Manfredonia
"Questa città può permettersi un vuoto amministrativo con un commissario?"

“Angelo ha il diritto costituzionalmente protetto alla difesa”

"Sappiamo che c’è un Consigliere delegato con la sua bella stanza, scrivania, telefono"

Di:

Manfredonia. ”La notizia del rinvio a giudizio del Sindaco Angelo Riccardi, non ha colto nessuno impreparato, anzi le reazioni sono state come da copione, garantisti oggi di quà domani chi sà, giustizialisti nuovi e vecchi, reiterate richieste di dimissioni, azzeramento della giunta e via dicendo. Personalmente come fiero e leale avversario politico, nell’ultima competizione elettorale, ho già espresso il punto di vista mio e del movimento che rappresento ed ho cercato nella dialettica elettorale di privilegiare i programmi le idee ed il timing di realizzazione delle stesse, cercando nei pubblici dibattiti il confronto anche serrato sull’idea di città futura. La situazione giudiziaria del Sindaco era ben nota in campagna elettorale ai cittadini, egli ha cercato un basso profilo, altri hanno cercato di farne argomento di confronto anche aspro. L’elettore nella sua capacità di scernimento, ha dato la sua fiducia per il 58% ad Angelo Riccardi e per il 72% alle sue liste, quindi la città ha ritenuto ininfluenti le sue vicende giudiziarie per la carica che ricopriva e che chiedeva la riconferma. Altro è la discussione se il voto sia stato influenzato più o meno dalla poderosa ingerenza economica dell’ente pubblico nella vita della città.

Questa città può permettersi un vuoto amministrativo con un commissario? Probabilmente si o forse no, ma quello che non si può permettere è un’ulteriore guerra all’interno del P.D. con cruente primarie che polarizzerebbero con relativo tifo da stadio, l’interesse della città distogliendo l’attenzione sui problemi reali. Angelo ha il diritto costituzionalmente protetto alla difesa ed alla presunzione di innocenza, con tutti i modi che la legge gli mette a disposizione, la città non si fermi è gia troppo ferma su se stessa, non ci serve un tifo da stadio! Angelo la gente si aspetta atti concreti, dopo un anno dalla riconferma, che fine ha fatto l’incubatore d’impresa promessa a me ed alla città in un pubblico dibattito? Di certo sappiamo che c’è un Consigliere delegato con la sua bella stanza, scrivania, telefono ecc….ma sappiamo anche che cè un progetto con finanziamenti già pronti e nuova e qualificata occupazione che bussa alle porte di questo comune, cosa si aspetta? forse c’è un conflitto politico di competenze? La città aspetta fatti non pettegolezzi”.

(A cura di Giovanni Caratù, Manfredonia 09.05.2016)



Vota questo articolo:
6

Commenti


  • zonzo

    io mi faccio una domanda: perchè non ha chiesto il giudizio immediato?


  • Un cittadino che aspira alla carriera politica.

    Solidarietà alle migliaia di politici inquisiti e condannati. Sono certo che loro pur di soddisfare e portare a termine “l’alta e speciale” missione sociale” sono stati oggetti ad errori in buona bene perchè i politici agiscono esclusivamente per il bene supremo del soddisfacimento dei bisogni del popolo.


  • Benito

    Caratù, non ho dubbi, sei il miglior politico del momento a Manfredonia. Hai chiarito, senza essere di parte, la situazione in cui ci troviamo noi e il nostro sindaco.
    Ti prego di essere più presente nella collettività perchè Manfredonia ha bisogno di uomini come te.


  • guido piano

    si angelo ha il diritto —-ma ha dimenticato i doveri


  • zak

    -a sua insaputa…


  • Uno di Voi

    L’Italia è lo Stato più corrotto in Europa, con un giro di oltre 60 miliardi d’euro all’anno. In carcere, condannati in modo definitivo, per reato contro la pubblica amministrazione (e quindi non solo per corruzione) in Italia ce ne sono solo 228 in totale! (Fonte: Fatto quotidiano del 08 marzo 2016.)

    Ecco cosa comporta il garantismo ipocrita di gente ipocrita che ipocritamente si lamenta e che stupidamente non capisce la causa dei mali….perché non c’è peggior sordo di chi non vuole sentire.

    Caratu’ una delusione, gli altri sono sbarbatelli, ma tu sei navigato e quindi hai una grave aggravante!

    Uno che vuole ragionare con i numeri parte dai dati certi e non dai desiderata, facendo leva su paure inesistenti in una città se in essa vige realmente lalibertà di pensiero e di critica.

    Si leggono, invece, comunicati scritti da gente ubriaca che vede doppio o non vede il baratro in cui è precipitata Manfredonia, dove gli ex cittadini non hanno più autodifesa democratica, senza alternativa credibile, senza speranze e quindi senza futuro!

    Sul caso Riccardi una dimostrazione lampante dello stato retrogrado, medioevale, di puro servilismo che si respira nelle sfere alte delle associazioni della città, non solo politiche, ma soprattutto culturali e sociali, che si ripercuoteranno inevitabilmente sulla distruzione ulteriore del già massacrato territorio.

    La situazione politica di Manfredonia è:

    MANTIN’M CA T’ MANTENG!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This