettare l’apertura della Porta Santa del 8 dicembre 2015, per consultare direttamente il Celeste e assistere a qualche segnale divino durante il varco della Porta Santa!

    Ma è mai possibile che 30 consiglieri abbiano paura di esporre le loro idee su questo folle mostro che è in arrivo in città?

    Se non potete dire no, almeno dite pubblicamente si, ma dite e fate qualcosa! Lo sapete che rappresentate 60.000 abitanti tenuti all’oscuro di questo scandalo, ogni giorno più mostruoso per come viene gestito dal Sindaco che tanto ama la sua città?

    Tutti insieme riusciamo a fargli capire che noi la città l’amiamo molto ma molto più di lui, ma non solo a parole ma anche e sopratutto con i fatti?


  • Marco

    X Manfredonia sfigurata

    Il referendum non serve, lo hai già fatto tu…sei andato a chiedere casa per casa ad hai ottenuto il tuo bel 99%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi